Magazine Cultura

La ciminiera

Creato il 19 novembre 2015 da Renzomazzetti
LA CIMINIERA

CARDI

I negri vivevano nei loro ghetti, nelle loro tribù della foresta e avveniva che a fianco della moderna ciminiera di Lumumbaschi, a fianco di macchine moderne che lavoravano l'oro, il rame, l'uranio, vivessero ammassati esseri umani legati ad una civiltà antica e primitiva. Il Congo era una zona di silenzio e i belgi se ne vantavano, indicando agli altri colonialisti la bontà del loro sistema, che manteneva il Paese in pace. Era una pace apparente e mostruosa: una pace fondata sulla violenza della repressione dei paras, pronti al massacro in ogni momento e sulla segregazione razziale più ipocrita. Di fatto, i belgi avevano tagliato la testa al popolo congolese mantenendolo analfabeta e nella miseria, impedendo che da esso potesse nascere un sia pur piccolo gruppo di dirigenti politici, di persone colte e preparate. Nessun congolese aveva una laurea. (Ricordo da un racconto di Irina).

ASCIUGA LE TUE LACRIME, AFRICA! (parte)

Ci è toccato bere

a tutte le fonti

la sventura e la gloria.

E tutti i nostri sensi si aprono

allo splendore della tua bellezza,

agli aromi delle tue foreste,

e alla magia delle tue acque,

alla trasparenza del cielo

e alla violenta carezza del sole

e alla grazia delle foglie verdi

sulle gocce di perla della rugiada.

-BERNARD DADIER-

Vedi: IL VERME RIPIENO (3 novembre 2015)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine