Magazine Cultura

La città medaglia d’oro di Casa Vianello

Creato il 09 agosto 2011 da Albertocapece

La città medaglia d’oro di Casa VianelloI parmigiani erano così: si sentivano gli abitanti di una capitale, minuscola certo, ma elegante, attraversata dai sogni letterari di Stendhal e di Proust, attaccati al mito un po’ arcadico di Maria Luigia. Una città capace di convogliare e sublimare lo spirito malinconico e sanguigno della bassa, dentro una formale compostezza. Meno bella di Bologna, meno fascinosa di Ferrara, meno dinamica di Modena, Parma era però Parma, detta con la erre arrotata francese: non so se mi spiego. Un mondo che intingeva la madeleine nel brodo degli anolini che riscattava il culatello col Nabucco e nella cui Chartreuse poteva annidarsi anche una Califfa.Un mondo dove potevano convivere Attilio Bertolucci, Zavattini  e Guareschi senza contraddizioni.

Ma anche un città non esile che aveva saputo opporsi ai fascisti di Italo Balbo proprio nell’anno della vittoria di Mussolini, decorata della medaglia d’oro della Resistenza e che dopo la guerra ambì a diventare capitale di una regione a se stante l’Emilia Lunense, una striscia di terra dal Po al Tirreno. Un sogno geografico bonario a confronto con quello xenofobo della Padania.

Insomma una città civile che tuttavia possiamo prendere a emblema dei veleni del berlusconismo e dei loro effetti devastanti: in una ventina d’anni la vecchia piccola capitale si è fatta conquistare dalle sirene della easy way promessa dal Cavaliere: è passata da giunte di sinistra a giunte di destra, ha conosciuto per prima  lo sfondamento della Lega. Una mutazione non solo politica, ma di un intero ambiente come dimostra la triste vicenda di Parmalat, una deformazione e deviazione del senso di diversità. Oggi la città ha 600 milioni di debiti, è diventata un focolaio di corruzione e impotenza. Oggi è anche la città che cancella il parco Falcone e Borsellino per intitolarlo a Vianello e Mondaini, una sostituzione di cui nessuno sentiva la necessità che non è solo uno schiaffo verso la storia di questo Paese, una abdicazione dal suo senso e dall’onore che va reso ai suoi uomini migliori, ma un precipizio verso la banalità televisiva. L’ultima sponda di una paciosa e abulica inciviltà.

Altro che Maria Luigia, ormai è la città di Canale 5 e di Casa Vianello, di governi locali fatti di maneggi e di cricche. Questa sì che è una triste decadenza. E così si potrebbe dire che il parmigiano di una volta non esiste più, si è fatto corrompere dal grano padano.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La dolce casa degli orrori

    dolce casa degli orrori

    Di Lucio Fulci con Cinzia Monreale, Giuliano Gensini e Ilary Blasi(!!!)Una coppia viene uccisa da un ladro sorpreso nella propria abitazione. Dopo il funerale... Leggere il seguito

    Da  Pellicoledallabisso
    CINEMA, CULTURA
  • La casa e l’informatica

    casa l’informatica

    La casa , un luogo tremendamente importante per la nostra vita: ci si nasconde da sguardi e orecchie indiscrete, ci si ama, si genera vita e morte. Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ
  • La Casa Stregata - Bruno Corbucci

    Casa Stregata Bruno Corbucci

    Italia. Anno Domini MCMLXXXII. Bruno Corbucci e Mario Amendola decidono di costruire una commedia con elementi sovrannaturali/fantasy che all'epoca andavano... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • “La casa viola” – Marco Scalabrino

    casa viola” Marco Scalabrino

    Un giorno mi hanno chiesto: “che cosa è la poesia? Come si scrive?” E ho trovato difficoltà a rispondere al secondo interrogativo. Leggere il seguito

    Da  Temperamente
    CULTURA
  • La casa dei 1000 corpi

    casa 1000 corpi

    Gli amanti del genere, non posso non essere soddisfatti di questa pellicola. Io lo reputo più uno splatter. Fa proprio schifo. Sangue, violenza e omicidi così... Leggere il seguito

    Da  Sabato83
    CINEMA, CULTURA
  • La casa dei destini intrecciati

    casa destini intrecciati

    di Erica BauermeisterPrezzo di copertina: € 17,60Formato: RilegatoPagine: 242Lingua: ItalianoTitolo originale: Joy for BeginnersEditore: Garzanti LibriAnno di... Leggere il seguito

    Da  Annalisaemme
    CULTURA
  • La casa che brucia

    Lo sentita così tante volte, questa metafora della casa che brucia, per indicare la nostra economia in pericolo, che quasi mi dimenticavo che le persone che... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ

Magazines