Magazine Cultura

LA CONTESSA DELLE TENEBRE…mistero o realta?

Creato il 24 aprile 2010 da Samilla

LA CONTESSA DELLE TENEBRE…mistero o realta?

Chi era questa donna di cui poco si sente parlare in Italia ma è molto conosciuta in Olanda? La sua persona è strettamente collegata alla figura di Madame Royale, la figlia primogenita di Maria Antonietta e Luigi XVI (Vedere mio post Madame Royale)in quanto sembra che ci sia stato un voluto cambio di indentità. QUI INIZIA IL MISTERO! Madame Royale, Maria Teresa di Francia, Duchessa d’Angouleme, dopo l’esecuzione (ghigliottina, tanto in voga nel periodo) della zia paterna (a cui era stata affidata dopo la morte dei genitori e del fratello) secondo la storia fu accolta come prigioniera in Austria dall’allora sovrano, e cugino, dove poi sposò con il duca d’Angouleme (anche lui suo cugino). Fu regina di Francia per un giorno in quanto il marito abdicò subito in favore del nipote, Enrico V, che entrambi avevano accudito come un figlio dal momento che non ebbero eredi. (Così si estinse per sempre il sangue di LuigiXIV). Sembra che abbia poi trascorso il resto dei suoi giorni in Austria dove poi è morta alla veneranda età di 73 primavere (all’epoca un ottimo traguardo). MOLTI STORICI SOSTENGONO CHE QUESTA NON FOSSE LA VERA MADAME ROYALE, anche se durante la propria vita sembra aver sempre discusso con il sovrano austriaco inputandogli la colpa di non aver cercato di eviitare la morte di Maria Antonietta. E QUI ENTRA IN SCENA LA CONTESSA DELLE TENEBRE…Sembra che Maria Teresa sia stata messa sotto al protezione di un diplomatico olandese, Leonardus Van der Walk, detto, Conte Vavel de Versay e avrebbe vissuto con lui con il soprannome Comtesse des ténèbres nel castello di Eishausen, nel ducato di Hildburghausen, fino alla sua morte avvenuta nel 1837. La donnavestiva sempre di nero ee celava il suo viso con una veletta scura. La ragazza di camera sembra aver raccontato che tutta la sua biancheria era ricamata con gigli. La coppia benefecia dell’ospitalità e la protezione dei sovrani locali, il duca Federico de Saxe-Hildeburghausen e la moglie Charlotte de Sterlitz (AMICA D’INFANZIA DI MARIA ANTONIETTA). La coppia trascorrerà una vita all’ombra, senza mai partecipare alla vita mondana e la donna stessa non uscirà mai di casa se non accompagnata dall’uomo. Nessuno poteva avvicinarsi a questa dama nè alle stanze in cui viveva! Tutto girava intorno alla sua protezione.

La dama muore il 28 novembre 1837 e viene tumulata la sera stessa nel Giardino dell Montagna, una collina sopra Hildeburghausen, le cause della sua morte sono sconosciute. Viene riaperta la tomba nel 1890 e si accerta che i resti appartengono ad una donna. Il duca muore nel 1845 e controllate le carte si rinviene il nome di una certa Sophie Botta, celibe, morta a 58 anni e originaria della Westfalia. DOPO UNA RICERCA NEI REGISTRI DI QUELLA REGIONE NON COMPARE ALCUNA DONNA CON QUEL NOME!

Il segreto che questa donna nascondeva era così grande da dover essere mantenuto tale ad ogni prezzo e con ogni mezzo.

Secondo l’età del decesso la donna doveva essere nata intorno al 1775/78…

Non era segregata contro la sua volontà!….

La coppia ducale di Hildeburghausen conosceva la vera identità della dama e non l’hanno mai rivelata a nessuno, neppure alla figlia!…

I mezzi per mantenere questo segreto erano così grandi da far pensare a un’identità troppo importante e in pericolo per l’epoca in corso o appena trascorsa…

SONO ANCORA TANTE LE SUPPOSIZIONI, TRA CUI UNO SCAMBIO CON UNA FIGLIA ILLEGITTIMA DI LUIGI XVI (PURE LUI NON ERA UN SANTO!) MA IL MISTERO RIMANE TALE!

La cosa che più di tutto mi ha colpita è il resoconto che fa il dottore Lommler, chiamato per certificare il decesso : “donna sulla sessantina, la cui faccia presenta una somiglianza STUPEFACENTE con quello della regina MARIA ANTONIETTA DI FRANCIA…

Ci sono tutte le basi per un romanzo…e per studi che ancora vanno avanti da secoli…

riferimenti:

http://www.madame-royale.de/en/index.htm

http://www.madame-royale.de/en/index.htm


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :