Magazine Talenti

La dea Bastet

Da Alice
La dea BastetNel vasto e multiforme pantheon egiziano Bastet è la dea gatta, rappresentata come donna dalla testa di gatto o come una gatta nera. Il suo luogo di culto più importante era la città di Per Bast, che i Greci chiamavano Bubastis, nei pressi dei delta del Nilo, a circa 80 km a nord-est del Cairo, dove furono ritrovati molti templi a lei dedicati.La dea BastetIl giorno dedicato alla dea Bastet era il 31 Ottobre. Si beveva e si ballava a dismisura, e i bambini non potevano partecipare. Sul Nilo galleggiavano chiatte piene di donne, fiori e vino. Si dice che si trattasse di riti sensuali, pieni di musica e danze.
Erodoto afferma che il tempio di Bastet, costruito in granito rosso, era il più bello del paese e che vantava il maggior numero di fedeli, parlando di almeno 700000 persone, “bambini esclusi”. A Bubastis è stata rinvenuta una grande necropoli di gatti, migliaia di felini furono sepolti in gallerie sotterranee della città e dei dintorni di modo che potessero portare il messaggio del loro padrone fino agli dei.
Bastet nasce come divinità solare, personificando il calore benefico del sole; solo in epoca greca venne assimilata ad Artemide, diventando così una dea lunare. E’ proprio l’arco di Artemide a simboleggiare, nel periodo post classico, la falce lunare.
Ad Efeso era così adorata soprattutto come dea della fertilità.
Il gatto era un animale sacro in tutto l'antico Egitto e ad esso venivano dedicati templi, poesie e invocazioni, mentre i resti mortali ne venivano mummificati, ponendo acccanto alle mummie dei topi perché avessero cibo per l’eternità.
Era onorato perché proteggeva i granai dai topi e quindi il popolo dalla carestia, ma per quanto addomesticato, non era un animale abituato all’uomo come oggi.
Si dice che l’abissino incarni il vero gatto egiziano, ma il gatto egiziano per eccellenza resta il Mau, dallo splendido manto maculato, la corporatura agile, le fattezze simili a quelle trovate nelle pitture parietali delle tombe e nelle statue.
Gli egizi divennero talmente devoti alla dea Bastet e ai gatti che promulgarono leggi per impedirne l’esportazione ma i mercanti fenici riuscirono a contrabbandarne alcuni nei paesi del Mediterraneo. Era altresì severamente punito chi attentava alla vita di un gatto.
Bastet è indicata figlia di Ra, oltre che come uno dei suoi “occhi”, ossia che veniva inviata per annientare i nemici dell’Egitto e dei suoi dei.
È una dea dal duplice aspetto, pacifico e terribile: nella sua forma di gatta o di donna gatto è la dea benevola, protettrice dell’umanità, dea della gioia e delle partorienti; nel suo aspetto feroce è nota per le sue collere, rappresentata con testa leonina, ed identificata con Sekhmet, la Possente, dea della guerra (oltre che della medicina). Come tutti i felini è attraente e pericolosa assieme, dolce e crudele: è il simbolo della femminilità, la protettrice del focolare e della maternità, ma è anche pronta a lottare quotidianamente col serpente Apophis, colui che contrasta la corsa della barca solare e delle forze benigne della creazione. In una delle tombe della valle delle regine è raffigurata portando dei coltelli per proteggere il figlio del re, e si dice che abbia partorito ed allattato il faraone, del quale sarebbe la dea protettrice.
Suo attributo era il sistro, strumento musicale creato da Iside, e detenuto anche da Hathor; uno degli appellativi della dea gatta era “Signora delle Bende”.
Bastet seduce e incanta, in lei vi sono il maschile solare e il femminile lunare, la forza luminosa a tutti palese e la potenza indipendente e misteriosa, segreta, femminina, lunare.
Bastet era la Signora dell'amore, della gioia, del piacere, della danza e del canto e sotto la sua protezione erano posti gli animali a lei sacri, i gatti, ma anche chi incarnava questi aspetti di indipendenza e di fascino misterioso, di fragilità e di bellezza, quindi i bambini e le donne.
Ella era venerata e invocata dalle donne per avere in dono la fertilità e per proteggere poi la gravidanza.
Bastet incarna ciò che di più intimo e femminile è rinchiuso dentro di noi e attende, a volte, unicamente di emergere: la sensualità e la dolcezza, il fascino e la generosità, l’amore e la passione, il desiderio e il piacere, la vita che rifulge in tutta la sua pienezza.
La dea Bastet
[Fonte: www.ilcerchiodellaluna.it]

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La maturità.

    maturità.

    Oh. E finalmente me la sogno sta maturità. E finalmente ci torno su quei banchi scrostati e sbiaditi dal tempo, come tutti i cristiani hanno fatto prima o poi. Leggere il seguito

    Da  Monstersandco
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La Nuit

    Nuit

    I La Nuit sono un giovane gruppo alternative rock italiano di Vigevano (PV); sono attivi dal 2009, ma i componenti possono vantare una notevole esperienza... Leggere il seguito

    Da  Ant
    ARTE, CULTURA, LIBRI, MUSICA, TALENTI
  • la crisi

    2 ore a londra e ho combinato un macello.2 ore a londra e stavo per lasciare questo mondo.2 ore a londra e la crisi.ero a finchley road, aspettavo i ragazzi,... Leggere il seguito

    Da  Stil
    LIFESTYLE, TALENTI
  • La natura

    natura

    Una giornata diversa quella di ieri...La terra dai mille colori mi ha conquistata. Il verde-grigio delle foglie degli ulivi, il verde acceso delle'erba umida, i... Leggere il seguito

    Da  Milu
    RACCONTI, TALENTI
  • La rassegnazione

    Siedo quiescente e inerme su una vecchia seggiola di legno e paglia il mio sguardo immobile e assente volge all’orizzonte Scrutando lo sbattere dell’onde e il... Leggere il seguito

    Da  Wiald
    POESIE, TALENTI
  • La felicità

    Aperitivi, abbacchio al forno con patate. Una cena sul terrazzo dei tuoi con il venticello di settembre che ci solletica il naso e mi sposta i capelli. Leggere il seguito

    Da  Sciroccata
    TALENTI

Dossier Paperblog

Magazine