Magazine Racconti

La decisione

Da Ata
Sera.Ata è in camera sua, sotto le coperte. Ha portato il cordless con sé e digita il numero di Fè.Ha aspettato che finisse Un posto al sole in tv, perché sa che la sua amica lo guarda. In realtà, piace tanto anche a lei. Forse perché parla della sua terra, forse perché tratta di temi attuali usando un tono leggero, fatto sta, che è l'unica soap che segue da anni.Una volta, diverso tempo fa, saltò una lezione all'università, prese due pullman e raggiunse la salita di Posillipo, da cui si riesce a scorgere il famoso palazzo Palladini. C'è una vista mozzafiato lassù. Chissà come sarebbe vedere il mare dalla mitica terrazza...Suo padre non stava bene all'epoca, lei non poteva frequentare i corsi e non aveva né tempo, né testa per studiare. Quel giorno era dovuta andare per forza in segreteria, poi aveva deciso di farsi una passeggiata. Aveva bisogno di distrarsi, di respirare aria nuova e di sentire l'odore del mare.Aveva solo vent'anni, allora, e aveva scelto un rimedio infantile, ma sicuramente innocente per stare meglio.Filippo non c'era quel giorno, era in viaggio, uno dei tanti che ha fatto.Non può dire, però, che non le sia stato vicino. La chiamava tutti i giorni e al ritorno, quando seppe della sua piccola fuga, le regalò una cornice fatta con delle conchiglie, con dentro la foto di un meraviglioso tramonto sul mare e un gabbiano in volo verso il sole. Eh, ognuno si esprime a modo suo.Di certo, non poteva pretendere di più. Aveva anche una ragazza, allora. Come si chiamava?"Francesca" risponde Fè facendo uno sbadiglio. Sono due ore che stanno parlando al telefono, sopraffatte dai ricordi.Vabbe', forse la sua amica, più dalla stanchezza."Ah già, Francesca! Ma, poi, perché si lasciarono?"Fè fa un grande sospiro."Mah, forse perché lei si era stufata di trovare il telefono sempre occupato, visto che Filippo chiamava sempre te."Ata sorride orgogliosa. Aveva dimenticato questo particolare."Che insensibile egoista, però, quella Francesca!" esclama d'impulso."Come?" l'amica non riesce a trattenere la sorpresa."Ma sì, dai. Come faceva a non capire che io stavo male e che lui voleva consolarmi. In fondo, io lo conoscevo da molto più tempo di lei."Fè sbuffa dall'altro capo del filo."Io credo che al posto suo avrebbe dato fastidio anche a te."Ata soffoca un sorriso divertito."Hai ragione."L'amica si lascia sfuggire un altro sbadiglio."E poi, hai risposto alla mail di Filippo?""Sì.""E cosa gli hai scritto?" la curiosità di Fè si accende all'improvviso.Lei fa spallucce."Niente. Gli ho promesso che studierò.""E?""E che sono contenta se mi scrive e se mi spedisce altre foto.""E?""E basta."Fè emette un altro lungo sospiro."Certo che tu e lui vi siete accocchiati proprio bene."Ata abbassa mesta gli occhi."Anche Maris me l'ha detto.""E ha ragione!" sbotta l'amica. "Tu non dici, lui neppure... di questo passo vi farete vecchi e non avrete concluso nulla."Lei stringe con forza il telefono."Sì, però, quell' I love you, che voleva dire? E quel voglio che tu stia bene con te stessa quando tornerò? Poteva essere una promessa o solo una raccomandazione e...""Vabbe', fa' come vuoi." borbotta l'amica con voce impastata dal sonno."Oh," continua lei, "io non so mai cosa dire, come comportarmi e non volevo rovinare tutto con una frase sbagliata. Abbiamo iniziato a scriverci e per me è importante. Magari, con il tempo, di mail in mail, ci apriremo un po' di più e... ho anche preso una decisione. Fè, mi ascolti?"
"Ronf... ronf..."
Ata scosta la cornetta dall'orecchio e la guarda sbalordita.
"Stai dormendo? Fè?"
"Ronf... ronf..."
"Fè!"

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La grande festa dell'Islam

    grande festa dell'Islam

    Con il tramonto di questa sera, è iniziata "la festa dell'agnello", la solennità massima dell'Islam. Detta anche "festa del sacrificio", ricorda il sacrificio d... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    MONDO, RACCONTI, SOCIETÀ, TALENTI, VIAGGI
  • La fama e la fame

    fama fame

    Ho titolato questo articolo con un gioco di parole che è anche l’espressione usata da Enrico Brignano alla presentazione del suo terzo libro “Tutto suo Padre”... Leggere il seguito

    Da  Flavialtomonte
    RACCONTI, TALENTI
  • Vivere la notte oscura

    Vivere notte oscura

    Vivere durante l'oscura notte, respirare a pieni polmoni l'aria rarefatta di un cielo non più blu. Correre e percorrere verso nessun traguardo che non sia... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La Spicajola

    Mestiere prevalentemente femminile, e ciò giustifica la desinenza. La venditrice di pannocchie di granturco si appostava – e si apposta – all’imbocco di un... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Tema : La bugia

    Tema bugia

    Svolgimento:Tenevo le coperte sopra la testa con il cuore che mi batteva all’impazzata e aspettavo che tutto finisse. Le mani sul viso pigiavano forte il... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • La città in fiore

    città fiore

    Questo fine settimana la mia città si è colorata,è diventata un grande giardino,per allietare gli occhi di moltie per far starnutire chi soffre di... Leggere il seguito

    Da  Futura
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • La Domenica delle Palme

    Domenica delle Palme

    f.to dal webLa Quaresima si chiude con la Domenica della Palme ed inizia la Settimana Santa, che rappresenta,per i cristiani, il cuore di tutto l’anno liturgico. Leggere il seguito

    Da  Stelladellest
    RACCONTI, TALENTI

Magazines