Magazine Cultura

La donna della domenica – La recensione

Creato il 13 aprile 2011 da Rory

La donna della domenica – La recensione

Miei cari,

è vero, avevo promesso che v’avrei narrato le mie avventure in terra d’Albione ma quando sono venuta a conoscenza di questa fiction non ho potuto resistere nel recensiverla, perché non solo c’è Giampaolo Morelli ma c’è anche la Sara Tommasi nel ruolo di se stessa… ehm, nel ruolo della escort con accento ciociaro… insomma, imperdibile! E poi non ho ancora letto nemmeno se Aldo Grasso l’ha commentata, quindi sono virgin di servo encomio e di codardo oltraggio!

C‘è da dire che questa fiction è il rifacimento di un film  di Luigi Comencini del 1975, liberamente ispirato al romanzo omonimo di Fruttero e Lucentini. La storia è ambientata nella Torino anni Settanta e verte sulle indagini relative all’omicidio di un noto architetto e sui risvolti che queste avranno sui vari personaggi.

Il mitico Giampaolo Morelli interpreta il commissario Santamaria, che nella versione di Comencini era romano, mentre qui parla tranquillamente napulegno. Poi ci sono vari attendenti e comparse siciliane di cui non ne ho capito l’utilità. C’è poi la donna della domenica, una delle principali indiziate dell’omicidio, ossia la bella e ricca Anna Carla, interpretata da Andrea Osvart, di cui ovviamente il commissario s’innamora.

C‘è poi la mitica Sara Tommasi, che fa una prostituta con un accento ciociaro demenziale, pari soltanto a certi personaggi di “La Tata”, tipo zia Assunta e Compagnia bella. Della serie, la vita imita l’arte…o viceversa, vabbè insomma, avete capito. Giampaolo Morelli è credibilissimo nel ruolo del poliziotto, è proprio la morte sua, vorrei dire lo stesso di Andrea Osvart ma quella parrucca giallo canarino vanificava ogni apprezzamento. Ma dico io, perché non ti tingi i capelli e amen? Bah. Alla fine della fiction, il bello è che non si capisce benissimo chi è l’omicida, comunque ovviamente non è il personaggio della Osvart, che chiaramente si mette con Morelli. Tra l’altro Morelli riesce ad essere figo anche con un baffone alla Savarese, il che non è poco.

La cosa più bella è che l’omicidio dell’architetto viene compiuto da un fallo di pietra. Trashissimo.

 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La principessa

    principessa

    Paula Rego Girava per la Firenze di molti anni fa, indisturbata ed arrogante, vecchia e sfrontata, con sempre un mazzo di fiori in mano e vestita trionfalmente... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • La panchina

    Il decimo racconto breve: La panchinaBuona lettura.Nel suo nome e cognome c’era una nota antica, un sapore un po’ da notte dei tempi: Bastiano Saetone. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • La Resurrezione

    Resurrezione

    La Resurrezione di Raffaello Sanzio, altro grande artista italiano amato in tutto il mondo. Dipinto del 1501 custodito al Museu de Arte de São Paulo Serena e... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • La critica

    critica

    L’importanza della critica per un artista è fondamentale perché un artista senza una critica intelligente non può crescere . Gli artisti che si offendono davant... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • La Torre

    Torre

    Qualche giorno fa ho concluso la stesura della prima long-story dedicata al ciclo Mauro Bianchi. Sono 87330 battute. La Torre, questo è il titolo, vuole essere... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • La polka

    polka

    è un ballo in 2/4 che deriva da danze popolari, non necessariamente polacche, ed era caratterizzata da un ritmo molto allegro, sebbene non velocissimo come la... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA
  • La Rinascente.

    Rinascente.

    Ok e cosi' l'Italia si e' venduta un altro pezzo della sua storia. Stavolta una societa' che risale al 1865 e il cui nome e' legata a persone importanti come... Leggere il seguito

    Da  Fabiofabbri
    CULTURA, SOCIETÀ

COMMENTI (1)

Da Pim
Inviato il 14 aprile a 11:28
Segnala un abuso

La cosa più bella è, non per caso, invenzione originale di F&L... Del resto, ho provato a scriverne nel mio blog. http://pim1.typepad.com/scrivereirisvolti/2011/04/oh-mi-p%C3%B4vra-d%C3%B4na.html Ciao. Pim