Magazine Cinema

La duchessa di Langeais

Creato il 04 dicembre 2014 da Sbruuls

I tratti della nobile Pennna di Balzac si perdono in un’inutile pellicola.
La-duchessa-di-Langeais
Titolo: La duchessa di Langeais
Cast: Jeanne Balibar, Guillaume Depardieu, Michel Piccoli
Regia: Jacques Rivette
Protagonisti: Avventurieri, Celebrità
Materia: Amore, Nobiltà
Energia: Innamoramento
Spazio: Parigi
Tempo: 1800

Armand de Montriveau, Generale Marchese sotto Napoleone, adesso è un uomo molto potente e influente ma è anche in piena depressione.
Ad uno dei tanti balli dell’alta aristocrazia parigina conosce la duchessa Antoinette de Langeais che nonostante sia sposata lo fa innamorare per farlo penare.
Armand inizialmente trova nell’amore con la Duchessa un nuovo stimolo di vita nonostante sia solo platonico, ma quando capisce che lo stà prendendo in giro sparisce e si rende irreperibile alla Duchessa.
Antoinette con il tempo prova un vuoto nella sua vita i balli le feste non hanno più senso, scopre che quella continua frequentazione con Armand gli manca, è innamorata per la prima volta, cosi cerca in ogni modo di riprendersi il suo Armand e non riuscendoci fa un passo estremo, sparisce a sua volta esi fà suora di clausura.
Armand che si era rifutato per orgoglio inizia a cercarla e grazie alla sua influenza riesce a trovarla in un convento spagnolo.
Parte per convincerla a seguirlo per una vita felicemente insieme, ma ninente è cosi semplice con La duchessa di Langeais.

Gran dialoghi vuoti e poco trama per un film fatto di attese in ambienti ben curati e costumi ben fatti ma che non riescono a ricalcare le impronte del libro di tuttaltro spessore.

Voto Finale: Impalpabile

Frase del film: Voi mi fate odiare questi mondo e il ballo!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La trattativa

    trattativa

    La Guzzanti mette in scena la vergognaDocu-fiction presentato a Venezia 71, La trattativa ammicca e interessa, documenta e indigna. Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • La buca

    buca

    Mi ha piacevolmente sorpreso la visione del film La buca, seconda regia autonoma di Daniele Ciprì dopo E’ stato il figlio (2012) e le precedenti... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA
  • La strada

    Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • La spia

    spia

    (A most wanted man)di Anton Corbijn (Gb/Germania/Usa, 2014)con Philip Seymour Hoffman, Grigoriy Dobrygin, Rachel McAdams, Robin Wright, Nina Hossdurata: 122 min. Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • La frontiera

    E così ci sto provando seriamente: a vivere di scrittura. Con l’incoscienza e la consapevolezza di avere una sola vita. E non una seconda... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • La buca

    buca

    Grottesca favola dal sapore vintage e italicoOpera seconda, senza l’apporto di Franco Maresco, di Daniele Ciprì, La buca denota un passo indietro rispetto al... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • La mucca e la ricottina

    mucca ricottina

    Pubblicità Questo spazio permette al sito di continuare ad offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti! La fiaba Martedì 10 Giugno 2014 15:09 Scritto d... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines