Magazine Talenti

La felicità

Da Sciroccata

Aperitivi, abbacchio al forno con patate. Una cena sul terrazzo dei tuoi con il venticello di settembre che ci solletica il naso e mi sposta i capelli. Mi dici apriamo il Barolo, ti rispondo che il Barolo attendeva nella botte un'occasione, mi dici freghiamocene, altrimenti non lo apriremo mai. Sogghigno per la tua fiducia nel futuro.
I tuoi occhi di fronte, discorsi che non ho capito dove vanno a parare, ma poi ti vedo gli occhi lucidi e sento che sei nervoso, mi si ferma il cuore e penso che forse sta succedendo quello che penso.
Sta succedendo davvero che mi stai dicendo che insieme possiamo avere un grande futuro e sta succedendo davvero che a me già viene da piangere anche se non sono sicura di aver capito bene. Sta succedendo davvero che non riesci ad arrivare il punto e io non ti aiuto perchè ho smesso di respirare e non riesco ad avere un pensiero di senso compiuto.
Sta succedendo davvero che ti abbassi verso la pianta dietro la mia sedia e prendi qualcosa che nell'oscurità io percepisco come la cosa e sta succedendo davvero che me la metti davanti e che io mi continuo a chiedere se sta succedendo davvero che tu mi stai chiedendo di sposarti e io ti dico sì piangendo.
Che poi piangi tu e piangiamo tutti, e penso a come è cominciata e dove siamo arrivati, mentre quel momento è così carico di emozione, incredulità e sogno che ci metterò settimane anche solo per aver capito che sì, sta succedendo davvero, a noi.
Non fa rumore e ti ammutolisce, la felicità.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La cucaracha

    I bambini della piscina del nostro residence si chiamano Adriana, Natalia, Angel... sono chiassosi, casinisti, pestiferi e mi fanno morire dalle risate. Leggere il seguito

    Da  Misschiaretta
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • "La mosca"

    mosca"

    Passa davanti al mio volto stanco, nel buio argenteo di questa notte di luglio e si muove scattando a zig zag. Con la mano provo a prenderla, la manco, sono... Leggere il seguito

    Da  Astronautaperduto
    TALENTI
  • La luce

    luce

    Delle delusioni potrei fare un fascio, e sarebbe impossibile da spezzare. Ma c’è luce dentro me, se una lama di bujo, da troppo tempo, scava .La prova è... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    TALENTI
  • La Ziga

    Ziga

    Per chi non mastica il dialetto romagnolo, qui sotto la traduzione: LA CIECA Ostia come grida la cieca, non vede un cazzo da quarant'anni. Ma non è mica cieca, ... Leggere il seguito

    Da  Tipiloschi
    DISEGNI, FUMETTI E VIGNETTE, TALENTI
  • La fabbrica

    fabbrica

    Decine d’occhi, scavati nei mattoni d’allumina, lampeggiano d’un giallo di bestia, di drago tenuto a bada. All’interno della macchina, migliaia di bruciatori... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La Libreria

    Ve lo dicevo che c’era polvere. E ora vi posso anche raccontare il perchè: la Capa si è messa in testa di trasformare lo sgabuzzino/magazzino in una saletta. E... Leggere il seguito

    Da  Camphora
    CULTURA, TALENTI
  • la crisi

    Via Stalingrado. È mattino. Un sole timido scalda l’asfalto d’una grande città. Non sono che le sette e un quarto, e già macchine in fila, strade intasate e... Leggere il seguito

    Da  Paride
    TALENTI

Dossier Paperblog

Magazine