Magazine Cultura

La festa di liberazione da loro

Creato il 12 agosto 2011 da Albertocapece

La festa di liberazione da loroSe questo fosse uno stato democratico e dunque laico, perché le due cose sono l’una necessaria all’altra,  potrebbe risparmiare oltre 4 miliardi l’anno tra 8 per mille ed esenzioni fiscali fasulle concesse alla chiesa cattolica. Una bella cifra e strutturale per giunta. Se non ci fosse un rapporto malato e mercantile con il Vaticano, Tremonti non si potrebbe permettere di dire accorpiamo le feste civili con le domeniche e lasciamo intatte quelle religiose, quasi che esse avessero la preminenza, fossero più importanti.

Invece guarda un po’, il 25 aprile, il Primo Maggio, il 2 giugno li voglio festeggiare proprio nel giorno in cui cadono perché proprio questo conferisce loro quella solennità e quel significato per cui sono state istituite. Capisco che questo fa a botte con la miserabile mentalità bottegaia di cui si è nutrita la classe dirigente italiana, la quale si aggrappa con sprezzo del ridicolo a queste misure ” di emergenza” per cancellare un passato dignitoso che è sempre pericoloso per i mediocri interpreti della buffonerie al potere.

Invece non vengono toccate le feste religiose che non sono di tutti, ma solo dei credenti, per non mettere in pericolo il voto di scambio con la Chiesa anche se queste sono molto più numerose, anzi moltissime se si tiene contro di quelle patronali e darebbero a una misura di incredibile pochezza almeno un minimo di senso economico.

Ma anche di fronte allo sfascio del Paese e alla fine della loro epoca il bestiario di potere da sfogo ai propri istinti autoritari e allo stesso tempo mercenari, si dibatte nella palude che ha creato. Ma io le feste civili le voglio celebrare lo stesso, anzi ne istituirei un’altra la festa di liberazione da loro.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La tovaglia

    tovaglia

    Le dicevano: - Bambina! che tu non lasci mai stesa, dalla sera alla mattina, ma porta dove l'hai presa, la tovaglia bianca, appena ch'è terminata la cena!... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La caciotta

    caciotta

    di Gianpiero Caldarella (l’articolo è già apparso qui) Sono belli i pastori. Hanno volti che sembrano resistere al tempo da secoli. Ricordano un passato che... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La quadra

    quadra

    Prendo spunto da una riflessione di Alberto, riguardante uno spot di una nota casa automobilistica, per cercare di trovare la quadra sull'effettiva svolta... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La Ricotta

    Ricotta

    a cura di Angela Molteni e Dale ZaccariaDedicato agli uomini di potere, in particolare a quelli che ci hanno asfissiato/affossato e ci asfissiano/affossano con... Leggere il seguito

    Da  Malacarne_nonconunlamento
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La Rinascente.

    Rinascente.

    Ok e cosi' l'Italia si e' venduta un altro pezzo della sua storia. Stavolta una societa' che risale al 1865 e il cui nome e' legata a persone importanti come... Leggere il seguito

    Da  Fabiofabbri
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La riapertura

    Polvere. Dappertutto, sul bancone, sulle sedie e sulla macchina del caffè, sui bicchieri. Polvere, forse sabbia incastrata nelle pagine del romanzo di King che... Leggere il seguito

    Da  Camphora
    CULTURA, LIBRI
  • La talpa

    talpa

    Sarà che questo elogio dell'eleganza e della lentezza, questa magistralità riconosciuta da tutti a questo film di spionaggio mi lasciano alquanto perplesso,... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA

Magazines