Magazine Cultura

La frivolezza del cristallo liquido di Irina Turcanu

Creato il 14 marzo 2011 da Edizionialtravista

La frivolezza del cristallo liquido di Irina Turcanu

Marta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi begli occhi si nascondono le incisioni di segreti inconfessati, orribili ferite dall’odore nauseabondo.
Gli uomini sono delle bestie, Marta è costretta a ripeterselo. L’ha imparato a sue spese, sulla sua pelle, e pagherà fino in fondo. Eppure, gli uomini sono l’unico approdo che resta, quando tutti i sogni si spengono nelle ristrettezze di una vita
che offre solo la copia sbiadita di ciò che sembra luccicare nell’Occidente, così lontano eppure appena dietro l’angolo. Salvo avere la fortuna di scovarlo, l’uomo giusto. Un uomo da amare. Sempre che l’amore esista davvero.
Chisinau, Moldavia… La gioventù finisce presto, da quelle parti. La spensieratezza non c’è. La vita è dura, violenta, i miti si schiantano nella realtà di tutti i giorni. Si vive border line, e si finisce sopraffatti, se si è donne, giovani, carine. Come Marta, violabile e violata, colpevole senza colpe, eroina al contrario di una storia senza speranza. E in cambio c’è solo vendetta, morte, e altra sopraffazione. Esiste una giustizia? Se esiste, è la giustizia più ingiusta che si possa meritare.
La “Frivolezza” è quella dei sogni rincorsi. Ma la storia è densa, proprio come “il cristallo liquido” che nel titolo annulla e trasforma gli anni teneri di una gioventù bruciata dagli altri. Irina Turcanu scrive questa sua cronaca dell’infanzia con mano intenerita e partecipe, eppure senza fronzoli, senza mediare con l’asprezza delle tematiche scelte, con mano dura laddove la storia si fa dura. Il romanzo di una  giovanissima scrittrice rumena, oggi italiana. Tenetelo di conto, ne sentirete ancora parla.

L’autrice

Irina Turcanu è nata nel 1984 in Romania e si è trasferita diciassettenne in Italia, dove ha concluso gli studi superiori presso il liceo scientifico e si è “innamorata perdutamente del sapere”, laureandosi in filosofia. L’amore per la scrittura l’ha portato con sé dalla Romania. Scrive dall’età di undici anni: poesie, all’inizio.
Poi il primo romanzo, all’età di 19 anni, “pubblicato più per gioco che per consapevolezza” nel 2008: Alia, su un sentiero diverso. Collabora dal 2004 con “Libertà” e dal 2009 con la rivista pavese “&Co. Magazine”. “La Frivolezza del Cristallo Liquido” è la sua seconda opera.

La scheda

Titolo: La Frivolezza del Cristallo Liquido
Autore: Irina Turcanu
Collana: Narrativa
Editore: Absolutely Free Edizioni
Prezzo: 7,95 euro
Formato E-book: Epub
Peso del file: 252 kb
Codice ISBN: 978.88.97057.13.0
Data uscita: eBook ottobre 2010, cartaceo aprile 2011
Portali di vendita: OkBook, SBF, IBS,
BOL, La Feltrinelli.it, Net eBook, Pilade


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Rosa

    Rosa

    Tanto tempo fa, quando l’eternità faceva ancora carezze alla terra, c’era una Rosa.Regnava da millenni in un incantevole castello di fiocchi di neve posto su... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La frivolezza del cristallo liquido - Irina Turcanu

    frivolezza cristallo liquido Irina Turcanu

    I ContenutiMarta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi occhi così belli si nascondono le incisioni di segreti inconfessati. Chisinau, Moldavia… La gioventù... Leggere il seguito

    Da  La Stamberga Dei Lettori
    CULTURA, LIBRI
  • La frivolezza del cristallo liquido di Irina Turcanu

    frivolezza cristallo liquido Irina Turcanu

    In questo periodo siamo proprio buone!Non è Natale, ma cerchiamo di regalarvi tante pillole rose degne di essere lette.Per questo oggi vi proponiamo la... Leggere il seguito

    Da  Junerossblog
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Un mare che non conoscevo: “La frivolezza del cristallo liquido” di Irina Turcanu

    mare conoscevo: frivolezza cristallo liquido” Irina Turcanu

    Mentre leggo un libro vivo una strana sensazione, quando sono presa della mia lettura mi sento come un nuotatore con la testa sott’acqua, lì scorre tutto veloce... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI
  • La riapertura

    Polvere. Dappertutto, sul bancone, sulle sedie e sulla macchina del caffè, sui bicchieri. Polvere, forse sabbia incastrata nelle pagine del romanzo di King che... Leggere il seguito

    Da  Camphora
    CULTURA, LIBRI
  • Irina

    Irina

    Caro zio, non ho paura della morte, mi dispiace soltanto di aver vissuto poco, di aver fatto poco per il mio paese. Zio, ormai sono abituata al carcere, non son... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • La stazione

    stazione

    Il mio arrivo nella città di N.è avvenuto puntualmente.Eri stato avvertitocon una lettera non spedita.Hai fatto in tempo a non venireall'ora prevista.Il treno... Leggere il seguito

    Da  Lulu
    CULTURA, PER LEI

Dossier Paperblog

Magazines