Magazine Cultura

La giornata delle scrittrici

Creato il 08 marzo 2012 da Consolata @consolanza

Va be’, visto che è l’8 marzo e non ho condiviso niente con le mie amiche e compagne di genere, farò un elenco delle scrittrici che mi hanno reso più dolce la vita. E voglio sdarmi: comincerò con la lista delle prime dieci. Comincerò con Jane Austen, occhio che osserva e voce che racconta sparendo dietro ai suoi personaggi; Agota Kristof, che non ha sprecato neanche una parola nella sua Trilogia della città di K.; Magda Szabó, e le sue pagine cariche di vita anche sgradevole; Barbara Pym, che dà voce alle umili vite che traggono senso dalle proprie rinunce; Karen Blixen per la sontuosa e geometrica immaginazione; Agatha Christie e i suoi misteri precisi e senza ombre, dove non ha spazio l’imprevisto che sconquassa; Alki Zei, che racconta insieme una Grecia sparita e delle passioni di cui sento la mancanza; Mary Wesley, storie in sordina di donne per bene; Julie Otsuka che ho appena incontrato e sono certa mi resterà nel cuore, una voce plurale per raccontare mille storie individuali; Kawakami Hiromi, anche lei appena conosciuta ma mi ha commossa con il suo amore fatto di silenzi e gesti senza eco. Fine delle prime dieci ma ce ne sono molte altre. Certo entrambe le sorelle Brontë, la sfrenata visionaria Emily e la combattiva Charlotte; Elizabeth Gaskell e George Eliot, con riserve; per esempio M.M.Kaye, con la sua India così meravigliosa e romantica; Penelope Fitzgerald e la sua incredibile capacità mimetica; Elizabeth Taylor, altra perfetta narratrice britannica; a suo modo anche Banana Yoshimoto, un flirt del tempo che fu; certo Helen Fielding che mi ha fatto molto ridere e Fay Weldon, femminista e molto spiritosa. Patricia Highsmith, perfida e tanto appetitosa che si vorrebbe non abbandonarla mai, conosciuta attraverso Margherita Giacobino, altra scrittrice che incanta con le sue storie di formazione femminile. E Marion Zimmer Bradley almeno per quelle nebbie di Avalon che mi hanno stregata per una stagione, Elizabeth von Arnim con le sue donne in viaggio, l’esilarante e cattivissima Alina Bronsky. Madame de Ségur che ho trascurato nel resoconto delle mie letture infantili, importantissima invece con i suoi bravi bambini che si scambiano visite tra castelli, zuavi volonterosi e generali russi. E Karin Michaelis che ha inventato Bibi bambina del Nord, Selma Lagerlöf, le sue oche selvatiche e le leggende antiche, Matilde Serao e i giocatori del lotto compulsivi e disperati, Valeria Amerano che è ancora poco conosciuta e meriterebbe molto di più. I terribili abitanti delle montagne di Paola Drigo. Anilda Ibrahimi per la sua rossa sposa. E ce ne sono sicuramente altre che per il momento non ricordo, ma ce ne sono di certo molte che ricordo benissimo ma non hanno significato per me, per ignoranza o perché non mi dicono niente. Questa è solo una lista improvvisata e molto, molto personale. Se le dimenticanze sono clamorose, di quelle che ti vengono in mente di notte e devi correre a riparare all’omissione, le aggiungerò. Se no, questa è il mio modesto contributo alla giornata della donna.    

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La mamma

    mamma

    di Alessandro Sanna Emme Edizioni – p-24 – e.10Ogni tanto esce fuori una ricerca che trascina all’indietro il momento in cui è consigliato cominciare a leggere ... Leggere il seguito

    Da  Centostorie
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La chicca

    Tremonti si è esposto con un secco NO all'ennesimo condono fiscale e tombale. Ecco il comunicato di risposta pubblicato sul proprio sito da Domenico Scilipoti,... Leggere il seguito

    Da  Ognimaledettopost
    CULTURA
  • La roadmap

    roadmap

    Domani Berlusconi presenterà alla Camera dei Deputati la sua roadmap per arrivare a fine legislatura. In via del tutto eccezionale questo blog è in grado di dar... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La dissoluta

    dissoluta

    di Alexandra LapierrePrezzo di copertina: € 15,50Formato: BrossuraPagine: 247Lingua: ItalianoTitolo originale: L'ExcessiveLingua originale: FranceseEditore: Il... Leggere il seguito

    Da  Annalisaemme
    CULTURA
  • La discoteca

    discoteca

    1983, Mariano Laurenti.Propaggine estrema del musicarello sessantesco, il "Nino D'Angelo Movie" si presenta al pubblico dei primi anni ottanta rispettando in... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La fuga

    fuga

    Sapete cosa è una fuga? Naturalmente non mi rivolgo ai tanti colleghi musicisti ma a tutti coloro che si sono avvicinati da poco alla musica classica... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA
  • La promozione

    promozione

    presentazione libro di I.S. BasileQuando eravamo piccoli la promozione era solo quella scolastica.” Promosso o bocciato?” Ci si sentiva domandare dai parenti... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA