Magazine Politica

La guerra degli altri

Creato il 18 maggio 2010 da Massimoconsorti @massimoconsorti

La guerra degli altri.“L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”. Non è il testo di una canzone pacifista di Bob Dylan né la rivisitazione baeziana delle parole d’ordine degli universitari di Berkley, è solo l’articolo 11 della nostra Costituzione, un dovere morale e un obbligo per chiunque governi questo paese. Da qualche anno sembra non avere più alcun significato, dal bombardamento di Belgrado in poi l’Italia si è adeguata alle prove di muscoli dei suoi partner internazionali occasionali. E le chiamano missioni di pace. Da quel momento, stabilendo le famigerate “regole d’ingaggio”, siamo diventati esercito belligerante senza se e senza ma. E le chiamano missioni di pace. Gli ultimi morti e feriti in Afghanistan forse hanno chiarito le idee al “buttafuori” La Russa, il pericolo non sono i medici i Emergency, caro ministro, è la politica guerrafondaia delle nazioni alleate in nome di cosa non si sa. Si ricorre continuamente ai conflitti armati non rendendosi conto che occorrerebbe togliere al mondo arabo l’unico alibi serio che ha in mano per tuonare in continuazione contro l’occidente; risolvere la questione palestinese una volta per tutte forse servirebbe, infatti, a restituire serenità e una parvenza di legalità alla politica mondiale. Ma all’alleato israeliano si concede di tutto, dai veti Onu all’autorizzazione a costruire nuovi insediamenti. Mussolini avrebbe voluto qualche decina di migliaia di morti per sedere da vincitore al futuro tavolo della pace, ne ebbe di più ma finì la sua corsa a Piazzale Loreto. Questo governo crediamo ambisca agli stessi risultati e, oltre a coprirsi di un cordoglio d’ordinanza, attende con ansia il messaggio di solidarietà che Obama, ogni volta che un nostro militare ci rimette la pelle, indirizza a Berlusconi. Per chi stiamo combattendo questa guerra, per quale governo e per quale presunto alleato? Per chi coltiva oppio e lo spaccia in tutto il mondo a prezzi concorrenziali o per una popolazione civile stanca di vivere perennemente in stato di belligeranza? Per molti versi l’Afghanistan ci ricorda il Vietnam. Prima provarono i francesi a stanare Ho Chi Min e poi gli americani, il risultato non cambiò. Dalle parti di Kabul prima sono arrivati i russi, poi sempre gli americani e non ci sembra che le cose vadano meglio. Ma forse il nostro contingente è in Afghanistan per proteggere Karzai, quel volpino di presidente che, dopo anni, ha scoperto finalmente le cellule terroristiche del suo paese. Fanno capo ad una strana organizzazione, Emergency che, sotto le mentite spoglie di medici per i quali tutti i malati e i feriti sono uguali perché uomini, cela attentatori della peggiore specie. Per dirla tutta e con grande onestà, a noi non risulta che Karzai abbia mai arrestato un talebano vero. Ma forse siamo disinformati.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La minorenne

    minorenne

    di Piero Tieni Sicuramente si tratta di un grosso, di un grossissimo equivoco, il più grosso di tutti. Certo, di storie di ultrasettantenni benestanti e... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • “La Mecca” finder

    Mecca” finder

    Ho scoperto un tool di cui sicuramente voi lettori di questo blog avete sempre sentito un assoluto bisogno: il “LA MECCA LOCATOR” ! Cos’è? Leggere il seguito

    Da  Zaxster
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La sindrome di Piazzale Loreto

    La procura, nella persona di Edmondo Brutti Liberati, ha detto che la procedura dell’affidamento nel caso Ruby è stata corretta. Leggere il seguito

    Da  Lebarricate
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La Pluralità Europea

    Pluralità Europea

    Oggi, 9 maggio, si festeggia un anniversario importante. Non parlo della commerciale “Festa della mamma” ma della “Giornata dell’Europa” che quest’anno assume u... Leggere il seguito

    Da  Socialmediares
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Safari, dentro la mia testa

    Ci son più bestie che nella foresta. Oggi c’erano, davanti a me, 80 numeri. Quando me ne sono andato, ce n’erano dietro altri 80 numeri. 160 persone al CUP... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La bocciofila nazionale del Pd

    Del discorso di Bersani di oggi, mi sono appuntato queste parole e questi passaggi. Cominciamo con la categoria “espressioni retoriche”: Qui si vogliono fare... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La Cota di paglia

    Cota paglia

    Ma metti che dal riconteggio delle schede elettorali salta poi davvero fuori che il governatore piemontese (di padre pugliese...) deve scollarsi dalla... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ