Magazine Società

La libertà di sbagliare

Creato il 02 ottobre 2012 da Luciusday
Ok, se non sempre faccio ciò che mi si dice. E' la verità, che spesso agisco e sbaglio nonostante una cosa mi venga detta più e più volte. E' vero anche che il modo in cui reagisco, magari, non sempre è commisurato alle situazioni in cui mi posso trovare. Passi la lontananza, che rende tutto più complicato, differito nel tempo e meno pratico. Passi anche che mi si rimproveri, se mi sfogo con qualcuno riversandogli addosso colpe e responsabilità che non si ritrova solo perché a volte ho bisogno che mi si sostenga in quello che faccio o non riesco a venire a capo di una situazione complicata. Passi anche che quel qualcuno, d'altra parte, non abbia altra spalla su cui piangere all'infuori del sottoscritto, o altre guance a cui porgere l'altra mano (scusate l'inversione del proverbio, ma stasera non ho voglia di pensare).
Passi anche che sono due notti che non dormo, con un trasloco di mezzo.
Passi tutto questo, e quello che volete aggiungerci anche voi, se avete giusto qualcosa da mettere dentro a 'sto casino del cazzo.
Ma cazzo, datemi la libertà di sbagliare, sempre che di sbaglio si possa parlare, uscendo dalla "prigione intellettuale" nella quale qualcuno continua imperterrito a formulare pensieri.  La libertà di dire "non mi dare consigli, perché so sbagliare da solo".  La libertà di agire per conto mio, fare qualsiasi cazzata (magari poi stai a vedere che non lo è!) e pagarne da solo le conseguenze. La libertà di correre in un terreno impervio e inciampare, ferirmi, rialzarmi, medicare le ferite e tenermi la cicatrice. La possibilità di scegliere ed essere, da solo, responsabile della mia scelta, senza che nessuno, a prescindere da chi possa essere, possa ficcarci il naso. E sbattermi il telefono in faccia. Datemi questa libertà.
Porca puttana, quanto sono incazzato (per farvi capire, mi è addirittura passata la fame).
La libertà di sbagliare
LuciusDay

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • la fisica e la politica

    In tempi di questa fantomatica "antipolitica" così definita dai tromboni perennemente seduti sugli scranni di potere, mi viene in mente qualche residuo di quell... Leggere il seguito

    Da  Maltecoron77
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La valigia

    I composti del verbo fare hanno forme di coniugazione talvolta poco corrette ma ormai d’uso comune. Disfare, per esempio. Disfo la valigia o la disfaccio? Sarà... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • La soluzione

    Produci…consuma…crepa… Poi ci sono le vie di mezzo. Vediamo di giungere alla soluzione. Produci, consuma, crepa…che lo si neghi o no, questo è il paradigma dell... Leggere il seguito

    Da  Davideciaccia
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La mélancolie.

    mélancolie.

    Oggi va così...la mélancolie...e tutto per aver ascoltato questo brano.E' difficile parlare di Leo Ferré a coloro che non lo conoscono: cosa proporgli per ... Leggere il seguito

    Da  Gianna
    SOCIETÀ
  • La malattia e la cura

    malattia cura

    A leggere i giornali, si direbbe che viviamo in un paese dove la causa principale di decesso sia quella che deriva dal darsi la morte per propria mano. Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La bomba

    bomba

    In Parlamento si discute sulla bomba di Brindisi. Il dibattito si concentra sulla matrice dell’attentato. Molti dei nostri parlamentari hanno tutti gli... Leggere il seguito

    Da  Malpaese
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La scorta

    scorta

    La classica tempesta in un bicchiere d’acqua. O un espediente per vendere qualche copia in più, soffiando sul fuoco dell’antipolitica, quel fuoco che sembra sti... Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ

Magazine