Magazine Maternità

la logica del bambolotto

Da Orsomichele @orsomichele
La logica del bambolotto ahimé appartiene alla stragrande maggioranza della nostra popolazione e fa sì che:- passanti e sconosciuti si sentano in diritto di toccare e sbaciucchiare ogni bimbo o neonato che incontrano- conoscenti e parenti si sentano in diritto di prendere in braccio qualsiasi bimbo o neonato- bambini e neonati siano subissati di richieste, rumori, gridolini, spesso da più persone contemporaneamenteQuesti ovviamente sono solo tre macroscopici esempi, accumunati però tutti da una stessa caratteristica: la mancanza di rispetto del bambino.Nessuno mette in discussione la buona fede, ma.. come la prenderebbero le stesse persone se dei perfetti sconosciuti si fermassero e le baciassero? Io non credo che sarebbero tanto contente, anzi magari partirebbe anche qualche denuncia per molestia.E allora mi chiedo: se il rispetto che si deve all'adulto contempla in primis il rispetto degli spazi vitali, perché per un bambino dovrebbe essere diverso? Più sono piccoli e più i bimbi hanno bisogno di protezione e quindi in realtà il rispetto che si dovrebbe avere nei loro confronti dovrebbe essere superiore, non inferiore.Questa riflessione ha permeato la mia vita da mamma da quando il tartarugo è uscito dalla mia pancia e ho dovuto confrontarmi con l'accoglienza del mondo che -per quanto gioiosa- tutto è tranne che attenta alle esigenze di un neonato, che viene invece vissuto alla stregua di un bambolotto.All'inizio sono stata molto zitta (ahimé), poi col passare dei mesi, la stabilizzazione della famiglia e l'approfondimento di tematiche inerenti mi sono fatta forza e insieme al maritozzo ho deciso che nessuno avrebbe più preso in braccio il tarta a meno che non fosse conosciuto da lui benissimo (quindi solo nonni e zii) o che fosse lui stesso a richiederlo. Le persone rimangono perplesse quando chiedono "posso prenderlo?" o "me lo dai?" (come fosse una cosa O.o) e si sentono rispondere "se vuole venire", perché davvero non c'è abitudine a pensare ad un bambino piccolo come un essere senziente, a sé stante, con una volontà propria, una sensibilità delicata e -soprattutto- degna di rispetto, dello stesso rispetto (almeno) che si da' a chiunque altro.E riflettendoci la causa credo che sia nel fatto che non parli.. ma tratteremmo allo stesso modo un muto? io non credo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il contrario della logica ....

    Oggi ho "provato" ad andaro contro la logica, ma alla fine non è venuta fuori una gran pensata ....La "Gara" era a Sant' Amborigio (TV) e io ho (il)logicamente... Leggere il seguito

    Da  Italianjet
    CICLISMO, SPORT
  • La legge del desiderio

    legge desiderio

    1987, Pedro Almodóvar.La storia di 2 amori, con elemento centrale Pablo, regista cinematografico. Ha un relazione da tempo, variabilmente corrisposta, col... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La geopolitica del gas

    geopolitica

    In una delle più famose frasi attribuitegli, Albert Einstein sostiene di non sapere con cosa sarà combattuta la Terza Guerra Mondiale, ma di essere sicuro che l... Leggere il seguito

    Da  Andreaintonti
    SOCIETÀ
  • La logica e le passioni

    logica passioni

    Ho letto Logicomix alcune settimane fa ma l'ho lasciato sul comodino, non l'ho riposto subito in libreria. Questo perché dovevo farlo riposare, dovevo permetter... Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • La dignità del lavoro

    dignità lavoro

    Alle 20 e 23 di un venerdì qualunque, dopo 23 minuti di nullagine assoluta, la signorina bionda lancia un servizio degno di nota sul telegiornale della prima... Leggere il seguito

    Da  Alblog
    SOCIETÀ
  • La mousse del Desiderio

    mousse Desiderio

    Ciao ragazzi, oggi vi parlo di dolci . . . la mia grande passione. La mia amica qualche giorno fa mi ha portato dei buonissimi dolci dalla pasticceria... Leggere il seguito

    Da  Elenamontalto
    CONSIGLI UTILI, LIFESTYLE, LOCALI
  • La Preghiera del Podista

    Signore, fà che nella magica quiete della corsa solitaria, come nella severa asprezza della competizione, io possa temprare, oltre ai muscoli, il mio spirito,... Leggere il seguito

    Da  Corrintoscana
    ATLETICA, SPORT

Magazines