Magazine Lavoro

La meglio gioventù

Creato il 15 novembre 2010 da Fabio1983
Quante volte i “grandi” dicono dei ciòvani che questi ciòvani sono privi di ideologie e valori? Ecco.
Il fulcro del ragionamento ruota intorno al crollo della tradizionale dicotomia destra-sinistra, con una crescita esponenziale delle contaminazioni politiche sin dai livelli più alti. Il risultato è evidente: il conservatore Sarkozy cita Gramsci, la centrista Merkel appoggia scelte ambientaliste, il socialista Zapatero opera in continuità con la linea economica (di destra) promossa da Aznar, l’ex missino Fini si batte per l’accoglienza dei migranti. Tali segnali conducono il dibattito in un binario sbagliato. Difatti, i giovani, quelli che conoscono solo il comunismo (e quindi la divisione in due parti del pianeta) attraverso i libri di storia, non formano una massa smarrita e senza ideali, bensì sono portatori di nuove ideologie, che si distaccano dalle dottrine di pensiero del Novecento. Esse contengono elementi profondi di riflessione, oltre che di applicazione nelle azioni quotidiane benché manchi uno status di riconoscimento da parte della classe dirigente (continua su Sfera pubblica).

In effetti, a ben vedere, i problemi dei giovani di oggi (lavoro che non c’è, certezza del futuro e via discorrendo) sono interrogativi che esulano dalle ideologie. Risultano, insomma, difficilmente catalogabili nell’ambito della destra o della sinistra. Sono pronto a scommettere che le soluzioni proposte da Marco Marazza (professore ordinario di Diritto del lavoro) su Ffwebmagazine possono trovare d’accordo molti, diciamo, di sinistra. Si potrebbe dissentire, naturalmente, da un punto di vista tecnico, ma non con la nobiltà delle intenzioni che non sono né di destra né di sinistra. Garantire un lavoro e un futuro roseo a tutti, del resto, è un traguardo che fa gola tanto agli uni quanto agli altri.
In un momento di stagnazione economica e di profonda trasformazione del mondo della produzione i giovani che si accingono a terminare la scuola dell’obbligo hanno essenzialmente bisogno di due cose: di essere efficacemente orientati nella scelta del loro percorso formativo, professionale o universitario che sia; e di essere protetti dalla trappola del precariato che troppo spesso finisce per mortificare – per troppo tempo - anche le più banali aspirazioni personali (…).
Il primo obiettivo si persegue affidando alle Regioni, in cooperazione con le parti sociali e con gli enti locali, il compito di effettuare una costante analisi del fabbisogno occupazionale del territorio in grado, una volta comunicata, di rendere realmente consapevoli le fondamentali decisioni dei giovani e delle loro famiglie (…).
Il secondo obiettivo va perseguito svincolando da subito la flessibilità dalla precarietà e, cioè, rendendo il livello di flessibilità del lavoro direttamente proporzionale all’entità del compenso che viene riconosciuto al lavoratore (welfare progressivo).


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Intelligenza degli artigiani contro la precarietà

    E' una singolare mostra sul lavoro. Il lavoro di moderni artigiani, già affermatisi nel loro difficile campo. L'autore è un giovane "atipico", Federico Ciamei,... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Quelli che se la prendono con Fazio...

    Trovo davvero irritante l'alzata di scudi da parte di molti nei confronti di Fabio Fazio accusato di aver fatto parlare Marchionne nella nota trasmissione... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La Social Guerrilla della Cgil

    La “Social Guerrilla” promossa dai giovani della Cgil sul web, attraverso prima annunci provocatori e poi proposte serie sul tema angoscioso della precarietà pu... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La Camusso svela i precari del web

    L’arcano è svelato. Chi ha inondato il web, ma anche le mura delle città con ironici annunci di offerte di lavoro ai precari? Chi ha sottoposto alla pubblica... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Fiat, la "porcata"

    Se volessimo usare il linguaggio volgare di un Calderoli (Lega) diremmo che è una “porcata”. Stiamo parlando dell’accordo separato alla Fiat. Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La Cgil lancia la "green economy"

    Un incontro davvero affollato (molti i giovani), l’altro giorno nella sala Santi della Cgil a Roma. Un tema non facile: “L’energia per il lavoro sostenibile,... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Che cosa insegna la sindacalista dei tessili

    Lei è stata definita una “sindacalista pragmatica”. Non da un giornaletto qualsiasi, ma nientemeno che dal “Wall Street Journal” nel 2006. Ora è uscito un suo... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ