Magazine Poesie

La mia canzone per i galletti romagnoli

Da Teoderica
LA MIA CANZONE PER I GALLETTI ROMAGNOLI
Ai rumagnol ui piis 'd ridar e ' d burlè
per quest at pol at voj parle
de pol rumagnol ch' l' è particuler
l' è coma no un po stizos
l' usa fe' i fet su
e t nol met indo t' vo
se t' ai dè da magner
lo t'è dis a fegh da parme
e n' ol' ciapè pr'è cul che ciapa e fugh
e dop l' è guaj sicur.
Ai Rumagnol ui piis 'd ridar e 'd burlè
per quest 'd pol at voj parle
de pol rumagnol ch' l' e' particuler
un po' selvatic un po' pivarola
ui piis at fe' un po' e zirandlon
fort coma un bo' e un po' zucon
ogni tant e sbat e tiston
indrenta e puler un gni vo ste
parchè ui piis la libarte
e n' ol ciape pr'è cul che ciàpa e fug
e dop l' e' guaj sicùr.

TRADUZIONE
A noi piace ridere e scherzare
del pollo vogliamo raccontare
pollo romagnolo che è speciale
il nostro carattere vuole copiare
si fa i fatti suoi
e non lo metti dove vuoi
gli dai grano dice vai
che faccio da solo dai.
A noi piace ridere e scherzare
del pollo vogliamo raccontare
pollo romagnolo che è speciale
di animo selvatico ama contestare
nella gabbia non gli va di stare
sull' albero libero gira in tondo
e per il mondo va vagabondo
resistente e un poco gonzo
ma solamente per tornaconto
ti presenta sempre il conto.

Chiedo scusa per la versione in dialetto, la quale sarà sicuramente piena di errori.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines