Magazine Cinema

La morte e la fanciulla, 1994, Roman Polanski

Creato il 12 gennaio 2010 da Ilguardarobadipandora
La morte e la fanciulla, 1994, Roman Polanski
Era tanto che non scrivevo circa la critica di un qualche manipolato creativo,
e in realtà mai l'avevo fatto prima per il cinema, ma vuoi la casualità, vuoi il film in questione,
vuoi per tanti altri piccoli o meno piccoli motivi, eccomi qui a parlare in questo blog di una pellicola del '94 dell'ultimamente nuovamente discusso Polanski.
La narrazione si svolge in un non ben definito Paese del Sud America da poco emerso da una feroce dittatura,
nel quale, vicinissimo alla costa, vive la famiglia composta da Paulina e Gerardo Escobar (Sigourney Weaver e Stuart Wilson).
Gerardo è una sorta di superstar della ristrutturazione democratica, e ha appena accettato di dirigere la commissione
che dovrà indagare sulle violazioni dei diritti umani accadute durante gli anni della dittatura,
durante i quali Paulina, in quanto dissidente, ha subito tremende torture e violenze sessuali.
Paulina viene al corrente dell'incarico tramite un notiziario radiofonico, poco prima di un blackout che isolerà l'abitazione anche telefonicamente.
Al ritorno del marito che giunge a casa accompagnato, su un'auto diversa, Paulina entra nel panico,
e spegnendo le candele che illuminano la casa, si rifugia nella penombra, alla finestra, armata di pistola.
Vedendo il marito scendere si tranquillizza, e scopre della foratura avvenuta alla sua auto e della gentilezza
del passante (Ben Kingsley) nel riaccompagnarlo a casa.
Quando la situazione pare rientrare nella tranquillità, dopo anche una discussione avvenuta con tema il nuovo incarico di Gerardo,
il gentile sconosciuto ritorna per consegnare la gomma che era stata dimenticata, ed entra per un drink.
Da qui, tutto prende una piega cupa, e si succederanno una sequenza di verità più o meno nascoste che verranno definitivamente a galla,
che vedranno gli incubi mai sopiti di una intensissima Sigourney Weaver prendere il largo
e avvolgere la trama del film in una coperta nera, brulicante di ricordi drammatici.
La tipologia descrittiva è quella tipica della paranoia
polanskiana, che non può non richiamare alla mente
stati ansiogeni ben noti di film come "L'inquilino del terzo piano".
La Weaver riesce a dominare la scena e a guidare il mood psicologico dello spettatore con un'inquietante naturalezza,
regalando una prova di notevole bravura.
Forse non è tra i girati più noti e apprezzati del regista franco/polacco, ma personalmente ritengo questo lavoro
un imprescindibile film da visionare per una completa comprensione sintattica e storica del cineasta.

*recensione scritta da Davide

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Papessa

    Papessa

    Germania, Regno Unito, Italia e Spagna hanno unito le loro forze per realizzare questo film.Mi sembrava così assurdo vedere una donna vestita da Papa, che... Leggere il seguito

    Da  Annanihil
    CINEMA, CULTURA
  • La papessa

    papessa

    Nonostante le varie tirate femministodi non è un film male e questo dimostra la mia teoria secondo la quale un bel film è quello che piace nonostante... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    CINEMA, CULTURA
  • La zitella

    zitella

    Oggi ho ricevuto un commento molto interessante da Silvia, ve lo posto per maggiore chiarezza: Silvia: Domanda un pochino ostica! XD Le zitelle partecipavano... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, PER LEI, STORIA E FILOSOFIA
  • La cravatta

    cravatta

    Oggi parliamo della cravatta.Questo accessorio della moda ha senza dubbio una storia che ne testimonia la crescente importanza come segno distintivo di... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, MODA E TREND, STORIA E FILOSOFIA
  • La medicina

    medicina

    Bentornati a tutti voi che seguite questo blog e benvenuti a quelli che leggono adesso per la prima volta uno dei miei post.Argomento odierno: la medicina. Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, SCIENZE
  • La casa

    Sono chinato sulle ginocchia a spiare la casa dalla finestra di piano terra. Dentro non vedo nessuno (per il semplice fatto che io sono fuori) ma riesco ogni... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA
  • La rassegnazione

    rassegnazione

    La rassegnazione viene definita una disposizione d’animo conformata all’altrui volontà o/e ad una forza ineluttabile; è evidente che il riferimento non è a... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA, SALUTE E BENESSERE