Magazine Lifestyle

La nostra Cornovaglia.

Creato il 08 gennaio 2015 da Agipsyinthekitchen

Ndr.

Questo mese ho scritto per Vogue Sposa di gennaio che trovate in edicola in questi giorni, con l’articolo qui sotto.

Partire. Perché il viaggiare è una necessità dell’anima. Perché più si viaggia più si capisce quanto poco si è vissuto e quanto deficitiamo in conoscenza e esperienza.

Partire in due perché la gioia è tale se condivisa. Perché una volta che si trova il compagno perfetto di avventure, ogni nuovo luogo è magia allo stato elevato di potenza. Perché poter osservare quello che ci circonda, farlo diventare parte della nostra anima, è un lusso che va spartito con chi amiamo di più.

Perché la magia della scoperta è un’emozione romantica che permette di formulare ricordi indissolubili nel nostro cuore, e tutto risulta più straordinario, più romanticamente e indissolubilmente legato a ciò che rende i battiti del cuore accelerati.

Con qualche valigia, molti maglioni e due paia di jeans a testa, siamo partiti da Londra, alla volta di una straordinaria Cornovaglia.

Fatta di scogliere a picco sul mare e scorci che a raccontarli perdono della loro maestosità.

Le colline a pois della Cornovaglia. Mi piace dire così ma in realtà questo termine è stato coniato dal mio Amore, nonché compagno di avventure , lavoro e di vita.

Queste distese immense, con cieli così bassi carichi di nuvole e pioggia, ma pronti a svelare subito arcobaleni da mozzare il fiato e lasciarti stupefatta, quasi inerte, sicuramente attonita davanti a tale meraviglia, domandandoti dove inizia e dove finisce una  favola così.

Piccoli bed and breakfast, guest house trasformate in accoglienti hotel di charme, dove si viene accolti con tè caldo e calzettoni di lana per rifugiare piedi stanchi e un po’ infreddoliti.

Qui, dove il kilometro zero è veramente tale, dove il biologico è accertato seriamente e la bassa marea al mattino fa si che ogni singolo membro della comunità si riversi nelle spiagge – sia che piova a catinelle sia che ci sia il sole più luminoso – a far correre spensierati i cani.

1375890_10152540723486925_2380244522005096262_n

1654027_10152522858426925_2627513429771828684_n

1977446_10152512965976925_790733540852227793_n

Qui dove incontri persone coraggiose che hanno fatto della loro qualità di vita  la priorità fondamentale, lasciandosi alle spalle una vita urbana che ormai poco si confaceva a un nuovo moto ondoso dell’anima.

Ci sono scogliere a capofitto sul mare, vento freddo che spazza via le infelicità latenti e piccoli ristoranti da due stelle Michelin e solamente otto tavoli, dove vengono serviti fish burger che portano diretti all’entrata del Paradiso. Ci sono colline verdi, di un verde smeraldo e strade che costeggiano boschi fitti e ombrosi. Piccoli villaggi dove si possono trovare formaggerie e cioccolaterie e un’unica panetteria che fa consegne a domicilio per gli abitanti del luogo.

Per scaldarsi si beve cream tea, un tè speciale al latte accompagnato da scones e marmellatadi fragola e lamponi, rigorosamente homemade. Si mangiano pesce e patatine fritte e si gustano ostriche ai vari food festival in giro per i porti e tutto sembra, in un’unica parola: pacifico.

La divisa ufficiale è stivali da pioggia e jeans, e il comune denominatore è il conforto del quotidiano, laddove ci si possa rifugiare in un cachemire caldo che protegga dalle intemperie e da questo tempo così capriccioso, come una francese dal rossetto rosso in vacanza a deauville: indisponente ma totalmente adorabile.

10409757_10152540723796925_8335837284222269213_n

10421452_10152522770686925_9199239996181172557_n

10440732_10152522770826925_3972326524122070542_n

C’è una poesia sussurrata in ogni cosa che vedi: dal cavolo esposto dal fruttivendolo, alla zucca piena di terra nel percorso che ti porta dalla spiaggia  a casa, fino ad arrivare alle tagliatelle con noci fresche che ti servono alla sera, in un ristorante vista porto, con pane caldo e burro.

Negli angoli delle strade, a inizio contea, si possono trovare bancherelle di frutta dove non ti attenderà mai il fattore, bensì la fiducia che lui, a priori, nutre negli avventori. lascia due penny per le zucchine, 5 invece se vuoi i piselli. Sono fatti così, loro. E tu ti senti un alieno perchè tutta questa fiducia non sai nemmeno come approcciarla. Ci si sente quasi in difetto, perchè qui la parola comunità succede ai fatti, ed è imprescindibile dall’aiuto che ciascuno da all’alto.

Nelle chiese si trovano leggende che mistificano la tradizione pagana, unendola alla religione, come se fosse il normale proseguo di un percorso di crescita e gioia. Sulle panche ci sono cuscini ricamati a mano e all’ingresso pastelli colorati per i bambini, ma anche per i grandi – “vi prego lasciate il vostro disegno, ne avremo cura”.

Quando la pioggia finisce, si dispiega un cielo così turchese che puoi ridefinire il colore stesso.Cespugli di bacche rosse e ampi respiri che volgono verso sorrisi inusitati.

10612745_10152512965866925_8365959403512262067_n

10626542_10152499317776925_6132339962482700783_n

10629768_10152540722516925_4825282555626993655_n

Le ortensie hanno sfumature che vanno dall’indaco al rosa antico e crescono a profusione, senza bisogno di cure particolari, donando al circondario un aspetto fragile e prezioso.

L’evolversi di un amore. La normale consecutio tempore di due anime che decidono di scommettere con la Vita, per un eterno che sfida le leggi di una quotidianità che privilegia l’individualismo.

Insieme: per viaggiare, per affrontare i problemi, per costruire una famiglia che sia da rifugio nei momenti più bui, che possa essere un porto sicuro quando fuori soffia vento e che possa ancorarci a ciò che c’è di più vero in questo mondo.

10660261_10152517951556925_6198746653266948077_n

10665138_10152512960196925_1022783670388166035_n

10665343_10152499319701925_7101135903000984419_n

10665672_10152512965216925_5234407075742900977_n

10670117_10152499317411925_6438427311592361081_n

10712735_10152512962351925_7079876523234982214_n

Mi sono innamorata di questi scenari, e ho amato questi favolosi panorami. Le aspettative hanno superato la realtà. Tutto ciò è stato reso ancora più incantevole dalla condivisone con l’uomo che amo di questa avventura in Cornovaglia.

Ci siamo persi navigando sulle nuvole basse delle spiagge  di Bude: questa bassa marea il cui il colore cielo si mischia al blu profondo del mare. Arcobaleni da rubare e mettere nello zaino dei ricordi, sperando di riuscire poi a convogliare tutte le sue tonalità con la stessa intensità del momento di fruizione, senza che il passare del tempo sbiadisca la poesia di quei rosa che si perdono nei gialli che convogliano in verdi rapaci.

Abbiamo mangiato da Nomada, dall’unico chef cubano trapiantato in questi venti freddi del sud dell’Inghilterra e ci siamo deliziati con sticky toffee pudding e soufflé alla vaniglia e mele. Con il suo accento un po’ bizzarro abbiamo riso e scherzato, parlando di coincidenze e spezie.

Ci siamo ritrovati tra le piccole strade di Port Isaac, insieme alla scoperta dei piccoli tesori dei pescatori: piccole case, piccole barche, colori accoglienti. Abbiamo mangiato da Nathan Outlaw’s fish kitchen: un minuscolo ristorante fatto da pochissimi tavoli che vanta però due stelle michelin…e abbiamo mangiato un fish bruger di cui per sempre ricorderemo i profumi, bevendo gli odori di questo incredibile vino bianco della casa. Ostriche grandi come piccole sculture e burro chiarificato alla cipolla dolce.

Stivali e cappello di lana, su e giù per i sentieri di re Artù, verso un castello che sa di incantesimi e amori che sfidano il tempo e l’usura. Con un sorriso ci immergiamo in pozzanghere e ruscelli, tanto abbiamo gli stivali di gomma a proteggerci, tanto abbiamo il nostro adorarci a tenerci al caldo.E per tutti il resto c’è il tè bollente appena troviamo un rifugio. Questo è il castello di Tintagel.

_D9A3800

_D9A3648

_D9A3846

_D9A3991

_D9A4252

Sulla via del ritorno, ci fermiamo a mangiare una vellutata di zucca e mais con pane fatto in casa, in un minuscolo Deli sulla strada, curato in ogni dettaglio, dove sempre sembra Natale: trovo una dispensa piena di prodotti biologici e farine ricercate, ketchup che sono presidi slow food e vaniglia spalmabile. Ormai la mia dolce metà non fa più nemmeno storie o polemiche quando al ritorno ci tocca pagare l’over weight per i barattoli di marmellate e ogni genere di peculiarità in termini di cibo che sento la necessità di portare a casa, così per quei giorni in cui la nostalgia di attimi sospesi nel tempo – in fondo lo scoprire nuove terre e viaggiare ti lascia quella libertà di sospendere tutto nel tempo e abbandonare ogni retaggio con la quotidianità.

Il mare lambisce le spiagge e i pensieri si fanno soavi, anche se fuori diluvia e le onde sono cavalloni immensi.

Qui i bambini – che venga il Sole o la neve – alle 9 del mattino sono in acqua per un’ora, barricati in mute totali, e noi li guardiamo dalle grandi finestre sui balconi e rimaniamo attoniti dal loro coraggio.

Più ci avventuriamo tra queste strade fatte di pioggia e alberi, più mi sento sicura: è un po’ come la nostra relazione. Io impaurita, con il terrore di soffrire ancora, con la paura e l’incapacità sviluppata nel tempo di fidarmi, e in tutta risposta ci sei tu che mi prendi la mano, e allora ogni cosa è illuminata, e allora mi sento protetta come forse mai è successo.

Da non perdere è l’incanto di St Ives: una piccola cittadina fatta di luci a filo appese e sospese nell’aria e ristoranti che coccolano già dall’esterno.

Come due adolescenti al Luna Park, troviamo un negozio che ci stupisce: possiamo costruire un pupazzo di peluche e come due genitori ansiosi, scegliamo foggia, colore e abito e attendiamo il risultato.

Ci perdiamo in un minuscolo negozio, più da dire, un bijou di boutique, molto hipster, che vende ogni genere di formaggio – dall’organica chetar per passare dal Cornish St Endellion brie fino ad arrivare ad aerborinati come il Cornish Yettle Yarg.

Dormiamo in una guest house gestita da una coppia deliziosa, che ci sorride e ci prepara colazioni incredibili in un contesto di cottage house che ci coccola e ci culla, dandoci il buongiorno con una vetrata che da direttamente sulla baia, i surfisti e l’oceano. Sentiamo la brezza marina anche con le finestre chiuse.

La sera mangiamo risotto alla barbabietola cucinato dallo chef surfista che ci fa degustare una tempura di Cornish blue – una specie di gorgonzola made in Cornwell.

Con la nostra favolosa Aston Martin, guidiamo all the way down fino ad arriver a Sennon e a trovare la chiesa di Zennor, famosa per le sue leggende sulla sirena che innamorata del corista della chiesa arrivò qui trasportata su una sedia solo per sentire la sua voce e ascoltare il calore della sua pelle.

Visitiamo il Minack Theatre: un teatro nella roccia, a strapiombo sull’incredibile Porthcurno Beach – una meraviglia strappata da un libro di favole e viaggi, un amore celestiale difficile da ritrovare, dove gli occhi si tuffano a capofitto nell’orizzonte poi ritrovarsi sbalorditi e riempiti di meraviglia.

Ci fermiamo a mangiare in un pittoresco cottage, pieno di candele e colori autunnali che consolano l’umore: mangiamo vellutata di zucca mantecata con la mela e incredibili gnocchi con pomodori secchi e formaggio di capra.

Ogni dolce ormai è un classico: sticky toffee pudding. So – in caso di lite – come farmi perdonare: una produzione massiccia di caramello e passa la paura.

_D9A4530

_D9A4827

_D9A5093

_D9A5325

Di corsa verso Marazion, che siede di fronte al monte Saint Micheal: il mattino seguite cammineremo e correremo verso il mare, approfittando della bassa marea, verso questa isola così particolare. Una specie di capriccio in mare aperto. Dormiamo in un’altra guest house, dal letto enorme e il bagno elegante. I proprietari sono molto gentili, ci chiamano per avvertirci che sono in ritardo per il check in, sperano non sia un disturbo. Ma noi, che di ritardi siamo gli esperti, sorridiamo e già amiamo questa peculiarità che viene trasformata in gentilezza.

Stanchi ma felici, ceniamo da colui che senza dubbio presto avrà una stella Michelin: Ben’s Cornish Kitchen. Ci deliziamo con una rincuorante zuppa di cipolle, un bicchiere di Sauvignon Blanc 2012 Neil Ellis e ovviamente l’ormai rituale salsa butterscotch. Il vento e il freddo ci colora le guance e ci arrossisce i pensieri.

Sono emozionata: ogni giorno è un regalo e come una margherita sfogliamo i petali in attesa di sapere cosa ci riserva questa vacanza nomade.

Troviamo il festival delle ostriche e  ne mangiamo a iosa da Rick Stein. Non posso farne a meno e continuo a ordinarne. Sono la mia debolezza. E Rick Stein, questo cuoco che ha costruito un impero facendo del chilometro 0 la sua forza, mi riempie il cuore di gioia e lo stomaco di prelibatezze.

A bordo della King Harry ferry, attraversiamo il fiume e raggiungiamo la vecchia città chic di St Mawes. E’ il prodromo verso ciò che più incantevole ho visto in tutta la mia vita: i giardini segreti di Heligan.

Ettari infiniti di natura e verde, statue impastate con yogurt così che i muschi possono crescere con più facilità tutti intorno. Qui vedi la natura evolversi in ogni sua trasformazione, vivi appieno le stagioni e io mi perdo in queste zucche dai contorni fiabeschi.

_D9A5444

_D9A5446

_D9A5459

_D9A5487

_D9A5521

4D9A5466

4D9A4448

4D9A4185

4D9A4173

Qui si coltiva di tutto, persino le ananas e la storia ti stupisce: la forza dell’essere umano e degli animi nobili. E’ come se fosse un archivio a cielo aperto di sementi antiche e ormai irreperibili. Giardini nascosti che traboccano di gelsomini e rose.

Concludiamo il nostro percorso passando da StoneHenge: qui sentiamo tutta la forza e la magia di luoghi mitici.

All’aereoporto mangiamo zuppe di lenticchie tenendoci la mano e osservando questi viaggiatori così affamati di nuovo, di avventura e di ignoto. Sorrido, perché io trovo l’avventura ogni mattina, quando mi sveglio e la prima parola che dico è un buongiorno amore, che mai più avrei creduto possibile pronunciare.

Indirizzi :

Posti da visitare:

Minack Theatre

Porthcurno, Cornwall TR19 6JU

01736 810181

www.minack.com

Barbara Hepworth Museum & Sculpture Garden

Barnoon Hill, St Ives TR26 1AD

01736 796226

http://www.tate.org.uk/visit/tate-st-ives/barbara-hepworth-museum

Tintagel Castle

Tintagel, Cornwall PL34 0HE

01840 770328

http://www.english-heritage.org.uk/daysout/properties/tintagel-castle/

www.lustyglaze.co.uk

www.minack.com

Falmouth Oyster Festival

Events Square, Falmouth TR11 3XA

www.falmouthoysterfestival.co.uk

Lost Gardens of Heligan

Pentewan, nr St Austell, Cornwall PL26 6EN

01726 845100

www.heligan.com

Hotels

The Beach at Bude

Summerleaze Crescent, Bude, Cornwall EX23 8HJ

01288 389800

www.thebeachatbude.co.uk

West by Five

7 Clodgy View, St Ives, Cornwall TR26 1JG

01736 794584

www.westbyfive.com

St Michael’s Bed & Breakfast

The Cornerhouse, Fore Street, Marazion, Cornwall TR17 0AD

01736 711348

www.stmichaels-bedandbreakfast.co.uk

Trehaven Manor

Station Road, East Looe, Cornwall PL13 1HN

01503 262028

www.trehaven.co.uk

Hotel Tresanton St Mawes, Cornwall www.tresanton.com Restaurant: The Old Coastguard HotelThe Parade, Mousehole, nr Penzance TR19 6PR01736 731222 http://www.oldcoastguardhotel.co.uk/Eat.aspx

Nomada

01288 389827

www.nomadabude.com

Nathan Outlaw’s Fish Kitchen

1 Middle Street, Port Isaac, Cornwall PL29 3RH

01208 881183

http://www.outlaws.co.uk/fishkitchen

The Allotment deli 30a fore street St Ives Cornwell www.theallotmentdeli.blogspot.co.uk Ben’s Cornish Kitchen West End Marazion Cornwall www.benscornishkitchen.com Rick Steins Fish Restaurant

Events Square, Falmouth TR11 3XA

http://www.rickstein.com/Rick-Steins-Fish-Falmouth.html

4D9A5477

4D9A5531

4D9A5547

4D9A5691

4D9A5696

Si ringrazia:

Powered by Canon

Visit Britain

Abiti:

Stella McCartney

Mauro Grifoni

Hunter Boots

Marni

Pijama

Vans

Sun68

Kway

TataBorello


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • LA Crepes !

    Crepes

    Cercando di recuperare gli anni perduti vi posto uno street food in tema con il mio ultimo viaggio a Paris! Francia..terra di burrose golosità e crepes..... Leggere il seguito

    Da  Melissa
    CONSIGLI UTILI, CUCINA, LIFESTYLE
  • La Pimpinella!

    Pimpinella!

    La Pimpinella, marchio italiano di abbigliamento per bambine dai 0 ai 6 anni, il cui nome ricorda uno storico personaggio dei fumetti degli anni ’50/’60, si... Leggere il seguito

    Da  Lefashionmama
    MATERNITÀ, MODA E TREND, PER LEI
  • La gelosia

    gelosia

    di Philippe Garrel con Louis Garrel, Anna Mouglalis, Esther Garrel Francia, 2013 genere, drammatico durata, 71' Per chi non conosce Philippe Garrel, "La gelosia... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • La ghiandaia

    ghiandaia

    Su una giovane quercia al confine del giardino, abita una prepotente ghiandaia. Il suo roco richiamo mi avverte della sua presenza nelle più svariate ore del... Leggere il seguito

    Da  Lifarnur
    DIARIO PERSONALE
  • La litografia

    litografia

    Una litografia del 1820Come detto nel post sulle incisioni, ne esistono di diversi tipi e tra questi c'è la litografia.La litografia è una tecnica a stampa in... Leggere il seguito

    Da  Artesplorando
    ARTE, CULTURA
  • La Costante.

    La Costante Noi non ci conosciamo. Penso ai giorni che, perduti nel tempo, c’incontrammo, alla nostra incresciosa intimità. Ci siamo sempre lasciati senza... Leggere il seguito

    Da  Philomela997
    EDITORIA E STAMPA, LIBRI
  • La Parigina

    Parigina

    A metà tra pizza e torta salata La Parigina è un rustico tipico napoletano che ha la particolarità di esser composto da due impasti ; tradizionalmente farcita... Leggere il seguito

    Da  Damgas
    CUCINA, RICETTE