Magazine Cinema

La nostra Vita

Creato il 22 settembre 2010 da Ludacri87
La nostra VitaLa nostra VitaLuchetti è un narratore prima di essere un regista. Quando ci si accinge alla visione di un suo film, si deve partire da questa premessa. E, nel suo narrare, mostra qualcosa che sfugge a molti, sullo schermo e sulla carta. Gioca infatti l'asso dell'umanità.  E' un vernacolare, un istintivo, un realista, un popolano. "La nostra vita" è un romanzo popolare o meglio un vero racconto, fitto di storie incalzanti, senza che la concatenazione sia eccedente il minutaggio e la noia. Luchetti fa di Germano il suo attore feticcio. E Germano fa di Luchetti il suo mentore, il suo padre artsistico. Non si spiega diversamente la performance dell'attore, che sfiora la perfezione, caricandosi di un'intensità che trascende la semplice resa di singoli sentimenti, ma è data da una sedimentazione del personaggio. Solo un'identificazione prima fisica e poi psicologica avrebbe potuto garantire un risulato del genere, premiato cum laude a Cannes e vero spartiacque nella carriera di un attore completo/complesso. E' veramente ammirevole il lavoro sul personaggio, mai sovraccaricato, mai eccessivo, mai minimalista, ma popolano e reale, come il film. Ma Luchetti offre anche di più. Si permette di parlare di amore e morte, di difficoltà finanziarie, di bambini, di partite di droga, di famiglia, senza un minimo cedimento. E le poche lacrime di Germano sono toccanti e deflagranti. Ancora, la camera da presa non propone clichè, nè ammicca alla tipicità italiana da fiction. Tecnicamente, lo stile, anche spoglio, è più vicino ai modelli europei. Infine, mi preme ricordare un bravo Luca Zingaretti, con un personaggio rischioso e la "madrina" italiana Isabella Ragonese, che in poco meno di metà  film, regala un'intensità insieme regale e reale che ne mostra capacità inedite. Un film che, affincato alla "prima cosa bella" e, in parte a "L'uomo che verrà" rappresenta un patrimonio cinematografico da tenere sotto occhio ed esportare, lasciando i Muccino e gli Ozpeteck nella loro comoda posizione di "uomini da incasso".

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La nostra vita

    nostra vita

    di Daniele Lucchetti, Italia 2010, con Elio Germano, Raoul Bova, Luca Zingaretti, Isabella Aragonese, Giorgio Colangeli, Stefania Montorsi, Marius Ignat, Alina... Leggere il seguito

    Da  Innovationmarketing
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra vita

    nostra vita

    “I tacchi sono come i parenti. Sono scomodi, ma aiutano” Nel 1988 Daniele Luchetti esordiva alla regia con “Domani Accadrà” e veniva invitato per l’occasione a... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • “La vita è un miracolo”

    vita miracolo”

    2004: Zivot je cudo di Emir Kusturika   Un film, ha scritto Gian Luigi Rondi “con molti eccessi… ma geniali”.   L’intreccio vero e proprio (il protagonista, un... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra vita

    nostra vita

    “Ora devi elaborare il lutto” “No, quello che devo elaborare ora, sono i sordi” In questa singola battuta si nasconde il motore degli eventi dell’ultimo film... Leggere il seguito

    Da  Olineg
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra vita

    nostra vita

    , la nostra Italia. C'è una miniatura, una parte della microstoria di questo paese nel nuovo film di Daniele Lucchetti che ha portato alla meritata Palma d'Oro... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra vita

    nostra vita

    Al di là della Palma d’Oro all’ultimo festival di Cannes per l’interpretazione di Elio Germano (e anche in questo caso rimango un po’ perplesso poiché ci sono... Leggere il seguito

    Da  Alboino
    CINEMA, CULTURA
  • La vita è bella

    vita bella

    La prima volta che vidi questo film avevo 10 anni: in tanti abbiamo pianto. In tanti continuano a piangere vedendolo.E' assolutamente un capolavoro italiano,... Leggere il seguito

    Da  Valentinas
    CINEMA, CULTURA