Magazine Cinema

La nostra vita

Creato il 24 giugno 2010 da Innovationmarketing

LA NOSTRA VITAdi Daniele Lucchetti, Italia 2010, con Elio Germano, Raoul Bova, Luca Zingaretti, Isabella Aragonese, Giorgio Colangeli, Stefania Montorsi, Marius Ignat, Alina Berzunteanu.

“…e la vita continua anche senza di noi, anche senza di noi, che siamo lontani ormai…”

E sulle note di Anima Fragile di Vasco Rossi che uno dei migliori registi nel panorama cinematografico nazionale cuce un approfondito ritratto sociologico della società italiana contemporanea che sembra ormai aver perso la propria etica e la propria morale. La nostra vita racconta la storia di un giovane operaio, Claudio, che, in seguito alla morte della moglie mentre da’ alla luce il loro terzo figlio, cerca di affrontare la sofferenza e il dolore iniziando una folle corsa verso l’arricchimento monetario. Attraverso un mezzo ricatto, Claudio riesce a ottenere in subappalto la costruzione di una palazzina, niente di così apparentemente difficile. La sua estrema esigenza di accumulare denaro lo porteranno a dimenticare ogni senso etico e morale, comportandosi come un qualunque “padrone”,sfruttando extracomunitari e cadendo nella rete di amicizie non proprio affidabili. La storia di Claudio, interpretato magistralmente dal grande Elio Germano e, a mio parere, meritatissima la Palma d’Oro come migliore attore – anche se ex equo Javier Bardem, straordinario interprete in «Biutiful» di Iñárritu – è uno scorcio, brillantemente diretto, di quella che per molti è oggi la società italiana: una nazione, e di conseguenza i suoi abitanti, illusa, sprovveduta e che crede fortemente che con i soldi è possibile comprare tutto, anche i sentimenti. Proprio come spesso fa Claudio nei confronti dei suoi tre piccoli figli che, nel momento in cui avrebbero solo bisogno di sedersi sul “lettone” della loro mamma, il padre glielo vieta punendoli con una sgridata o cacciandoli di fretta dalla stanza. I soldi, l’apparenza, la bella vita sono gli status che animo le giornate di Claudio prima e, ancora di più, dopo la morte della giovane donna. La nostra vitaè anche una sorta di racconto di redenzione che, però, non cade nella banalità di ciò che è bene e ciò che è male, non cade nello stereotipo di divisione tra il bene e il male. Ed è proprio questa, secondo me, la forza di questo racconto cinematografico e la bravura di Lucchetti che lo hanno portato a rappresentare la cinematografia italiana sul red carpet della Croisette. La nostra vita è reale, autentica e sopratutto precisa nell’analizzare e nel registrare i comportamenti, gli atteggiamenti e il linguaggio dei suoi personaggi. Un film dal forte coinvolgimento interiore per via del tema della morte, della vita spezzata di una così giovane famiglia romana ma è, allo stesso tempo, un film nel quale vi è un completo coinvolgimento a livello personale e sociale proprio perché si riesce ad entrare immediatamente in empatia con il suo protagonista e con il contesto dal quale è circondato. Una personificazione con la storia intensa che trova il suo apice nel grido di dolore, ma di immensa speranza, di Claudio, durante i funerali di Elena“…e la vita continua anche senza di noi, anche senza di noi, che siamo lontani ormai…”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La vita anestetizzata (Kynodontas)

    vita anestetizzata (Kynodontas)

    Kynodontas – Dogtooth(Grecia, 2009) Regia: Giorgos Lanthimos Cast: Christos Stergioglou, Michele Valley, Aggeliki Papoulia, Mary Tsoni, Hristos Passalis, Anna... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra vita

    nostra vita

    “I tacchi sono come i parenti. Sono scomodi, ma aiutano” Nel 1988 Daniele Luchetti esordiva alla regia con “Domani Accadrà” e veniva invitato per l’occasione a... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • La nostra vita

    nostra vita

    “Ora devi elaborare il lutto” “No, quello che devo elaborare ora, sono i sordi” In questa singola battuta si nasconde il motore degli eventi dell’ultimo film... Leggere il seguito

    Da  Olineg
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra vita

    nostra vita

    , la nostra Italia. C'è una miniatura, una parte della microstoria di questo paese nel nuovo film di Daniele Lucchetti che ha portato alla meritata Palma d'Oro... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • La vita al contrario

    vita contrario

    Pezzo memorabile di Woody Allen.Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così il trauma è bello che superato. Quindi ti svegli in un letto di... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra Vita

    nostra Vita

    Luchetti è un narratore prima di essere un regista. Quando ci si accinge alla visione di un suo film, si deve partire da questa premessa. E, nel suo narrare,... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • La nostra vita

    nostra vita

    Al di là della Palma d’Oro all’ultimo festival di Cannes per l’interpretazione di Elio Germano (e anche in questo caso rimango un po’ perplesso poiché ci sono... Leggere il seguito

    Da  Alboino
    CINEMA, CULTURA