Magazine Diario personale

La notte in ostello.

Da Monstersandco
La notte in ostello. "Questo ufficio non è un albergo!"
Se qualcuno lo urlasse adesso, si sbaglierebbe di grosso.
Sono ore, forse giorni, forse anni, che mi aggiro per una città perennemente buia trascinando una valigia di cui ignoro il contenuto. Forse non ho mai fatto altro in tutta la mia vita.
E quando arrivo nel mio ufficio sono quasi contenta che si sia trasformato per magia in un ostello gigantesco, con stanze e letti a castello o divani morbidi nei corridoi.
La sensazione è quella di essere entrati in un tipico studentato americano, quelli da confraternita. I miei colleghi del corridoio di là si aggirano sciolti in calzini e maglietta, come se avessero 16 anni, 1 paio di mutande pulite, 0 preoccupazioni e poco altro. Si muovono molli e lenti, come se fossero di nuovo liberi dal loro esoscheletro di convinzioni.
Ma io ho bisogno di dormire, ho bisogno di riposare. E' troppo tempo che vago senza meta.
Non ci sono ragazze, in questo edificio, solo quelle che si accoppiano con i suoi ospiti.
Così mi rivolgo all'unico spaiato, e non voglio nulla, voglio solo il suo letto, voglio solo dormire.
No, mi dice, tu non sei della confraternita, il mio letto non te lo do. Che poi arriva la mia fidanzata e se ti trova qui sono guai.
Ma io non voglio niente, ti giuro, niente, solo appoggiare e chiudere gli occhi e affogare in questa stanchezza.
E va bene, mi dice, va bene: ti lascio il mio letto. Ma solo due ore, durante il mio turno di guardia; poi te ne vai.
Chiudo gli occhi in questa stanza dove corpi giganteschi si muovono come cavallette aliene, senza sosta, senza quiete, e mi chiedo quale attacco sta per arrivare alle porte dell'edificio, alle porte del mio sonno.
Dreamed by: Co.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La fiera dei miracoli

    Un miracolo comune: l’accadere di molti miracoli comuni. Un miracolo normale: l’abbaiare di cani invisibili nel silenzio della notte. Leggere il seguito

    Da  Farfalla [email protected]
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • la madre

    madre

    La parola più bella sulle labbra del genere umano è "Madre", e la più bella invocazione è "Madre mia". E' la fonte dell'amore, della misericordia, della... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La felicità

    felicità

    la felicità è un attimo, subito dopo inciampo su ciò che è stato e un velo cala sugli occhi. La felicità e come una fresca rugiada che presto evapora col sole.... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La ghigliottina

    Uno dei momenti più esilaranti – e teneri – delle mie serate è quando arriva la ghigliottina all’Eredità. Franci, che fino a quel momento ha provato a risponder... Leggere il seguito

    Da  Chiagia
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • La telefonata

    telefonata

    Seguendo il consiglio del sempre saggio Tio Gigi posto nuovamente un mio vecchio racconto del 2005,tenete conto che non esistevano i cellulari a Cuba e che... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La bella e la bestia

    bella bestia

    In un paese lontano della Francia, viveva nel suo splendido castello un giovane principe. Era viziato ed egoista. Durante una fredda notte d’inverno una... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La perrita

    perrita

    Torno,dopo anni,a parlare di cani a Cuba dopo un celeberrimo post di alcuni anni fa,post la cui continua citazione da parte di un personaggio che scriveva in... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI