Magazine Opinioni

La pillola abortiva e la prepotenza degli antiabortisti

Creato il 20 marzo 2014 da Catreporter79

Nei giorni e nei mesi che videro la polemica sull’adozione della cosiddetta “pillola abortiva” (RU-486) arroventare il dibattito politico, la punta di lancia dell’arsenale retorico proibizionista era che l’opzione farmacologica potesse condurre e indurre ad una “banalizzazione dell’aborto”.

Si trattava di un vero e proprio “refrain”, ripetuto e fatto rimbalzare fino allo spasimo ma, a ben vedere, non soltanto svuotato di qualsiasi credibilità morale (conteneva la volontà di un’imposizione) ma, prima di tutto, imperniato su un cortocircuito logico; se, infatti, vogliamo pensare vi sia un legame tra la percezione dell’aborto e la forza dell’ impatto sulla psiche e sul fisico provocata della soluzione utilizzata per la rimozione del feto, per cui una formula il meno possibile invasiva (come la RU-486) possa attenuare e diluire la percezione della “gravità” della pratica abortiva, se ne deduce, seguendo la stessa traiettoria logica, che una strada il più possibile rischiosa, nociva e scioccante tale da conficcare nella donna un trauma fisico e psicologico indelebile azzeri qualsiasi eventualità di prendere sottogamba l’ IVG.

Perché , dunque, non tornare agli obsoleti e rischiosissimi metodi delle “mammane” di un tempo? Perché non tornare ai ferri caldi oppure agli uncini? Perché , ancora, non tornare ai pugni sulle pance? In questo caso, saremo certi, certissimi, che l’aborto non verrebbe mai “banalizzato”. Al contrario, la sventurata ne conserverebbe memoria vivida e pulsante, nel corpo e nella mente, fino al termine dei suoi giorni.

A questi interrogativi, i proibizionisti solevano non rispondere, nonostante venisse loro fatto notare come la RU-486 contribuisse a scongiurare rischi residuali legati all’IVG mediante prassi chirurgica. Non vi era (e non vi è), dunque, nessun interesse per l’incolumità della paziente, bensì la volontà di punirla, esponendola alle incognite dell’aborto “tradizionale”. Questo perché l’autodeterminazione femminile lacera la concezione retriva della donna e del suo ruolo cui i più conservatori sono ammanettati; ella è e deve rimanere confinata nella funzione di moglie e fattrice e guai a volersene affrancare. Pena, la totale mancanza di “pietas”. Oppure un rastrello nella pancia e magari un’infezione.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ignizione. La soundtrack 1

    Ignizione. soundtrack

    Di solito, quando scrivo, c’è sempre qualche brano in particolare che ascolto. È stato così per Le Nove Stelle, con Prima di Svanire e così è stato per... Leggere il seguito

    Da  Bangorn
    CULTURA, OPINIONI
  • La grande bellezza o la grande incompiutezza?

    grande bellezza incompiutezza?

    Condividi La grande bellezza (Italia 2013) Regia: Paolo Sorrentino Sceneggiatura: Paolo Sorrentino, Umberto Contarello Cast: Toni Servillo, Carlo Verdone,... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA, OPINIONI
  • la tomba dell’amore

    tomba dell’amore

    Si sa, la religione - così come dio - è amore, soprattutto quella cristiana. Almeno così ci dicono, e sicuramente lo dicevano anche in Olanda, nella seconda met... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La classe vestiva la giubba rossa

    Nel 1864, fu organizzata da Garibaldi e Mazzini una spedizione per conquistare il Veneto, il Trentino ed il Friuli Venezia Giulia, regioni all’epoca piegate... Leggere il seguito

    Da  Catreporter79
    OPINIONI
  • La Brigata dei Toreri

    Brigata Toreri

    Una lettura interessante, quella di Manuel Chaves Nogales sulla guerra civile spagnola e sulla difesa di Madrid. Nel prologo di "A sangre y fuego" parla degli... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La sagra è vicina

    sagra vicina

    E io, io allora, qui, io cosa rimango a fare, qui dove perfino Dio se n’è andato di chiesa? Giorgio Caproni, “Lasciando Loco”Ciao, il mio racconto “Venti”... Leggere il seguito

    Da  Carusopascoski
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La violenza

    violenza

    Ultimamente in una rete privata hanno trasmesso nuovamente il bellissimo film capolavoro di Roman Polanski, "Il pianista". Espongo brevemente la trama per chi... Leggere il seguito

    Da  Alessandra
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, SPIRITUALITÀ, TALENTI