Magazine Cultura

La più folle fiaba estiva…

Creato il 16 luglio 2010 da Paolo Franchini

megafono

E’ l’argomento del giorno e VareseNoir non può far finta di nulla.

Da “La Prealpina” di oggi, venerdì 16/07/2010.

La più folle fiaba estiva…
CONTINUA LA “FIABA” DI CHIARA ZOCCHI E IL PREMIO CHIARA INEDITI

Una lettera di Chiara Zocchi

C’era una volta Chiara Rossetto Rosso, che camminava tranquillamente nel Bosco Matteotti, senza sapere che giorno fosse. A un certo punto (ma non si ricorda a che ora) incontra una Lupa bionda, che sorridendole con dei denti molto luccicanti le dice:
- ciao Chiara Rossetto Rosso, avresti voglia di occuparti di un Premio di racconti, visto che tu sei un personaggio di fiaba e sai distinguere le parole scritte bene da quelle scritte male? Per questo lavoro possiamo offrirti 8 pacchetti di caramelle.

Chiara Rossetto Rosso guarda pensierosa il cielo, poi i fiorellini che ha tra le mani, e, anche se il lavoro che le è richiesto (selezione, grafica, editing) varrebbe molte più caramelle, decide di farlo perché ha voglia di scoprire nuove fiabe.

E così Chiara Rossetto Rosso legge i racconti (li legge tutti), scoprendo una scrittrice molto brava, Laura Tornambene (anche se i suoi testi andrebbero un po’ editati -nella forma- per la pubblicazione) e comunica la sua scelta alla giuria.

I suoi racconti preferiti sono anche tra i preferiti di altri 2 giurati, quindi della “maggioranza”.
E’ molto felice di sapere che ciò che piace a lei piace anche ad altre persone che stima. Ma la Lupa Lazzati (questo è il suo nome), senza più sorridere in modo luccicante, le dice varie cose GRAVI (che poi negherà), come per esempio il fatto che la scrittrice è di Palermo e secondo lei sarebbe meglio, “per i donatori di caramelle”, che fosse “del nostro bosco o dintorni”.

Chiara Rossetto Rosso non capisce… ma allora lei non è libera di scegliere, come la Lupa le aveva promesso all’inizio! Si mette a piangere (veramente), e decide di andarsene da queste persone cattive, che sicuramente la sbraneranno.

Ma, parlando al telefono con un personaggio buonissimo e intelligente (Federico Roncoroni), alla fine si convince a portare a termine il suo lavoro, per amore di Piero Chiara.

Quando poi chiede di avere un po’ di tempo per poter selezionare con cura i tre racconti da pubblicare, le rispondono che i racconti sono già stati scelti e che lei non può dire la sua idea su niente. Così Chiara Rossetto Rosso, sentendosi incompresa e inutile, nonostante le dispiaccia il fatto di non poter concludere una cosa che aveva iniziato, decide di mettere la parola FINE a questa triste storia.

E vissero tutti in-felici e s-contenti.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La casa

    Sono chinato sulle ginocchia a spiare la casa dalla finestra di piano terra. Dentro non vedo nessuno (per il semplice fatto che io sono fuori) ma riesco ogni... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA
  • La rassegnazione

    rassegnazione

    La rassegnazione viene definita una disposizione d’animo conformata all’altrui volontà o/e ad una forza ineluttabile; è evidente che il riferimento non è a... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA, SALUTE E BENESSERE
  • La classe – la recensione di Sandro

    classe recensione Sandro

    Continuo con piacere a pubblicare le vostre recensioni. Questa volta è ancora Sandro a raccontarci La classe di Laurent Cantet, e vi anticipo che non ne è... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • La valigia

    valigia

    L’uomo trascina l’enorme valigia con evidente difficoltà. Dev’essere pesantissima, non riesce neppure a sollevarla da terra, la sospinge a fatica. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • La locomotiva

    locomotiva

    La laboriosa fine del governo di Sancio Pancia. Era trascorsa una settimana da quando l’illustre governatore teneva le redini del suo impero. Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Tra la vita e la morte

    Ieri ho fatto una cosa un po' stupida: anziché vedere uno dei tanti film mai visti che ho lì da parte, ho rivisto un film di 16 anni fa, Léon. Leggere il seguito

    Da  Lanterna
    CINEMA, CULTURA
  • La Dama e la Strega

    Dama Strega

    Ricordate la Dama del lago?Qualcuno ha pensato che fosse solo un altro personaggio del mio blog. Almeno finché non ha sentito la sua voce in diretta su... Leggere il seguito

    Da  Alfa
    CULTURA

Magazine