Magazine Cinema

La prima cosa bella

Creato il 29 settembre 2010 da Ludacri87
La prima cosa bellaLa prima cosa bella La prima cosa bella La prima cosa bella
 La Prima Cosa bella è il candidato italiano per Gli Oscar 2011
La prima cosa bella
Fantastico
La prima cosa bella di Paolo Virzì, ci preme dirlo, è un film bellissimo. Tocca le corde umane concatenando commedia e tragedia in un solo momento, in un'unica sequenza. Ciò che colpisce è la possibilità di definire in campo, tramite i dialoghi, un misto di commozione verace e di ironia tagliente.Virzì intaglia un piano che in superficie risulta vacuo. In realtà, cosa rarissima, quasi impossibile nel nostro paese, arriva a dei livelli di concatenazione spazio-temporale e dialogici complessi e sfumati, con picchi che solo la vecchia commedia all'italiana, quella di Risi e Monicelli, può eguagliare. Il primo elemento in comune sta nella coralità. Alcuni film di Risi (Una vita difficile) e molti di Monicelli (i soliti ignoti, per esempio) rischiano la carta dell'antipsicologismo con una serie di macchiette umane. Si tratta sempre di un'analisi di facciata, non di comprensione analitica. Più di qualunque grande regista italiano, dall'estetismo di Visconti alla dimensione onirica di Fellini, dall'alienazione di Antonioni, al tocco intellettuale del popolano Pasolini, nessun autore è stato in grado di definire un mondo sociale con l'arguzia della commedia degli anni d'oro. Se i film complessi stilisticamente e contenutisticamente colpiscono solo una certa fascia di pubblico, i film a facile fruizione riescono, paradossalmente, ad incidere nei cambiamenti o, più spesso, nella raffigurazione di cosa e di chi ci stia intorno. Un film che mescola l'alto e il basso ha più possibilità di ricezione, di un film alto, o anche di un film basso. Infatti, nel mezzo, nell'intercapedine che separa il tragico dal comico, il grottesco dal macabro, il romantico dal raziocinio asettico, c'è un elemento di mimesi della realtà clamorosamente definibile. Ciò che si guarda è ciò che si è. Virzì esprime una coralità integrata, simmetrica, ordinata e la convoglia nell'emozionalità pura. Il suo lavoro di artigiano dei ritratti umani lo porta a definire personaggi che si affrancano dalla macchietta, pur prendendone l'ilarità, e diventano persone. E' sempre chiaro che un film non sia la realtà in modo assoluto, come sottolineato da momenti del tutto impensabili in un certo contesto, ma è anche vero il contrario, in quanto ogni persona risponde come sente prima di realizzare razionalmente, in certi casi, in totale individualità. E forse la poesia riconciliatrice è l'ottica più condivisibile. Detto questo, il film è strutturato secondo uno schema del tutto innovativo per il cinema italiano, con un uso smodato del flashback, del ralenty, della sovraimpressione e soprattutto dell'ellissi contenutistica che lega perfettamente momenti in spazio e tempo molto lontani. La direzione degli attori è eccellente. Valerio Mastandrea è al ruolo della vita e mostra una capacità spiccata di introspezione. Claudia Pandolfi, dopo il buon Cosmonauta, si conferma un'attrice tutt'altro che inespressiva, cresciuta in modo incredibile. La Sandrelli, come giusto, non domina la scena ma la sottintende, niente è definibile se non in relazione al suo personaggio. Infine, intensa, mutevole, la giovana certezza Micaela Ramazzotti, che si afferma per il suo tratto popolano come le grandi dive del passato del neorealismo rosa con un' indagine emotiva curatissima. Un film di cuore, tra città e provincia.
La prima cosa bella

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Neighbor – la bella torturatrice

    Neighbor è uno splatterone senza altri obiettivi se non quello di divertirsi a tagliuzzare e spezzettare… ed anche in questo Robert Angelo Masciantonio... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • La horde

    horde

    Regia di Yannick Dahan e Benjamin Rocher Francia 2009 Un gruppo di poliziotti trasgredisce a ogni regola deontologica e cerca vendetta come nel Far West. Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CINEMA, CULTURA
  • Quando la fantasia ...

    Quando fantasia

    QUANDO LA FANTASIA CORRE…. Non so se capita anche a voi quando leggete un libro…ma credo che, alla maggior parte dei lettori capiti. Capita, cioè di immaginare ... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CINEMA, CULTURA, ROMANZI
  • La legge è legge

    legge

    1958, Christian-Jaque, Totò.Volevo iniziare l'anno in allegria e spensieratezza, che fosse almeno un minimo intelligente, ed ecco cosa ho pensato di proporre,... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La Horde

    Horde

    In una Francia di poliziotti dal grilletto facile e la vendetta pronta (tra i quali c'è uno uguale al cattivo di IRON MAN) e mafiosi nigeriani che urlano "Io... Leggere il seguito

    Da  Mokujanji
    CINEMA, CULTURA
  • La settimana #74

    Anche questa settimana ampio spazio al viral marketing cinematografico. Novità interessanti per Super 8, tramite il suo sito dedicato ai Rocket Poppeteers, per... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • FallitaGlia è in piena "Decrescita Felice" (non capisco però perchè tutti siano...

    FallitaGlia piena "Decrescita Felice" (non capisco però perchè tutti siano perennemente inkazzati...)

    E le giornate passano in trepidante attesa ;-) della "cazzata del giorno" da parte del duo Salvini-Di Maio... che si occupano di cose ben poco prioritarie ma... Leggere il seguito

    Pubblicato da 4 ore, 25 minuti da   Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ