Magazine Cultura

La prima cosa bella

Creato il 01 gennaio 2011 da Mcnab75
La prima cosa bella

L'antico rito è stato celebrato, i buoni propositi sono stati pronunciati, i sortilegi propiziatori aleggiano ancora nell'aria.

Insomma, siamo ufficialmente nel 2011. Stanotte, poco dopo Capodanno, captavo discorsi dissacranti sul fatto che il prossimo Capodanno sarà l'ultimo che festeggeremo. Dunque il 21 dicembre 2012 dei Maya incombe più o meno come fece il più autorevole Millenium Bug nella notte del 31/12/1999.

Sta di fatto che, nella peggiore delle ipotesi, abbiamo ancora un paio di anni abbondanti per divertirci e combinare qualcosa di decente. Che, alla fin fine, è proprio quella piccola parte di destino che è effettivamente nelle nostre capacità manipolare (parlo del fare qualcosa di decente).

 

L'ultimo dell'anno l'ho festeggiato in quello che, nel primo capitolo del mio SB, assurge al ruolo di mio “ultimo rifugio”. Curioso e, per pochi secondi, addirittura estraniante. Ma la cosa davvero importante è aver passato una serata con delle persone a cui tengo, e aver ricevuto i messaggi, tra i tanti a catena presto cancellati, delle altre, lontane geograficamente ma al contempo vicine nei pensieri.

 

Concludo questo post molto easy con “la prima cosa che...”

 

La prima canzone che ho sentito nel 2011 è stata Il mare d'inverno, il che non è poi così male. Quella che invece avevo in testa era La prima cosa bella, in versione Malika Ayane (cover che ritengo straordinaria).

Il primo film che ho visto “passivamente” (accendendo a caso la TV) è stato La carica dei 102, che ho retto per non più di una decina di minuti.

Il primo che sceglierò coscientemente di vedere stasera è Un biglietto in due, con Steve Martin e John Candy. Quest'ultimo attore è uno dei pochi in grado di mettermi sempre di buonumore. Troppo sottovalutato, troppo presto volato nel paradiso dei comici, Candy rimane un attore da scoprire e riscoprire.

Il primo libro che ho aperto stamattina era un ebook. Domain of the dead, una semi-autoproduzione di Ian McKinnon. Che volete che vi dica, si vede che è periodo.

Il primo pensiero che ho fatto in realtà non lo ricordo bene, ma credo che sia qualcosa del genere “Non sarebbe male starsene lontani da casa almeno per un po'”.

 

Non sono così impudente da chiedervi quali sono state le vostre “prime cose che...”, quindi vi rifaccio di nuovo i migliori auguri per un ottimo 2011.
 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La realtà

    realtà

    La copertina del time è forte.Ma è il racconto di una realtà.Il racconto di una donna trattata come schiava e dove il marito e il cognato le hanno affettato nas... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La Horde

    Horde

    In una Francia di poliziotti dal grilletto facile e la vendetta pronta (tra i quali c'è uno uguale al cattivo di IRON MAN) e mafiosi nigeriani che urlano "Io... Leggere il seguito

    Da  Mokujanji
    CINEMA, CULTURA
  • La libertad

    libertad

    Nel fatiscente condominio di Oltre il fondo si spalanca un’altra porta sul cinema d’autore che vi (e mi) farà conoscere un giovane regista argentino praticament... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • La papessa

    papessa

    Nonostante le varie tirate femministodi non è un film male e questo dimostra la mia teoria secondo la quale un bel film è quello che piace nonostante... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    CINEMA, CULTURA
  • La horde

    horde

    Regia di Yannick Dahan e Benjamin Rocher Francia 2009 Un gruppo di poliziotti trasgredisce a ogni regola deontologica e cerca vendetta come nel Far West. Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CINEMA, CULTURA
  • La tomba

    tomba

    Di David Hunt (Bruno Mattei) con Hugo Barret, David Brass, Juliette Junot, Federica Lenzi. Italia/2004/Mondo Home EntertainmentNel Messico dei Maya si svolgevan... Leggere il seguito

    Da  Pellicoledallabisso
    CINEMA, CULTURA
  • La vanità...

    <<Si, si, la vanità è indubbiamente la forza motrice che spinge il mondo ed è l'adulazione che lubrifica le ruote. Se volete... Leggere il seguito

    Da  Faith
    CULTURA