Magazine Talenti

La pulizia dello specchio.

Da Energieindivenire

Il rubino
Un'amata chiese all'amante:

"Chi ami di più te stesso o me?".
"Dalla testa ai piedi sono diventato te.
Di me non rimae che il nome.
La volontà l'hai tu. Tu sola esisti.
Io sono scomparso come una goccia d'aceto
in un oceano di miele".
Una pietra diventa rubino
è colma delle qualità del sole.
Niente della pietra vi resta.
Se ama se stessa, ama il sole;
se ama il sole, è se stesa che ama.
Non c'è differenza tra questi due amori.
Prima di divenire rubino la pietra è nemica
a ste stessa.
Non uno esiste ma due.
La pietra è oscura e cieca alla luce.
Se ama se stessa è infedele: si oppone
intensamente al sole.
Se dice 'io' è solamente tenebra.
Un faraone si proclama divino e viene abbattuto,
Hallaj dice lo stesso ed è salvato.
Un io è maledetto, l'altro io benedetto.
Un io è pietra, l'altro un cristallo.
Uno è nemico della luce, l'altro la riflette.
Nell'intimo della propria coscienza, e non
mediante una dottrina,
è uno con la luce.
Lavora alle tue qualità di pietra
e diventa splendente come il rubino.
Pratica la rinuncia e accetta le difficoltà.
Vedi sempre la vita infinita nella morte dell'io.
La tua pietra scemerà si accrescerà la tua natura
di rubino.
I segni dell'esistenza individuale lasceranno
il tuo corpo
e l'estasi ti prenderà.
DIventa tutto udito come un orecchio
e otterrai un orecchino di rubino.
Scava un pozzo nel centro di questo corpo,
o prima ancora che il pozzo sia scavato
lascia che Dio attinga l'acqua.
Impegnati sempre a raschiare la sporcizia
dal pozzo.
A tutti quelli che soffrono
la perseveranza reca buona sorte.
Il Profeta ha detto che ogni prostrazione
in preghiera
è un colpo alla porta del cielo.
Se si continua a bussare,
la felicità rivela il suo volto ridente.
(tratto dal Masnavī di Jalāl al-Dīn Rūmī)
EMILIANO
l'obliquo tendente ad HU

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La lucertola

    Piano piano fa capolino dalla montagna il sole Sembra timido e stanco fra i rami lo intravedo di quell’albero secolare Con tranquillità lo guardo. Leggere il seguito

    Da  Rimmel
    POESIE, TALENTI
  • La felicità...

    Cosa dire... proprio nulla penso... almeno un po' di soddisfazione ogni tanto :) Buona lettura.That's all FOLKS!!!Alla ricerca della felicitàVorrei avere il... Leggere il seguito

    Da  Kaosintesta
    TALENTI
  • La conversazione

    Esercizio di stile Ovvero come scrivere qualcosa che non vuol dire nulla ma scriverla bene Mio padre era solito cominciare la conversazione riprendendola dalla... Leggere il seguito

    Da  Nicolapasa
    RACCONTI, TALENTI
  • La pioggia

    pioggia

    da qui Sono partito con la pioggia, non si può avere tutto dalla vita. Mi faccio scivolare lo stress dalla pelle, dai neuroni, ascolto musica, cento canzoni... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    RACCONTI, TALENTI
  • La siepe

    siepe

    da qui Vengo a piangere a Loreto le lacrime che a Roma ricaccio sempre dentro, perché ogni volta c’è qualcuno o qualcosa a cui pensare. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    TALENTI
  • La Mora in:"La sindrome della pezzetta..."

    Mora in:"La sindrome della pezzetta..."

    Metti che finalmente siete a casa nuova.Metti che è tutto così bello da commuoverti ogni volta che ti guardi intorno.Metti che il bagno in camera è delizioso e... Leggere il seguito

    Da  Silvia
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • La fiera

    Io odio i vaggi in pulman. Li odiavo già ai tempi della scuola, ma almeno le gite avevano di bello che ti portavano via da casa per qualche giorno, quindi potev... Leggere il seguito

    Da  Barbaramiglioli
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Magazine