Magazine Talenti

La raccomandazione delle raccomandate

Da Valecarmen

eee

Questo è un argomento che mi sta molto a cuore e che già da tempo mi ero ripromessa di affrontare. Ci tengo a parlarne in primis perché è una delle tante cose che non riesco a comprendere, ma che tanto per cambiare, è diventata una pessima abitudine, e le abitudini si sa, a lungo andare diventano regole. Stamattina, in un imprecisato ufficio postale dell’Italia peninsulare, mi ritrovo a fare la fila per spedire una lettera. Il contenuto del plico non è cartaceo ma è fragile, per questo motivo seppur munita di busta adeguata, devo per forza recarmi allo sportello, in quanto il costo del francobollo dipenderà dal peso. E fin qui ci siamo, tutto rientra nella norma. Mentre attendo, una signora prima di me sta spedendo delle lettere. L’operatore le consiglia di fare la raccomandata, perché la posta ordinaria non consente la tracciabilità della lettera; la signora si lascia convincere, perciò per una semplice lettera spende 8 euro. Dopo di lei arriva un altro cliente, stessa situazione: l’impiegato allo sportello convince il signore a fare una raccomandata e non inviare la sua lettera semplicemente affrancandola, perchè c’è il rischio che si perda.
Arriva il mio turno e l’impiegato fa la stessa proposta anche a me. Premesso che per me non si trattava della prima volta, dico all’operatore che non ho intenzione di fare la raccomandata. Lui mi guarda perplesso, come se fossi un uovo parlante, e ricomincia la manfrina della tracciabilità. Lo redarguisco facendogli presente che i compiti spettanti ad un ufficio postale sono quelli di far arrivare a destinazione lettere, pacchi e cartoline, e non di gonfiare palloncini dunque gli dico che l’invio di una lettera per posta ordinaria prevede che la lettera stessa magari arrivi meno celermente, ma che arrivi. Le poste servono a questo. Gli ho ricordato poi, facendo del sano populismo mattutino, che gli emigranti italiani inviavano cartoline ai primi del ’900 che attraversavano oceani e continenti, e lo facevano senza la tanto nota tracciabilità. L’abuso del simil-progresso o l’ossessione della vendita? Io direi, più italianamente parlando, la raccomandazione delle raccomandate!

V. Di Cesare



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • la goccia

    così è arrivato dio. è arrivato che dormivo e mi si è seduto accanto. la notte, chiaramente, non aveva rondini, non  frullavano gli storni, forse solo... Leggere il seguito

    Da  Foscasensi
    CULTURA, TALENTI
  • La figata

    Domani e fino a mercoledi 15 sono a Tokyo. La figata dei viaggi mensili nella Metropoli Tentacolare.Venerdi sabato & nonche’ nientepopodimenoche domenica (fino ... Leggere il seguito

    Da  Albino
    DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO, TALENTI, VIAGGI
  • La madre

    madre

    Raffaello: Madonna del melogranoSanguigna su carta di S.Celle …madre: musica che mai tradisce…madre: astro che mai sparisce…madre: madonna di tenera... Leggere il seguito

    Da  Sergio Celle
    POESIE, TALENTI
  • La gente…

    … è portata a pensare che chi riflette molto non sia in grado di viversi la vita. Dal mio punto di vista non è così; non dico che sia tutto l’opposto ma quasi;... Leggere il seguito

    Da  Lupussinefabula
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La vita.

    vita.

    La vita come un albero dalle radici forti.Tutti noi, le sue foglie.I rami che ci legano. I fiori ci rallegrano.Nell'armonia delle formi, condannati a stare... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI
  • la Gina...

    Evito tanti giri di parole, devo dirvi (quelle cose che...vorrei non dover fare ma mi sembra giusto fare) che la Gina non c'è più. Leggere il seguito

    Da  Madhouse
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La cattedra.

    cattedra.

    Domani tornerò in "cattedra".Passerò dall'altra parte, quella di chi parla e non di chi ascolta.Sarò io quella che sciorinerà argomenti e spiegazioni come se no... Leggere il seguito

    Da  Oliviabluebell
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI