Magazine Cinema

La regina è Tamara Drewe

Da Sogniebisogni

Tamara Drewe

Ciò che spiazza di un regista come Stephen Frears è probabilmente la sua estrema capacità adattativa. Passa senza colpo ferire dal film in costume ad alto budget stile Le relazioni pericolose (1988) alle mini-commedie proletarie alla Ken Loach come The Snapper (1993), dal provocatorio caleidoscopio sessuo-razziale di My beautiful laundrette (1985) al thriller patinato tipo Mary Reilly (1996).
Di solito i cottimisti dei quotidiani, che recensiscono i film a colpo singolo si alternano nel dargli del venduto a Hollywood, del rimbambito o del genio, a secondo di quanto hanno gradito la vicinanza del film alla loro stereotipa idea del cinema inglese (che temo sia ferma al Ken Loach degli anni ’90).
Fuori da questi infantili lettini di Procuste, Frears si conferma un regista interessato al gusto figurativo, all’ars combinatoria e all’indagine del rapporto fra rappresentazione, immagine e cultura di massa, cosa che già spiccava nel suo bellissimo The Queen (2006). Nei suoi film tutti hanno qualcosa da nascondere e nessuno ha la coscienza perfettamente a posto, proprio come nelle opere del caro zio Fredo (citato da qualche critico, piuttosto a proposito).
In questo senso Tamara Drewe è un’opera esemplare. Un piccolo e apparentemente tranquillo paese nella campagna del Dorset, un gruppetto di scrittori svitati, un borioso autore di best-seller, il fantasma di Thomas Hardy, storie di corna provinciali, comiche interazioni anglo-americane, ex-villani con laurea, rocchettari narcisisti, ragazzine assatanate di sesso e fama, e-mail, sms, vacche e galline. Al centro di tutto il post-modern, Tamara, procace giornalista à la page che si è rifatta il naso e ha scoperto la felicità, ma ancora non ha capito come viverla (e soprattutto con chi).
La ragazza torna al paesello e inanella una serie di relazioni che sembrano oscillare sull’orlo fra il disastro e il trionfo. Come in una risposta al Woody Allen di Match Point, il caso che aveva innescato tutto si occuperà di far tornare di nuovo tutto a posto, compresa la morale e le apparenze. Verità o finzione? O verità della finzione? Una cosa è certa: chi racconta è sempre un gran bugiardo o un gran ladro, che sia scrittore o che sia regista.
Andatelo a vedere, in lingua originale se possibile per non perdere la strepitosa recitazione del cast, e se non ci troverete tutta la metariflessione sulla rappresentazione che ci ho visto non dubito che almeno passerete un paio d’ore in compagnia di ottimi attori.

 Trailer QUI


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Tamara drewe. tradimenti all'inglese

    Tamara drewe. tradimenti all'inglese

    Ieri sera sono andata al cinema con la cumpa e dopo un pò d’indecisione ci siamo imbattuti nel film “Tamara Drewe. Tradimenti all’inglese”. Un film dove le... Leggere il seguito

    Da  Nana Komatsu
    CINEMA, CULTURA
  • Tamara Drewe - Stephen Frears

    Tamara Drewe Stephen Frears

    Commedia agro-dolce, tratto da un fumetto, diretta da Stephen Frears. La pellicola è gradevole e leggera, in linea con la produzione precedente di Frears (Alta... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • La montagna

    Un esempio di come si possa tirar via.EMILIANO...ringrazia il sensei... Leggere il seguito

    Da  Energieindivenire
    CULTURA
  • La Papessa

    Papessa

    A scapito di ogni dubbio, difficilmente si può credere e affermare che nell’antichità sul soglio pontificio si sia seduta una donna travestita da uomo;... Leggere il seguito

    Da  Alboino
    CULTURA
  • La Sospensione

    Sospensione

    La scuola, da noi, è iniziata due mesi e mezzo orsono; in questo lasso di tempo, nelle mie classi e nella mia scuola in generale, si è vissuta la vita... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • La neve

    neve

    Nevica, aspettando che si abbatta la tempesta WikiLeaks. Osservò assonnato i fiocchi, argentei e scuri, cadere obliquamente contro il lampione. Era tempo per lu... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La chiesa

    chiesa

    In pieno medioevo, un gruppo di cavalieri crociati scopre un villaggio abitato da gente che pratica la stregoneria; senza alcuna pietà, i cavalieri massacrano... Leggere il seguito

    Da  Paultemplar
    CINEMA, HORROR