Magazine Diario personale

La rinascita

Da Barbie68

La rinascita.

Ho letto da qualche parte che gli uomini  e le donne sono tanti traghetti, esternamente molto simili nel punto di partenza e nella destinazione. La tragedia e' che mentre uno e' ancora impegnato nel tragitto di andata l'altro ha appena iniziato quello di ritorno.
E cio' che era una coppia, non c'e' piu' ci sentiamo la meta' di niente....che fare? Bisogna accettare che l'amore e' finito e che nel finire ci ha lasciati completamente annientate, distrutte,all'inizio dolore, tanto dolore e poi rabbia, rabbia perche' si desidererebbe  che tutto si fermasse, il tempo, lo spazio, il rumore e invece no tutto continua ad andare avanti, insensibilmente come se nulla fosse cambiato e invece nulla e' piu' lo stesso, e il mondo non lo sa e invece lo vorremmo urlare, senza pero' questa accettazione ogni percorso risultera' inutile. Se un amore finisce improvvisamente, senza una vera e concreta spiegazione, tendiamo a negare, a minimizzare, attendiamo giorni, settimane, mesi che lui torni, ma poi col tempo capiamo che non sara' cosi, che non ci sara' il lieto fine, che lui non tornera' da noi e allora si sprofonda in un baratro di lacerante dolore, bisogna allora concedersi il periodo di lutto, che non e' possibile quantificare, va' cacciato fuori  tutto il nostro dolore, piangere tutte  le nostre lacrime, a poco a poco il dolore trova un posto dove vivere e cosi' fa parte di noi lo ascoltiamo, ci fa compagnia, lo conosciamo e non ci fa piu' paura, fino al giorno in cui questo tumulto si placa e inizia la rinascita, e' come un germoglio dopo un lungo inverno gelido, poco a poco spunta dalla neve, il freddo lascera' il posto al tepore, e' la rinascita del cuore, tutto appare piu' sereno, piu' bello piu' gioioso e le lacrime lasciano il posto al sorriso.
Si dice che il tempo guarisce tutte le ferite, forse e' retorica eppure e' vero, restano le cicatrici piu' o meno evidenti, anche se non potranno mai essere eliminate, restano li fanno parte di noi del nostro vissuto, ci ricordano chi siamo.
E col tempo si ricompongono i pezzi, il caos ridiventa ordine, il buio luce, le lacrime gioia e ci si alzera' da terra con la consapevolezza di non voler piu' buttare via altro tempo della propria vita aspettando e ricominciare a vivere!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La ragazza con la valigia

    ragazza valigia

    le mie iniziali, mica roba a caso.....Lo scorso weekend è stato bellissimo.Non solo perché avevamo bisogno di relax e di vicinanza, di dolce far niente e di... Leggere il seguito

    Da  Pdc
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La fusione

    fusione

    [la storia antica quattordicesima parte] Leo lasciò il diario aperto vicino al letto di Lelay e si ritirò nella sua stanza, sfinita, umiliata e delusa ma... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La palude

    Ti sei mai trovato in una palude? Quella melma strana che pare liquida ma è solida, che pare solida ma è liquida. Mentre te ne stai lì tranquillo a tentare di... Leggere il seguito

    Da  Chiara Lorenzetti
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La Spicajola

    Mestiere prevalentemente femminile, e ciò giustifica la desinenza. La venditrice di pannocchie di granturco si appostava – e si apposta – all’imbocco di un... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Abbasso la realtà/1

    Beatamente sconclusionando.Dev'esserci un guasto idraulico: non mi funziona il principio di realtà. Ho svariate scadenze e problemi da risolvere, ma continuo a... Leggere il seguito

    Da  Anacronista
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • La Vida.

    Vida.

    Ho ricevuto una lettera, qualche tempo fa. Una lettera vera, di carta e inchiostro, roba che nel duemilatredici quasi non ci si crede. Nella busta bianca, un... Leggere il seguito

    Da  Ilariadot
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La scelta

    “Fra non molto chiudiamo, sorella.” La ragazza dei biglietti la fissava dalla sua nicchia, con le mani guantate. Ma il tramonto non era freddo, almeno non per... Leggere il seguito

    Da  Signoradeifiltriblog
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Dossier Paperblog