Magazine Diario personale

La rosa col farfallino

Da Treasures

Un paio di giorni di fa ero furibonda come non mi succedeva da tempo. Non c’era un motivo specifico, ce n’era più di uno. Dolori non cicatrizzati che riemergono tutti insieme, difficoltà di una vita raminga e avventurosa… Tutto ciò che avrei voluto fare era spaccare qualcosa sul muro, fracassarlo, mandarlo in pezzi proprio per vederne i cocci, sentirne il rumore di cosa infranta, sfatta, proprio come mi sentivo io. Siamo sempre in cerca di corrispondenze, come diceva Baudelaire.
Stavo per scaraventare sul muro questa tazzina caffè, uno dei miei esemplari spaiati di uno sfigatissimo servizio da tre tazzine di cui una senza piattino. Stupida tazzina, dirà qualcuno, c’è mancato davvero poco che finissi spiaccicata sul muro.
Ma alla fine la tazzina non l’ho spaccata. L’ho tirata fuori dall’armadietto per la cucina e l’ho messa lì, sul davanzale della finestra, in attesa. Ho visto che c’era il sole.
Sono uscita a farmi una passeggiata per le vie di Istanbul, e per terra ho trovato una rosa rossa dal gambo corto. L’ho raccolta e l’ho portata a casa.
Poche ore dopo la rosa era nella tazzina sul davanzale, riempita con un po’ d’acqua fresca. L’ho perfino vestita a festa, con un elegante farfallino rosso. La rosa col farfallinoLa rosa col farfallinoLa rosa col farfallino
Ed ecco la mia rosa: elegante e profumata. Se avessi spaccato la tazzina, la rosa col farfallino non sarebbe mai esistita.
Questo prova che la pace vince sulla guerra, e che bellezza e la poesia salveranno sempre il mondo. Perché questa è la vita, a volte. Voler spaccare tutto, ma non farlo. Uscire, invece, e trovare il bello in agguato dietro l’angolo. 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La torcia

    torcia

    A che ora rientri a casa stasera amore?Il palazzo lo conosceC’è cresciuto lìProfessione scusi?ArtigianoA che ora rientri a casa stasera amore?Colore VerdePassa... Leggere il seguito

    Da  Olivierifrancesco
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, MUSICA, RACCONTI, TALENTI
  • La rotta

    rotta

    E’ uno dei miei primi ricordi di cui resta memoria, segno che scavò un suo posto senza bisogno di ragionare. C’era un muro di sacchi di sabbia tutt’attorno la... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La Noia

    Questo post si chiama La Noia, perché io in questi giorni sono La Noia, con le iniziali maiuscole ma anche LA NOIA tutto in maiuscolo e in grassetto, già che... Leggere il seguito

    Da  Micamichela
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • la sorellina

    sono giorni di cambiamenti e di nuove esperienze, quelli che stiamo vivendo. da quando è iniziato l’inserimento alla materna di Chicco, si sono profilate... Leggere il seguito

    Da  Leucosia
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • la madre

    madre

    La parola più bella sulle labbra del genere umano è "Madre", e la più bella invocazione è "Madre mia". E' la fonte dell'amore, della misericordia, della... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La ghigliottina

    Uno dei momenti più esilaranti – e teneri – delle mie serate è quando arriva la ghigliottina all’Eredità. Franci, che fino a quel momento ha provato a risponder... Leggere il seguito

    Da  Chiagia
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • La telefonata

    telefonata

    Seguendo il consiglio del sempre saggio Tio Gigi posto nuovamente un mio vecchio racconto del 2005,tenete conto che non esistevano i cellulari a Cuba e che... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Dossier Paperblog