Magazine Politica

La scuola dei dittatori: La fabbrica dei capri espiatori

Creato il 10 marzo 2011 da Risibilmostra

 

La scuola dei dittatori: La fabbrica dei capri espiatori

Autore: Bodlina

Ebbene, contro i mali d’ogni genere le dittature conoscono un’autentica panacea: il sacrifizio tem­pestivo di appropriati capri espiatori. È un metodo sbriga­tivo, immune dagli inconvenienti del metodo democratico, con le sue campagne scandalistiche, le interminabili discussioni parlamentari, le commissioni d’inchiesta inconcludenti e i processi che durano decenni. Inoltre il sacrifizio di capri espiatori offre l’il1usione di un controllo severo della pubbli­ca amministrazione. Assieme al bisogno di giustizia esso soddisfa quello, meno nobile e più diffuso della vendetta. Mi permetto perciò di affermare che una vasta riserva di capri espiatori, assortiti per le occorrenze più diverse, è indispen­sabile alla sicurezza dello stato autoritario, almeno quanto, ad esempio, l’allevamento dei bovini lo è per una sana agricoltura.

 

Voi non pensate mica a un elenco preordi­nato di candidati al sacrifizio?

 

No, perché comporterebbe esclusioni ingiuste e inopportune, mentre si può dire che, con la sola esclusione del Capo, quella sorte possa toccare a ogni citta­dino. Ciò non esclude, beninteso, che vi siano categorie di individui a essa predestinati dalla stessa tradizione prima an­cora della loro nascita, come gli ebrei i negri gli anarchici gli stranieri. Ma un dittatore accorto saprà, al momento oppor­tuno, ricavare dal rito dei capri espiatori un doppio vantag­gio, destinando al sacrifizio, come colpevoli di qualche disa­stro nazionale, le persone verso le quali egli nutre vecchi rancori. Vi sono però anche casi dolorosi in cui la ragione di stato potrà costringerlo a privarsi perfino dei suoi migliori amici e collaboratori. Questo è raccomandabile tutte le volte che la voce pubblica sospetterà il dittatore stesso quale diretto responsabile di qualche misfatto.

(Ignazio Silone, La scuola dei dittatori, 1938)



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La neve

    neve

    Nevica, aspettando che si abbatta la tempesta WikiLeaks. Osservò assonnato i fiocchi, argentei e scuri, cadere obliquamente contro il lampione. Era tempo per lu... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La Raccolta

    Raccolta

    Et voila, eccomi di ritorno dalla raccolta uova, trionfante e gloriosa, con..reggetevi bene: sei, addirittura SEI uova!Estratte, toilettate, e comodamente... Leggere il seguito

    Da  Sfollicolatamente
    SOCIETÀ
  • La fiducetta

    fiducetta

    di Piero Tieni 1. La battaglia campale, mortale e finale tra B. e Fini è stata vinta da B. Diciamo che era più dotato di "mezzi di distribuzione di massa". 2. Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • La trattativa

    A maggio e a luglio dell’anno prima c’erano state le stragi di Capaci e di Via d’Amelio. Nel maggio del 1993, a Firenze, la mafia fa strage in Via dei... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • La smania

    Il professionista della politica non va mai davvero in pensione, neanche quando ci va di sua spontanea volontà, che peraltro è cosa assai rara. Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • La sorpresa la vorrei…

    sorpresa vorrei…

    Katia 23 aprile La sorpresa nell’ uovo di Pasqua piace molto ai grandi, non solo ai bambini. Se i bambini sperano di trovare un giocattolo, il più bello in... Leggere il seguito

    Da  Gianpaolotorres
    SOCIETÀ
  • La Camorra

    Camorra

    Click to Play Campania - La Camorra. Casal di Principe e la sua storia. Racconti di camorra e dei suoi boss arrestati dalle forze dell'ordine.Casal di... Leggere il seguito

    Da  Apietrarota
    ATTUALITÀ, INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ