Magazine Psicologia

La scuola italiana è satura

Da Simonetta Frongia
La scuola italiana è satura. E per entrarvi ci vorranno, soprattutto per alcune classi di concorso, anni, se non decenni. E’ quanto si evince dai dati che illustrano il reale fabbisogno di docenti da oggi al 2015, per i quali verranno attivati percorsi abilitanti.
La scuola italiana è saturaDa quest’anno il Miur di concerto con le università deve programamre il numero di posti disponibili per l'accesso alla formazione iniziale del personale docente. Nei giorni scorsi i Direttori Regionali hanno preso contatti con le Università, come da mandato del Miur, per un primo confronto sull'avvio dei nuovi percorsi formativi per la docenza di cui al D.M. 10/09/2010, n. 249, sia per quanto riguarda i corsi di laurea magistrale che i corsi di Tfa previsti dalle disposizioni transitorie di cui all'art. 15.A tal fine il Miur ha fornito alcune tabelle che individuano il "fabbisogno formativo" per il triennio 2012/2013-2014/2015, prendendo in considerazione le prevedibili disponibilità di posti determinate dalle cessazioni dal servizio e il numero degli aspiranti già oggi in possesso di abilitazione e inclusi nelle graduatorie ad esaurimento.I risultati non sono molto confortanti. Complessivamente i posti per la formazione risultano 23200 così suddivisi: 4.550 per il 2012/2013, circa 7.400 per il 2013/14, 11.200 per il 2014/15. Non bisogna però lasciarsi ingannare dal numero, che può sembrare, a prima vista, elevato, perché, se si ripartiscono i posti per i vari ordini di scuola, resta ben poco: 5.000 docenti della scuola dell’infanzia, 4.900 per la primaria, 8.200 docenti per la media, 5.100 per la secondaria di secondo grado. E qui il numero delle disponibilità è veramente ridotto. In tutta Italia sono disponibili 75 posti per la classe A050 Lettere; e per tutte le regioni i numeri dei posti sono a una o al massimo due cifre.Insomma, la nuova formazione degli insegnanti, formerà non si sa con quali sbocchi, se già a una prima stima, c’è consapevolezza di una scarsa richiesta di docenti.Ma dimentichiamo forse che ben 230mila insegnanti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento aspettano da decenni il ruolo?
Fonte: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=32479&action=view

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La roadmap

    roadmap

    Domani Berlusconi presenterà alla Camera dei Deputati la sua roadmap per arrivare a fine legislatura. In via del tutto eccezionale questo blog è in grado di dar... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Lo sport previene la depressione, già dall’infanzia

    Un’infanzia attiva aiuta a prevenire la depressione in età adulta. Lo conferma un nuovo studio australiano che ha interrogato un campione di 2150 adulti sul... Leggere il seguito

    Da  Simonetta Frongia
    PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE
  • La maschera

    maschera

    Siamo tutti degli attori.Chi più chi meno, chi consapevolmente e chi invece in maniera del tutto inconscia recitiamo una parte.Ci siamo ormai abituati, è la... Leggere il seguito

    Da  Strippi
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ
  • Psicoanalisi, il manifesto che non la difende

    Psicoanalisi, manifesto difende

    Da qualche tempo circola un manifesto che si definisce “per la difesa della psicanalisi”. Tale documento mette in discussione la necessità di autorizzazione... Leggere il seguito

    Da  Renzo Zambello
    PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE
  • Maturità 2011- Il colloquio e la tesina

    Maturità 2011- colloquio tesina

    Terminate le prove scritte, : resta da affrontare il colloquio con la Commissione, che è il momento culminante dell’esame, quello in cui si accerta il livello... Leggere il seguito

    Da  Simonetta Frongia
    CURIOSITÀ, PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE
  • La tecnologia

    Qualcuno la critica ancora, molti sono ecologisti, mentre i più volonterosi cercano di fargli capire, ai critici, che colpevole è l'uso che se ne fa, non la... Leggere il seguito

    Da  Gianna
    SOCIETÀ
  • La dislessia: problema o dono?

    dislessia: problema dono?

    A volte le cose più importanti sono quelle più banali, quelle che diamo per scontato. Però provate a metterci una difficoltà o un handicap e la conquista di tal... Leggere il seguito

    Da  Almacattleya
    MEDICINA, PSICOLOGIA, SALUTE E BENESSERE