Magazine Psicologia

La società del mercoledì sera: La fiaba e la psicanalisi

Da Simonetta Frongia

Oggi parlare di fiabe sembra a parere di molti genitori "anacronistico", dicono che essa é troppo lontana dal mondo attuale e non solo si é persa l'abitudine di leggerla ai bambini piccoli o meno, ma si è persa -per molti- anche l'abitudine di regalare i libri di favole ai bambini che sanno già leggere. E queste sono state sostituite dai vari Harry Potter e Geronimo Stilton, spesso da racconti "stereotipati" e appiattiti verso la narrazione del reale. Ma la favola ha una valenza che i più moderni racconti spesso non hanno. Io personalmente preferisco per i bambini la lettura dei libri classici e quindi anche delle favole, poiché hanno una valenza emotiva molto forte ed una certa profondità di messaggi che non trovo, nelle storie più moderne, proprio per quell'appiattimento verso il basso che limita la fantasia del bambino e non lascia spazio neppure a sentimenti di paura o di conflitto poiché, sono erroneamente considerati, portatori di sentimenti negativi mentre si vorrebbe che essi vivessero in un mondo più vero. Ecco che così si preferisce raccontare ai bambini storie meno fantasiose e più vicine al mondo odierno, ma così facendo si toglie al bambino la possibilità di fantasticare e di interpretare il mondo, compreso quello interiore, con degli strumenti che gli sono consoni. Gli si impedisce la sublimazione di sentimenti interiori/inconsci forti che non è in grado, ancora, di comprendere, lo si priva di una realtà importante per buttarlo davanti alla verità delle cose, gli si toglie il sogno e nello stesso tempo lo si limita nella manifestazione di certi sentimenti come la rabbia o la paura, perché culturalmente poco accettati, ma così facendo contribuiamo alla nascita di nuovi tipi di disagi e nevrosi.  
L'analisi psicoanalitica ha fornito maggiori e diversi contributi all'interpretazione della fiaba, come anche del mito, perché nel linguaggio simbolico, di cui si avvale la psicoanalisi, le esperienze interiori, i pensieri e i sentimenti vengono espressi come se fossero avvenimenti esterni, ricchi di esperienze sensoriali. E la fiaba si presta a queste mediazioni: presenta un linguaggio universale creato dall'uomo, un linguaggio avente una sua grammatica e una sua sintassi che offrono l'opportunità di intra-vedere e di leggere l'esistenza di significati segreti che sono in rapporto con l'inconscio.
Già Freud (1856-1939) aveva espresso una serie di osservazioni sulle analogie esistenti tra i simboli onirici, quelli mitologici e fantastici, affermando che il rapporto tra il sogno e le fiabe non è casuale e che in entrambi i contesti è possibile applicare il criterio di lettura interpretativa dei simboli.
E' possibile quindi riscontrare all'interno della fiaba una serie di contenuti che risultano desideri repressi, impulsi primitivi e irrazionali; non solo, ma che la "sublimazione" onirica e fiabesca esercita sull'individuo un ruolo catartico, cioè di ristrutturazione dei comportamenti, dei sentimenti e delle emozioni mediante forme di rimozione e di purificazione.
E.K. Schartz si è occupato dello studio psicanalitico della fiaba all'interno di un quadro teorico di psicoterapia infantile. Sostiene che la fiaba non si occupa della realtà perché contiene una realtà già sua, che ha le sue modalità e le sue caratteristiche. La sua caratteristica è quella di andare al di là della realtà perché possiede una realtà propria, immaginaria e fantastica, possibile al di là del possibile, collocabile in ogni tempo e in ogni luogo proprio perché non ha luoghi e tempi.
La presenza della fiaba in tutte le culture e in tutti i tempi risponde all'esigenza di elaborare in forma simbolica alcuni dei problemi più toccanti relativi all'età evolutiva e al percorso formativo che il bambino va compiendo nel processo della sua crescita.
I simboli e la narrazione magico-simbolica della fiaba rispondono infatti al bisogno del bambino di liberarsi dall'ansia e dai conflitti in quanto gli permettono di spostare su personaggi fantastici tutto il vissuto emotivo angoscioso che non sarebbe tollerabile se investito sulle figure parentali.
Il più recente ed importante contributo offerto all’analisi e alla valorizzazione pedagogico-didattica della fiaba è certamente quello che Bruno Bettelheim  propone nella sua opera “Il mondo incantato. Uso, importanza e significato psicoanalitico delle fiabe”.
La funzione catartica della fiaba permette di prendere coscienza del conflitto (gelosia per fratelli, “odio edipico” per il genitore, aggressività, insicurezza) e di spostarla sull’oggetto simbolico. La magia della fiaba è quindi legata ai sentimenti infantili di onnipotenza ed esercita un ruolo fondamentale per la rimozione dei conflitti e delle lotte del bambino all’interno del suo ambiente.
Riprendendo le teorie dello sviluppo cognitivo del Piaget, Bettelheim (1903-1990) afferma che il bambino nella sua prima infanzia è attraversato da forme comportamentali animistiche per cui l’elemento magico del fiabesco appare essenziale. I bambini, come i filosofi, cercano di dare delle soluzioni ai primi ed eterni interrogativi dell’uomo. Attraverso il loro pensiero animistico i bambini si domandano: chi sono? come devo comportarmi di fronte ai problemi ed agli avvenimenti della vita?
In questa ricerca il bambino non può essere soddisfatto da risposte razionali ma ha bisogno di “ risposte” che lo rimandino a vagheggiamenti di tipo proiettivo che possano soddisfare la sua “ libido”, i desideri inconsci più profondi, i conflitti. Bettelheim opera una distinzione fondamentale fra il mito, la favola e la fiaba affermando che la loro valenza pedagogica è estremamente diversa:
· il mito, che l’Autore colloca in tutto ciò che è narrativa e letteratura di tipo religioso, insegna e prescrive ciò che non si deve fare se si vuole eliminare la presenza di sentimenti che possono avere letali e tragiche conseguenze. Un esempio potrebbe essere offerto dal “mito” di Caino e Abele, dove la rivalità fra i due fratelli porta a conseguenze estreme. Perciò questo miti insegna che se un fratello si comporta come Caino, gli saranno prescritte le stesse tragiche conseguenze.
· La favola presenta dei modelli morali di comportamento adulto basati sulla ammonizione: essa è dunque frustante, inutilmente angosciosa e poco rassicurante.
· La fiaba rimane immutata nel tempo perché si adegua alla mentalità del bambino.
  Consiglio la lettura del libro di Bettelheim a genitori ed educatori, il libro è di facile lettura ed altrettanta comprensione.
fonte: http://webspace.interfree.it/FIABA/psicoana.htm   Bibliografia: La psicoanalisi infantile, S. Freud. L'interpretazione dei sogni, S. Freud. Psicoanalisi dell'arte e della letteratura, S. Freud. Il mondo incantato. Uso, importanza e significati psicoanalitici delle fiabe Di Bruno Bettelheim

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Lista

    Troppi anni fa, Seavessi faceva il liceo quindi facciamo inizio anni '90 o giù di lì, c'era una trasmissione di cui Seavessi ha rimosso il titolo, ma che... Leggere il seguito

    Da  Seavessi
    MATERNITÀ, PER LEI
  • La bibbia

    bibbia

    Recentemente, sono stata contattata da una simpatica signora del Texas, in America, che conoscendo la mia produzione di mini libri, ha fatto delle richieste... Leggere il seguito

    Da  Cockerina
    CREAZIONI, HOBBY
  • La rassegnazione

    Siedo quiescente e inerme su una vecchia seggiola di legno e paglia il mio sguardo immobile e assente volge all’orizzonte Scrutando lo sbattere dell’onde e il... Leggere il seguito

    Da  Wiald
    POESIE, TALENTI
  • La boheme

    boheme

    Carissimi...Riprendo in mano per un attimo la mia vecchia rubrica in un momento cosi' sereno. Perche' proprio questa notissima opera italiana, a discapito... Leggere il seguito

    Da  Vpostulato
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • La censura

    censura

    Mr. Martini, il bello di questi ferri è proprio il motore e voi me lo censurate con questesemicarene ...Saremmo felici se ci spiegasse questa soluzione se è... Leggere il seguito

    Da  Rudebarber
    LIFESTYLE, PASSIONE MOTORI
  • La filosofia

    filosofia

    Che cos’è la filosofia? La filosofia cerca di dare una spiegazione a tutto, servendosi della ragione. Non significa che essa spieghi tutto, ma tenta di trovare... Leggere il seguito

    Da  Cinzial
    DA CLASSIFICARE
  • La medaglia

    medaglia

    Ebbene sì…. sono stata premiata… per i miei alti meriti, per la mia grande pazienza… per il mio alto senso del dovere. Su una vasta popolazione nell’ambito del... Leggere il seguito

    Da  Tizydem
    HOBBY, LIFESTYLE