Magazine Cultura

La società delle tre I, ignoranza (dell’) italiano (e dell’) inglese

Creato il 15 gennaio 2011 da Sogniebisogni

Estrazione della pietra dell'inglese 
Estrazione della pietra della follia (1555) di Jan Sanders Van Hemessen
(Ma non sperate che sia così facile)


 

Il rapporto della stampa e della politica con le lingue italiana e inglese mi rende perplesso. Da una parte si fa a gara nell’usare (male) espressioni inglesi a sproposito perché evidentemente sono considerate più eleganti, più tecniche, più ggggiuovani, più moderne e più fighe. Così è tutto un profluvio di «authority», «catfight», «flop», «finger food», «premier», «fashion» etc. etc.. Alcune vanno sicuramente a riempire spazi vuoti, per i quali non esiste nessuna alternativa migliore, ma altre sono francamente di troppo, se non addirittura dei doppioni (Virgin Radio ultimamente diffonde la pubblicità di una rubrica che si occupa di «Arte, moda, cultura, fashion» e io mentre guido rischio di andare a sbattere pensando a quale sia la differenza fra moda e fashion).
D’altra parte periodicamente qualche cruscante di ritorno innalza geremiadi alla crisi della lingua italiana (che non è mai stata tanto parlata, scritta e letta come negli ultimi cinquant’anni rispetto ai precedenti ottocento). Poi ovviamente gli stessi che fanno gli ultranazionalisti quando si tratta di chiudere i negozietti cinesi dietro l’angolo si impancano a difensori del loro indecifrabile dialetto locale rispetto a una lingua nazionale che poi sono costretti ad usare se si recano a fare un comizio nella provincia accanto (sì sto parlando del trucido capataz sbilenco e verdolino).
In più mentre pronunciare male il francese è ancora considerato ridicolo e imperdonabile, pronunciare male l’inglese è un peccato veniale, quando non direttamente obbligatorio. Per esempio l’onnipresente “bipartisan” dovrebbe essere pronunciato “baipartisan”, ma ovviamente tutti lo leggono come si scrive. Una volta ho chiesto a un amico gazzettiere: «ma perché anche tu che sai l’inglese lo pronunci male?» «Non voglio che gli altri pensino che me la tiro» mi ha risposto. Quindi pronunciare bene una lingua significa tirarsela.
Un altro doloroso capitolo, ora che esiste internet, sono gli errori di traduzione che si moltiplicano, da quando per fare i giornalisti su Repubblica o sul Corriere basta appropriarsi di roba altrui apparsa su siti stranieri e tradurla sommariamente con qualche simpatica chiosa personale alla fine. Mi ricordo uno svarione particolarmente divertente su Repubblica, l’articolista raccontava di una donna il cui corpo emetteva misteriosamente gas tossici (i tipici articoli impegnati di Repubblica insomma) e che era morta di tumore al cervello. Ricordavo di aver letto la stessa notizia su un giornale americano e sono andato a ripescarla, l’espressione era «cervical cancer», tumore alla cervice sì, ma dell’utero.
Questo scambio fra genitali e cervello mi sembra, chi sa perché, assai illustrativo del rapporto con la nostra e le altrui lingue, forse per questo non riusciamo ad estrarci la pietra della follia: la cerchiamo nel posto sbagliato!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La poesia e i barbari

    poesia barbari

    di Alessandro Seri Tiziano Terzani diceva che di fronte ad un bivio tra una strada in discesa ed una in salita bisognerebbe sempre prendere quella in salita. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • La Luna e i Falò.

    … Ho appena finito di leggere La Luna e i Falò. Di questo romanzo non scriverò molto. È difficile: mi ha emozionato troppo. La miglior recensione de La Luna e... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    CULTURA, LIBRI
  • La via dell’autopubblicazione – I

    Inizia oggi una serie di post dedicati all’autopubblicazione. Alla fine risulterà una piccola guida passo passo per chi sceglie la via del self publishing, con... Leggere il seguito

    Da  Ayameazuma
    CULTURA, LIBRI, TALENTI
  • Mele con la “I”

    Mele

    A me piace la grammatica, lo devo ammettere. Mi piacciono le parole, proprio come può piacere una pizza, per intendersi: me le mangerei a pranzo e quando incapp... Leggere il seguito

    Da  Fabsound
    CULTURA
  • “San Gennaro la storia e i luoghi”

    “San Gennaro storia luoghi”

    San Gennaro è noto a tutti per i miracoli legati alle sue reliquie, per il tesoro della sua Cappella, ma non sempre è identificato con l’omonima Chiesa e le... Leggere il seguito

    Da  Edizionialtravista
    CULTURA, LIBRI
  • La Sardegna e i Sardi

    Sardegna Sardi

    di Alessio ScalasMolti stranieri in passato hanno scritto in merito a quella che veniva considerata una terra selvaggia e inospitale, la nostra amata Sardegna. Leggere il seguito

    Da  Pierluigimontalbano
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • ARRIVANO I DELOS DAYS ! La ...

    ARRIVANO DELOS DAYS

    ARRIVANO I DELOS DAYS ! La convention italiana della fantascienza e del fantastico 37a ITALCON - 5a NEXTCON - 1a URANIACON A Milano presso la Casa dei Giochi,... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI

Dossier Paperblog

Magazine