Magazine Media e Comunicazione

La solitudine di marrazzo

Creato il 05 novembre 2009 da Afrodite
Sulla vicenda Marrazzo si conoscono ormai molti particolari: quante volte andò con i trans, che cosa faceva nel lasso di tempo in cui si intratteneva con Nathalie e Brenda (o Blenda?) e altre(i), il fatto da lui stesso ammesso che in quelle circostanze assumeva cocaina fino a perdere la lucidità mentale e quanti soldi "scuciva" per quelle parentesi di relax, se di relax si può parlare. Anche in questo caso i mezzi di informazione non hanno lesinato indiscrezioni piccanti e particolari scabrosi, facendoci  desiderare una volta tanto un po' meno informazione e un po' più di discrezione.
Quello che però nessuno finora ci ha spiegato è la solitudine terrificante da cui l'ex governatore del Lazio era circondato. Possibile, mi chiedo, che non ci sia stato un familiare, un amico, un amministratore della sua Giunta, un compagno di partito che si sia accorto dell'abisso in cui Marrazzo stava sprofondando? E che si sia sentito quindi in dovere di consigliarlo, di aiutarlo, prima che precipitasse nel baratro?
La solitudine di Marrazzo ci dice molto anche su che cosa sia diventata la politica oggi. Io sono convinta che nei partiti della cosiddetta Prima Repubblica (di cui non sono una sostenitrice per tanti aspetti, salvo che per quello che vado a citare) qualcuno si sarebbe accorto del travaglio del collega e avrebbe fatto qualcosa per limitare i danni a se stesso e alla formazione politica di appartenenza. Posso sbagliarmi, ma non riesco a immaginare che nella Dc o nel Pci potesse accadere qualcosa di simile. Perfino le odiate correnti, peraltro a mio avviso molto più trasparenti di tante cordate che oggi tramano nell'ombra, costituivano in qualche modo una rete di relazioni che aveva come conseguenza un maggior controllo sull'operato dei singoli.
E oggi? Oggi i partiti si sono fatti "liquidi", vero specchio della società attuale. Senza voler riesumare le vecchie formazioni (sarebbe antistorico voler tornare indietro) mi permetto però di lanciare un grido d'allarme: attenzione, nel troppo liquido si può anche annegare!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La direttrice di Ciak saluta Serialtvandcinema!

    direttrice Ciak saluta Serialtvandcinema!

    Carissimi discendenti del popolo del tubo catodico vorrei pubblicare con immenso piacere il saluto inviatoci dalla nostra amatissima direttrice di Ciak, Piera... Leggere il seguito

    Da  Domenico Marotta
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SERIE TV, TELEVISIONE
  • Ora il divieto di fare la pipì

    C’è stato un tempo, negli anni Sessanta, in cui gli operai erano costretti a fare la pipì senza allontanarsi dal proprio posto di lavoro. La facevano in... Leggere il seguito

    Da  Brunougolini
    LAVORO, PRECARIATO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • La vita di camilla

    vita camilla

    Che camilla (quella sposata a recchia a paletta) sciulea e si scassa una coscia.e ha comunicato ai suoi sudditi che la vita va avanti.Insomma con la vita... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • La fabbrica di nichi ha vinto

    fabbrica nichi vinto

    Che cos’è la politica? La politica ha ancora un senso? È il titolo e sottotitolo   di un libro di Hannah Arendt, la maggiore  filosofa del pensiero politico... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, POLITICA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA
  • La democrazia attiva: una questione di presenza

    democrazia attiva: questione presenza

    Ciao  a tutti. Questo  articolo vorrei dedicarlo  a quell’appuntamento   che tra poco ci chiamerà  tutti  a  votare,  ossia alla nostra ordinaria  scadenza... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La fantasia di Dio

    Breve confrontoCaro Federico,ho avuto modo di conoscere tramite internet in modo marginale il tuo trascorso e non mi meraviglio della tua libera scelta di... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    RELIGIONE, SOCIETÀ
  • Di chi è la colpa?

    colpa?

    Sono rimasto scosso, stamattina, dopo aver letto la storia di Sarah. Sarah abortì all’età di 19 anni. Ora, dopo 20 anni, è preda dei rimorsi per quel fatto... Leggere il seguito

    Da  Albix
    SOCIETÀ