Magazine Cinema

La stagione degli amori

Da Paolomassa

di Paolo Massa
Guardando il documentario La stagione dell'amore di Antonio e Lorenzo Scurati è inevitabile fare un paragone con i Comizi d'Amore di Pier Paolo Pasolini. L'ombra del regista e scrittore corsaro aleggia sul lavoro edito dalla Fandango, pubblicato per cercare di spiegare come gli italiani vivono oggi la loro vita affettiva. Compito arduo in questi tempi sbandati che stiamo attraversando tra mille incertezze e poche convinzioni, forse anche tutte sbagliate.
Scrive Antonio Scurati nella prefazione al libro La reinvenzione dell'Amore contenuto nel cofanetto: "Il Pasolini dei Comizi d'amore aveva ragione e proprio per questo non può più essere un nostro maestro. Il profeta della mutazione antropologica, della crisi epocale, aveva visto giusto ma noi oggi viviamo dentro la sua profezia, noi siamo la sua profezia dopo che si è avverata e, proprio per questo motivo, lui si allontana irrimediabilmente da noi". A dire il vero, però, il documentario inizia con la voce di Pasolini a porre le domande scomode, in un'Italia bigotta come quella degli anni Sessanta, alle quali rispondono gli italiani di oggi (uomini, donne, ragazzi e ragazze) antropologicamente lontani anni luce dai loro antenati di qualche decennio fa.
In un viaggio estivo, da giugno a settembre, lungo il nostro Paese, Antonio Scurati intervista numerose persone per farsi raccontare come vivono l'amore, cosa pensano della famiglia e di avere eventualmente dei figli, che peso danno al tradimento, nel tentativo di abbozzare un quadro dei rapporti amorosi nella nostra società del consumismo e del benessere a tutti i costi. Ne esce così un ritratto veritiero e genuino della gioventù d'oggi (e non solo), visto che ad essere intervistati sono anche uomini e donne di mezz'età, chi single per scelta chi invece ad un passo dal matrimonio, in un palleggio di dichiarazioni tra sacro (nel video compare anche l'arcivescovo Rino Fisichella) e profano a rendere La stagione dell'amore un documentario a tutto tondo sui sentimenti al tempo della comunicazione virtuale.
Sullo sfondo resta sempre il lascito di Pier Paolo Pasolini che in Comizi d'amore augurava ad una coppia in procinto di sposarsi: "Al vostro amore si aggiunga la coscienza del vostro amore". Ma più che di coscienza, oggi si (stra)parla soprattutto di libertà, nella convinzione che "non siamo più liberi quando siamo noi stessi, ma diventiamo liberi quando smettiamo di essere noi stessi". Paradossale verità dei nostri confusi giorni vissuti tra palco e realtà, tra verità e finzione.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Svolta. Donne contro l'Ilva.... alla Mostra del Cinema di Venezia

    Svolta. Donne contro l'Ilva.... alla Mostra Cinema Venezia

    La Svolta. Donne contro l'Ilvadocumentario di Valentina D'Amico>>> Taranto, Quartiere Tamburi e l'IlvaA Taranto ci sono donne combattive (mogli,... Leggere il seguito

    Da  Sudestdonne
    CINEMA, CULTURA, DOCUMENTARIO, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • La citazione, certo, la citazione

    citazione, certo, citazione

    Non ho molto tempo per scrivere a proposito di True Grit dei Coen. L'ho visto solo pochi minuti fa – e di buona norma non si dovrebbe scrivere cosí a ridosso... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CINEMA, CULTURA
  • La settimana #96

    Partiamo come tradizione dalle recensioni. Questa settimana abbiamo parlato dello splatterosissimo Hatchet 2, della simpatica commedia Amici, amanti e e... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • La ragazza con la pistola

    ragazza pistola

    1968, Mario Monicelli.Vincenzo Macaluso non voleva a quella sicca sicca, voleva quella chiù chiatta, ma chilli fitusi di picciotti sbagliarono il ratto, 'sta... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La Vita Facile

    Vita Facile

    Interessante la trama di questo film, che per quanto ad un certo punto possa sembrare banale, riesce alla fine a sorprendere. Bella l’idea di ambientare il tutt... Leggere il seguito

    Da  Sabato83
    CINEMA, CULTURA
  • La horde

    horde

    Regia di Yannick Dahan e Benjamin Rocher Francia 2009 Un gruppo di poliziotti trasgredisce a ogni regola deontologica e cerca vendetta come nel Far West. Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CINEMA, CULTURA
  • Quando la fantasia ...

    Quando fantasia

    QUANDO LA FANTASIA CORRE…. Non so se capita anche a voi quando leggete un libro…ma credo che, alla maggior parte dei lettori capiti. Capita, cioè di immaginare ... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CINEMA, CULTURA, ROMANZI