Magazine Cultura

La storia di una bottega - Amy Levy

Creato il 25 giugno 2013 da Laleggivendola @LaLeggivendola

La storia di una bottega - Amy LevyNon so perché mi ci è voluto così tanto per scrivere questo post. Probabilmente a farmi decidere è stato il fatto che ho appena iniziato a leggere La casa sfitta, quindi mi sono detta che era il caso di parlare di La storia di una bottega di Amy Levy e pubblicato in Italia dalla Jo March nel 2013, visto che sarà passato più di un mese da quando ho finito di leggerlo. Se ve lo state chiedendo – ma dubito – quello che lega La casa sfitta – romanzo collettivo comparso sulla rivista di Dickens e al quale hanno partecipato pure Elizabeth Gaskell e Wilkie Collins – e La storia di una bottegaè giusto la casa editrice. La Jo March. Che se passate di qui abbastanza spesso avrete una vaga infarinatura di quanto la adori. Ma via, cerchiamo di soprassedere e non cadere nel fangirlismo almeno stavolta.La storia di una bottega è il primo romanzo della Levy, scritto nel 1888. Amy è nata a Londra, seconda di sette figli in una piccola famiglia ebrea. In questo libro le sue idee pre-femministe emergono chiaramente dalla trama, dalle occhiate lanciate alla leziosa sorella maggiore, dalla forza e dalla caparbietà delle altre, che spingono e sudano per non lasciarsi separare né si reinventano come fanciulle in pericolo dopo la morte dei genitori.Ecco, è così che inizia la storia, con la morte dei genitori. Gertrude, Lucy, Phyllis e Fanny sono rimaste orfane, i loro beni sono messi all'asta insieme alla loro casa e si stanno preparando per il futuro. Per costruirselo insieme, invece di andare a pesare sulle spalle dei parenti che pure sarebbero più che lieti di accoglierle. Si trasferiscono in un minuscolo appartamento in Baker Street – la stessa via di Sherlock Holmes, farei notare – con annessa una piccola bottega al piano inferiore, dove apriranno uno studio fotografico. E così via, tra incontri, difficoltà e scelte.La storia di una bottega - Amy LevyLe sorelle Lorimer sono diverse tra loro, ad accomunarle c'è l'affetto che nutrono le une per le altre. Fanny, la maggiore, è leziosa, sciocca, si abbandona ai manierismi sdolcinati della sua giovinezza nonostante abbia già superato i 30 anni. È debole, incerta, instabile. Poi c'è Gertrude, la forza che traina le altre, l'instancabile capo-famiglia. Inflessibile, dura, a tratti quasi ingrigita dal peso sulle sue spalle, il benessere delle sorelle. E Lucy, intelligente, arguta, gentile. Perfetta, direi. E alla fine Phyllis, la più giovane, la più dolce e la più inquietante. Cagionevole di salute ma dall'animo appuntito, il corpo cedevole e il cuore di ferro. Mi piace Phyllis, è un personaggio riuscitissimo, adoro il contrasto tra l'affetto che riversa sulle sorelle e la gelida saggezza che riserva al resto del mondo. Come se avesse già deciso cos'è importante e cosa non lo è.Che altro dire? Inutile dilungarsi, direi che ho già svelato fin troppo. È la storia delle sorelle Lorimer e della loro bottega. Punto e basta. È scritta e tradotta benissimo e... e beh, non aggiungo nulla che sennò spoilero. Però spero di leggere anche l'altro romanzo della stessa autrice. La butto lì, dovessero mai leggere le ragazze della Jo March.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :