Magazine Salute e Benessere

La Valutazione della Postura sul Piano Sagittale

Creato il 13 marzo 2013 da Biorelazionale @Biorelazionale


 La Valutazione della Postura sul  Piano Sagittale
Si chiede al soggetto di porsi in situazione eretta assumendo una postura il più “normale” possibile e si applicherà il filo a piombo tenendolo all’altezza della nuca e facendolo cadere lungo la linea mediana del dorso.  Si aspetterà che le oscillazioni del pendolo si risolvano e si valuterà, attraverso un righello, le deviazioni della colonna sul piano sagittale. Dal basso verso l'alto:
  • Presenza di ginocchia flesse o recurvate
  • Anteposizioni retroposizioni o antiversioni e retroversioni del bacino
  • Eventuale prominenza dell’addome 
  • Iperlordosi  o ipolordosi lombare
  • Ipercifosi o ipocifosi dorsale 
  • Iperlordosi o ipolordosi cervicale 
  • Anteposizione o retroposizione del tronco e del capo
  • Spalle antepulse 
Solitamente, sul piano sagittale:
  • La distanza tra il filo e C7 e T2 non deve superare i 2-3 cm
  • La distanza del filo con L3 non andrà oltre i 4-5 cm

La Valutazione della Postura sul  Piano Sagittale
La Valutazione della Postura sul  Piano Sagittale


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog