Magazine Società

La vecchiaia del paese

Creato il 24 febbraio 2011 da Silvanascricci @silvanascricci

Noi non saremo mai in grado di fare una rivoluzione per molteplici ragioni, alcune le analizzavo già tempo fa in questo post e non insisterò ulteriormente.

Me ne è venuta in mente un’altra, e l’ho visto osservando le rivolte nel nord Africa, in Egitto, in Tunisia e quella sanguinosa e drammatica in Libia.

Siamo vecchi.

E non parlo della vecchiaia politica del nostro paese, parlo proprio dell’anagrafe; abbiamo un’età media di 45 anni; non abbiamo più l’età.

Perchè bisogna pur dirlo che per ribellarsi, per fare la rivoluzione bisogna essere giovani e non solo di spirito, ma proprio di corpo; per fare la rivoluzione bisogna aver vent’anni.

Serve la passione, l’orgoglio, la spregiudicatezza, l’incoscienza della giovinezza; e soprattutto serve il vigore e la forza dei vent’anni.

Fare la rivoluzione è faticoso, spezza le ossa, mette a dura prova il corpo e, tutto questo, dopo la giovinezza non lo possiedi più; sei stanco, hai gli acciacchi e ti chiedi chi te lo fa fare, che in fondo stai benino anche così, per cui lasci perdere, lasci correre.

Cominci anche pensare a cosa ci perderesti, a cosa dovresti rinunciare ed, allora, la pusillanimità fa capolino, la vigliaccheria prende il sopravvento e finiamo col stare tutti fermi.

A quali giovani poi lasciamo il compito della ribellione? a quei molti, dei pochi che abbiamo, che si occupano di avere l’abito alla moda, l’occhiale nero firmato, la borsa Vouitton, che salgono e scendono senza un perchè da un SUV, che guardano Amici e il Grande Fratello sperando di passare dall’altra parte dello schermo?

No, decisamente, non siamo un popolo nato per le ribellioni e le rivoluzioni, ora come non mai.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La bicipite

    bicipite

    “C’è chi in mezzo a questa fetida opacità si sente come a casa sua. […] La [sua] straordinaria diffusione ha un fine ultimo: diffondere l’idea che tutto è sporc... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La minorenne

    minorenne

    di Piero Tieni Sicuramente si tratta di un grosso, di un grossissimo equivoco, il più grosso di tutti. Certo, di storie di ultrasettantenni benestanti e... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La risposta…!!!

    risposta…!!!

    “dell’Assessore ai Beni e Attività Culturali – Protezione Civile e Randagismo – Attuazione del Programma – Comunicazione al Roberto Conigliaro al Gruppo... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • La cagna, la traditrice, la killer, la fotografa

    In questi giorni abbiamo avuto modo di assistere ad alcune performance delle “signore” che siedono al governo e che dovrebbero rappresentare “il femminile”, que... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ
  • La gym

    Due esperienze di palestra a confronto.IngressoGoma: Arrivo al quartier generale della MONUSCO, saluto la guardia che oramai mi conosce per nome. Leggere il seguito

    Da  Vivi
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • La neve

    neve

    Nevica, aspettando che si abbatta la tempesta WikiLeaks. Osservò assonnato i fiocchi, argentei e scuri, cadere obliquamente contro il lampione. Era tempo per lu... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La berlusconite

    berlusconite

    Definizione La berlusconite è una malattia del comportamento umano a diffusione endemica. Non riguarda, cioè,   intere aree del nostro pianeta e non ha i... Leggere il seguito

    Da  Casarrubea
    CULTURA, SOCIETÀ, STORIA E FILOSOFIA

Magazine