Magazine Cinema

La versione di Barney

Creato il 02 febbraio 2011 da Charliecitrine
Titolo: La versione di BarneyTitolo originale: Barney’s VersionAutore: Mordecai Richler Anno: 1997
Il libro…

La versione di Barney

Copertina dell'edizione
americana

Barney Panofsky già sessantenne, a capo della sua casa di produzione – la Totally Unnecessary Productions – di serial televisivi di terza categoria, si trova costretto a scrivere un’autobiografia difensiva, in parte smemorata, per rispondere all’accusa di omicidio mossagli dal pamphlet di Terry McIver Il tempo e le Febbri. Dà così la sua versione dei fatti accaduti prima e dopo la morte dell’amico fraterno “Boogie”, artistoide ed eroinomane, avvenuta nella sua casa di campagna fuori Montreal. Barney è già stato assolto dalla giustizia in quanto il corpo non è mai stato trovato e non ci sono mai state prove evidenti, ma sia McIver che il sergente O’Hearne – che ha condotto le indagini più lunghe della sua vita – non hanno mai creduto alla sua innocenza. Su questa ossatura si sviluppa il racconto con numerosi episodi che reggono a sé stanti sul filo conduttore della vita dissoluta di Barney Panofsky, divisa in tre parti, ciascuna  per le tre  mogli che ha avuto, ma con molti spostamenti sul piano temporale.La prima moglie è la pittrice di futura fama Clara Charnofsky, che Barney giovane conosce nel periodo bohemien di Parigi, in cui frequenta un gruppo di artisti spiantati, tra cui Boogie. Barney accetterà sempre che gli artisti a cui si lega possano tradirne la fiducia come ha fatto Clara, perché non si sente un artista come loro, al massimo può essere quello che presta i soldi o l’editore delle future opere mai terminate di Boogie.Pur essendo un personaggio molto colto, innamorato dell’arte, è inconsapevole di valere. La sua “Versione”, però, è ricca di citazioni tra le righe, è un vero e proprio capolavoro. Quello che il lettore sta leggendo smentisce il complesso di inferiorità che egli vive per tutta la vita.Già qui alcuni lettori amano Barney per la sua tragicità, perché vorrebbero comunicargli quanto in realtà vale il suo modo di essere autentico.Un tradimento mette fine anche al suo secondo matrimonio. Si vuole al più presto liberare della logorroica neo-Seconda Signora Panofsky, una ricca ereditiera dalle buone maniere ma vuota nella sostanza, sposata senza troppa convinzione, probabilmente solo per il vano tentativo di trasformarsi da ribelle anticonformista in “un ebreo per bene”. Scopre prestissimo che è l’ultima cosa che potrebbe diventare e fin dal primo giorno di nozze cerca un pretesto legale per il divorzio. Già al banchetto (mai momento fu meno appropriato) si innamora all’istante della sua futura terza moglie, Miriam.Quest’ultima è l’amore della sua vita e la madre dei suoi tre figli, Michael, Samuel e la prediletta Kate, l’unica che le starà vicino quando acciaccato e abbandonato rimpiangerà di non aver saputo tenere vicino a sé Miriam, quando a un primo accenno di crisi tardo-matrimoniale si è lasciato andare ad una scappatella dovuta tutt’ al più al suo alcolismo irrefrenabile. 
Questo bestseller da 300.000 copie vendute in Italia per alcuni lettori èuna sorta di guida filosofica e metro di paragone per l’esistenza, per altri un compendio dissacratore all’insegna dell’umorismo yddish, in cui solo il padre Izzy Panofsky supera il figlio, pur restando anche un giallo esistenziale in cui il lettore è il primo ad amare, odiare e giudicare, come in un vero tribunale (voi da che parte state, colpevolisti o innocentisti?) un uomo complesso, pieno di vizi e difetti come Barney. Si è perennemente spinti a dubitare di Barney fino alla fine (non è da tutti scrivere libri che  svelino il mistero letteralmente all’ultima riga e, anche qui, onore a M. Richler) , vuoi per le accuse mossegli, vuoi perché è cinico e fa cose deprecabili, vuoi per l’Alzheimer che lo rende inaffidabile, vuoi per il figlio Michael che riordinando la “Versione” prima che il lettore la legga, la riempie con puntigliose note a piè di pagina che fanno da contrappunto alla confusione di Barney e suscitano un ennesimo elemento di sospetto contro di lui, quello di un figlio proprio mentre sta redigendo le memorie difensive del padre.
…dal libro al film…
Stando così le cose, non era certo facile fare un film che si deve inevitabilmente confrontare con un colosso di successo narrativo contemporaneo, a differenza dei classici di tempi andati. Per questo viene affrontato con quel timore reverenziale che mantiene la storia pressoché inalterata prosciugandola dai troppi episodi indipendenti che costellano il libro .

La versione di Barney

Paul Giamatti e Dustin Hoffman in una scena del film

In sala, tra il pubblico, spesso le persone si domandano chi ha già letto il libro. Questione non retorica perché sottende una certa paura di aver buttato via i soldi del biglietto (a proposito, è capitato anche a voi?). Invece, proprio chi ha già letto la “Versione” si deve ricredere durante la visione del film.La pellicola è riuscita perché trova una sua dimensione autonoma non tanto quando il regista Richard J. Lewis sceglie di discostarsi dalla trama con il dubbio spostamento degli avvenimenti dalla Parigi postbellica e intellettuale alla Roma della dolce Vita che poco c’entra, ma quando punta ad elementi di forza emotiva che solo la recitazione può trasmettere.Allora, anche chi ha già letto e osannato il libro sta attaccato allo schermo grazie alla forza interpretativa dell’antidivo Paul Giamatti nei panni di Barney – e qui sfodera un’occasione forse da Oscar (…si accettano scommesse) e alla certezza di un Dustin Hoffman nelle vesti del padre ex poliziotto, Izzy Panofsky.Oltre a mantenere un umorismo yiddish, comunque molto più addolcito, nel film appaiono elementi come la debolezza di un uomo di fronte all’amore o alla malattia che rende dementi (Giamatti è bravissimo anche a fare il malato di Alzheimer) che nel libro non raggiungono questi livelli di profondità. Barney qui è un uomo che pur con tutto il suo cinismo ci fa commuovere (alcuni fino alle lacrime), lo sentiamo vicino ancora una volta ed in modo diverso dal libro proprio quando  tradisce Miriam e capisce di aver tradito sé stesso,  l’autenticità del suo amore.
WAYNE
Dati film:Titolo: La versione di BarneyTitolo originale: Barney’s Version Regista: Richard J. LewisSceneggiatura: Michael Konyves (romanzo: Mordecai Richler) Interpreti: ·   Paul Giamatti (Barney Panofsky)·   Dustin Hoffmann (Izzy Panofsky) ·   Scott Speedman (Boogie)·   Rosamund Pike (Miriam) ·   Rachelle Lefevre (Clara)Anno: 2010Paese: Italia, CanadaColore: coloreDurata: 132 minuti Genere: drammaticoInternet Movie Data base


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La versione di Barney

    versione Barney

    Leggere il seguito

    Da  Jackragosa
    CINEMA, CULTURA
  • La versione di Barney

    versione Barney

    di Paolo MassaNel bel libro di Mordecai Richler La versione di Barney, ultimo della sua vita da scrittore, c'è una citazione di Samuel Johnson che al reverendo... Leggere il seguito

    Da  Paolomassa
    CINEMA, COMMEDIA, CULTURA
  • La Bambarana

    Bambarana

    Sabato 22 Gennaio 2011 12:22 Scritto da nonnAnna Mi ero intrattenuta sino a tardi presso i miei amici di Chivasso e stavo ritornando un pochino insonnolita vers... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La versione di Barney - Richard J. Lewis

    versione Barney Richard Lewis

    Io il libro non l'ho letto! Avrei tanto voluto, ma non mi è stato possibile... è la vita, non si ottiene sempre tutto. Il film però l'ho visto, e mi è... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Visto nel weekend: la versione di barney

    Visto weekend: versione barney

    Benchè ci siano delle sviste clamorose relative ad alcune scene degli anni '70 (vedi insegne e logo di Gucci nelle immagini di Via dei Condotti a Roma - nuovo... Leggere il seguito

    Da  Superpop
    CINEMA, CULTURA
  • La versione di Barney, il film

    E' significativo che una come me sia andata a vedere questo film "con il cuore colmo di speranza" ma senza sapere il nome del regista.Già. Perché il regista... Leggere il seguito

    Da  Dallenebbiemantovane
    CINEMA, COMMEDIA, CULTURA
  • La versione di Barney

    versione Barney

    di Mordecai Richler - Adelphi Io lo sapevo. Sono anni che giro intorno, e anche alla larga, da questo libro. Mi domandavo, ingenuamente: ma come è possibile... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    CULTURA, LIBRI