Magazine Cultura

La villa stregata di Villanovafranca

Creato il 03 marzo 2016 da Alessioscalas
La villa stregata di Villanovafranca

Qualche giorno fa una iscritta al nostro gruppo su Facebook ci ha chiesto informazioni su una leggenda che circola su una bella casa padronale a Villanovafranca. Riportiamo l'articolo apparso su un quotidiano nel lontano 2007 ed aggiungiamo una testimonianza di prima mano di una persona che ha frequentato quella casa. Buona lettura.

La gente mormora:" Costruita con le pietre di un convento "

A vederla da fuori sembra veramente una casa stregata.
Finestre sbarrate, cornicioni pericolanti, erba alta nel giardino.
Eppure è una bella casa.
Costruita oltre un secolo fa in via La Marmora a Villanovafranca, è una di quelle solide dimore padronali con giardino che, normalmente, fanno la fortuna del loro possessore.
Ma, per il paese, una maledizione graverebbe sulla villa e su chi vi dimora.
Prove, ovviamente, non ce ne sono ma per alimentare la sinistra leggenda basta la considerazione che gli ultimi tre proprietari sono tutti morti prima del tempo (sempre che esista un tempo preciso per andare all'altro mondo). E la leggenda è tornata a galla dopo l'arresto a Pescara di Carlo di Filippo Antonio, figlio di uno dei vecchi proprietari, finito in carcere per una storia di abusi sessuali.

LA LEGGENDA
A Villanovafranca non tutti credono alle streghe. Ma, tra vedere e non vedere, ora che la casa è in vendita nessuno si fa avanti per acquistarla. Con grande disappunto dell'ultima proprietaria, Lucia Sionis, vedova di Lucio Melidoro, che ora vive in provincia di Bergamo.
" Gli anziani raccontavano che la palazzina era stata costruita con le pietre di un convento ", racconta Virginia Uda, 81 anni. Altri aggiungono che erano state usate anche le pietre dell'altare. Da qui la storia del sacrilegio e della maledizione.

LA STORIA
La serie delle morti sospette inizia negli anni '30. Maria Paderi sposa il maresciallo Medda: gestivano un frantoio e una macina per il grano in via La Marmora. Il carabiniere muore nel 1942. Tre anni dopo la Paderi sposa Giuseppe di Filippo Antonio, originario di Pescara e militare a Sanluri e da alla luce due figli. Uno è Carlo, finito in manette.
L'azienda fallisce nel 1962 e lo stesso anno Giuseppe muore. Stessa sorte per Lucio Melidoro, pochi mesi dopo aver acquistato la casa con la moglie Lucia Sionis.

LE VOCI
Ancora la maledizione. Dopo la notizia che di Filippo Antonio era stato arrestato, in paese non si è parlato d'altro, " Le persone che hanno vissuto nella casa erano nobili e gentili - ha concluso Uda - ma la leggenda è stata sempre raccontata". " Non ci credo - ha aggiunto Giuseppe Ledda, 82 anni - i proprietari erano malati e l'azienda è fallita per cattiva gestione ".

IL SINDACO
" Purtroppo nessuno vuole acquistare quella casa - si rammarica il sindaco Daniela Figus - speriamo che sia superata questa congettura e la casa venga sistemata ". Ma neppure il comune ha in animo di comprarla, sarà per paura delle streghe?

PARLA LA VEDOVA
" Non capisco perchè la gente crede ancora a queste dicerie prive di ogni fondamento".
Così commenta Lucia Sionis, 65 anni, proprietaria della casa di Villanovafranca, sulla quale grava la leggenda delle streghe.
Leggenda che terrorizzerebbe gli interessati all'acquisto della villa con giardino di mille metri quadri.
" Sembrerebbe ci sia un acquirente disposto - aggiunge la vedova con un sospiro - speriamo sia la volta buona".
La donna smentisce con fastidio il racconto popolare. " Mio marito - spiega - soffriva di un tumore, questa è la vera causa della morte. Non capisco perchè la maledizione non si sia abbattuta contro le persone che in questi anni si sono introdotte nella nostra casa. Hanno distrutto porte e finestre e hanno fatto razzia di tutto ".

Da almeno dieci anni la donna non è più tornata tra quelle mura.
" Ho dovuto abbassare il prezzo dello stabile ad 85 mila euro, praticamente regalata - conclude la vedova - e ora spero proprio che qualcuno si faccia avanti per acquistarla ".

------

Abbiamo tra i nostri iscritti la figlia della signora Lucia la quale ci ha raccontato che a parer suo la casa aveva una "buona energia".
Nonostante questo correva voce che uno dei figli dei precedenti proprietari, quando ancora era in funzione il panificio, si occupasse di "magia nera". Le persone che non gli erano tanto simpatiche correvano il rischio di vedere trasformato il pane acquistato in "rane".

Una volta acquistata la casa da parte del signor Melidoro, all'interno vennero ritrovati molti vecchi libri, anche di un certo valore. Alcuni di questi, scritti in latino, pare riportassero formulari per malefici.
Purtroppo la casa è stata visitata più volte dai ladri e da vandali e molti libri sono spariti, così come porte, finestre e le vecchie tegole del tetto.
Dopo il 2008 i Carabinieri di Sanluri chiamarono la famiglia Melidoro per avvisare del fatto che delle persone stavano vivendo abusivamente nella villa. La decisione di vendere però si è scontrata con la ormai consolidata diceria popolare della casa stregata e maledetta.

Dietro la villa effettivamente è presente una chiesa sconsacrata, dalla quale si dice siano stati presi materiali da costruzione. Probabilmente la chiesetta è stata restaurata e nuovamente consacrata.

Dopo lunghi anni è stato trovato un acquirente, probabilmente un pasticcere di Cagliari; non sappiamo se attualmente la casa risulta abitata o versa ancora in stato di abbandono. Chiunque ha notizie in merito può scriverci a [email protected].

POTREBBERO INTERESSARTI:
Fantasmi a Cagliari. Il ritorno delle anime

villa stregata Villanovafranca

Cagliari esoterica: Tra fantasmi, maghi, massoni e iniziati
villa stregata Villanovafranca

Sardegna Esoterica

I 24 fantasmi sardi più famosi

2. Se 3. Seguici sul gruppo Facebook 4. Iscriviti ora alla newsletter 4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Parliamone nei commenti.
l'articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sotto;
cliccando qui;
cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La tolleranza

    tolleranza

    L'educazione inclusiva è un percorso stancante. Richiede pazienza, dedizione, ascolto, un alto livello empatico, concentrazione verso il compito educativo,... Leggere il seguito

    Da  Maestrarosalba
    CULTURA, FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La Bianchina

    Bianchina

    Ancora un racconto di Giovanni D'Ippolito e dei suoi “mitici anni 60”, liceali di un piccolo paese di provincia, le prime auto usate per raggiungere la scuola... Leggere il seguito

    Da  Signoradeifiltriblog
    ARTE, CULTURA
  • La zattera

    zattera

    Olivier de Solminihac, illustrazioni di Stéphane PoulinOrecchio Acerbo, 2015IllustratoEtà di lettura consigliata: scuole dell'infanzia, scuole primarie primo... Leggere il seguito

    Da  Milena Z
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La contaminazione

    contaminazione

    Mescolare e guastare. Macchiare, lordare, insozzare. Corrompere moralmente, offendere, disonorare. Assumere e fondere, nella composizione di un'opera letteraria... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • La noia

    noia

    C’è poco da stare allegri! Adotto questa locuzione d’uso comune per esprimere la mia temporanea rassegnazione verso uno status quo così candidamente... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    CULTURA, DANZA, PALCOSCENICO
  • La corrispondenza

    corrispondenza

    play videoAnno: 2015Durata: 116'Distribuzione: 01 DistributionGenere: DrammaticoNazionalita: ItaliaRegia: Giuseppe TornatoreData di uscita: 14-January-2016Arriv... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • La panchina

    panchina

    Di Sonia Maioli Giornata d’inverno con un bel sole, finalmente. Ozio ancora per pochi minuti, la luce invernale nella stanza da dove scrivo è bellissima. Vedo... Leggere il seguito

    Da  Federbernardini53
    CULTURA

Magazine