Magazine Attualità

La violenza dei soldi

Da 31canzoni
Volendo si poteva fare un titolo più forte e ad effetto, qualcosa come "La violenza del capitale o del capitalismo". Ma non era la forza del titolo del post il punto.
Una volta le famiglie povere, le famiglie contadine, mettevano al mondo un gran numero di figli. Le ragioni erano molteplici: ignoranza dei più elementari metodi contraccettivi, la sopravvivenza della specie (data l'altissima mortalità infantile nell'Italia contadina negli anni pre seconda guerra mondiale), e poi braccia. Braccia che avrebbero aiutato a lavorare i campi a portar a casa la pagnotta.
Certo quella era una società feroce con i più poveri ma aveva una sua
darwiniana naturalità. Era qualcosa che si poteva criticare duramente ma che si riusciva a capire pur senza condividere la ferocia che la determinava.
Oggi invece mancano i criteri per capire, i punti di riferimento non ci sono più, c'è un'unità di misura unica se non per tutto, certamente per molto.
Leggo con umano dolore e profonda incomprensione questa notizia che racconta di una madre che chiesto l'aiuto dello stato per mantenere il figlio appena nato, se lo trova negato e per di più si vede sottrarre d'autorità il figlio stesso.
Negare ad una madre, che non ha devianze sociali, il proprio bambino e a un bambino la madre per questioni di censo (la poveretta infatti ha un reddito mensile di soli 500 euro) è più di un reato è un'aberrazione.
Una vergogna per uno stato civile. La violenza dei soldi e la violenza di classe di quel giudice, che in carriera senz'altro avrà brillato per mediocrità, che si avventano con la forza delle isitituzioni contro una persona la cui unica colpa è essere povera ed amare suo figlio sino a umiliarsi a chiedere aiuto allo stato.
Ci sono dei giudici che obiettivamente dovrebbero essere rimossi, ma non sono quelli che indagano i potenti ed i corrotti. Link all'articolo.
""""""""""""

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non perdiamo la speranza

    Battute di spirito al posto di seri programmi di governo (e di opposizione); dichiarazioni dei Sacri Palazzi riguardo la pedofilia giunte un po’ tardi; libert... Leggere il seguito

    Da  Famigliacolori
    ATTUALITÀ, OPINIONI, SOCIETÀ
  • La bolla europea

    bolla europea

    Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    ATTUALITÀ, ECONOMIA, FINANZE, SOCIETÀ
  • La rosa della banlieue

    rosa della banlieue

    Sono andato a trovare degli amici che si sono appena trasferiti nella cité Vallons des Fleurs, nella banlieue nord di Nizza, e ho avuto una straordinaria... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    ATTUALITÀ, EUROPA, SOCIETÀ
  • Viva la libertà

    Viva libertà

    Oscurato il sito Wikileaks.Il provider EveryDNS.net che ospitava il dominio è stato infatti costretto a interrompere il suo servizio perché il sito aveva... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    ATTUALITÀ, INTERNET, SOCIETÀ
  • La febbre del sabato sera

    Povero Pilù. Da sabato mattina rasenta i 40 gradi febbre, guane rossissime, vomito e tutto quello che ne consegue. Ma il peggio del peggio è che la festa per i... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La multa milionaria

    Quanto ci costa l'emergenza rifiuti in Campania lo possiamo stimare, per poi usarla come arma politica per attaccare le amministrazioni (di sinistra), come si... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • La resa dei conti

    Le epurazioni dell'amoreQuelle di Minzolini non sono epurazioni, ma bensì un ricambio generazionale "Sono stati assunti - spiega rivendicandolo come fatto... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    ATTUALITÀ, OPINIONI, SOCIETÀ