Magazine Racconti

La vita “Open” di Andre Agassi

Da Marco Caggiati

Open Andre Agassi

E’ arrivato il momento di aggiungere un altro libro alla mia biblioteca personale, composta da libri che parlano di sport e di sportivi. E’ un po’ di tempo che non pubblico una recensione perché ho dedicato lo “spazio”  riservato alla lettura a testi molto tecnici che trattano d’allenamento (e poco appassionanti) oppure a temi “off topic” come il mondo dei motori…

A Dicembre Babbo Natale è solito portami alcuni libri perché sa che durante le ferie avrò più tempo di leggerli….

:-)
. Quest’anno, tramite una mia cliente
:-)
, mi ha fatto regalo di un libro che avevo già “addocchiato” ma che non avevo ancora acquistato.

Mi ha regalato “OPEN” l’autobiografia di Andre Agassi uno dei più forti tennisti di tutti i tempi che ho sempre seguito nella sua carriera sportiva.

Agassi è quasi mio coetaneo, ha 5 anni in più come mio fratello che ne seguiva le gesta e ne indossava gli indumenti marchiati Nike quando giocavamo gli uni contro gli altri quando ero adolescente…

:-)
.

Ho passato un periodo della mia vita che ho giocato abbastanza di frequente a tennis ed ho imparato le sue dinamiche tattiche, tecniche ed atletiche. Non sono un esperto ma è uno sport che posso dire di conoscere…

Ho avuto anche la possibilità di affinare le mie conoscenze all’Isef (ai miei tempi c’era anche un esame ti “Tennis” teorico e pratico) e qualche anno fa ho fatto anche da preparatore atletico ad un giovane tennista della mia città che ha cercato la via del professionismo.

Insomma il tennis mi piace e quindi mi sono buttato a capofitto nella lettura del libro, un bel “tomo” da 500 pagine…, per un lettore accanito niente di che per uno come me che legge 10-15 libri all’anno…..può significare leggerlo in più di un mese….

Invece no…., il libro mi ha preso fin dalle prime pagine e me lo sono “fumato” in 4 giorni!

Agassi non poteva scegliere titolo migliore per la sua biografia: OPEN

Open significa “aperto” in inglese ma viene utilizzato anche come sinonimo di torneo tennistico professionistico. Così si parla di U.S. Open, Australian Open, Open d’Italia ecc. Agassi si apre completamente, senza barriere, raccontando dettagli sconosciuti della sua vita professionale e personale!…

Agassi rivela nel libro il suo rapporto con il padre a dir poco ostico, racconta dei suoi primi amori, degli attuali, ogni dettaglio della sua carriera, i tanti momenti di difficoltà e di successo!

Questo libro mi è piaciuto soprattutto perché vengono trattati argomenti molto interessanti e che accendono molti spunti di ragionamento e di valutazione, alcuni molto vicini alla mia vita.

Per esempio la figura del padre è molto controversa. Un padre che ha deciso fin dalla sua nascita che Andre avrebbe dovuto fare il Tennista professionista, che gli legava una racchetta da ping pong alla mano quando era un infante per fargli colpire delle palline da tennis legate nella culla…. Un padre che non gli hai mai dato nessuna alternativa se non quella di giocare a tennis.. Il fallimento non era semplicemente previsto….

E’ un modo di concepire lo sport che non sopporto e che detesto ogni volta che lo riconosco in genitori/dittatori che non vedono ottusamente il ruolo educativo dello sport ma solo un modo per far ottenere ai figlio ciò che loro non sono stati in grado di fare…

Altro aspetto che ho gradito molto sono dei fantastici spunti di Programmazione Neuro Linguistica (materia che sto studiando e mi ha sempre appassionato). Agassi dimostra come il cervello possa essere un acceleratore fantastico di risultati oppure , viceversa, possa infilarti in un vicolo cieco senza nessuna possibilità di uscita! La carriera di Agassi è stata costellata da trionfi storici è sconfitte impensabili ed improbabili! Tutto ha dipeso dal suo modo di porsi nei Match e dalla sua preparazione atletica.., altro argomento per me, ovviamente “caldo”.

L’incontro con il suo storico preparatore Atletico mi ha letteralmente stupito ed attaccato alle pagine del libro! Mi ha impressionato trovare nella sua impostazione del lavoro e nella sua ricerca del dettaglio anche la mia linea di condotta professionale. In alcuni passaggi mi sono trovato spesso ad esclamare: “cavolo ma questa cosa la faccio anch’io!!”

:-)

La lettura del libro è stata un susseguirsi di momenti “stupefacenti” in quanto ho scoperto, pagina dopo pagina, tratti di unione con il protagonista! E’ stato divertente scoprire la passione per la velocità e le macchine sportive di Agassi, tra l’altro per alcune delle mie macchine preferite…

:-)

E’ stato bello vedere l’impegno nel sociale e nella beneficienza di Agassi, sensibilità che è mia già da quando ero adolescente…., anche se non mi piace parlarne….

In sintesi leggere il racconto della sua vita è stato come ripercorrere alcuni passi della mia……

In fine.., scoprire i retroscena di alcuni incontri che ho visto, ai tempi, in diretta televisiva è stato fantastico… Quante volte mi sono chiesto: cosa starà pensando in questo momento….? Cosa starà provando..?

Nel libro ci sono tutte le risposte…!!!

:-)

Consiglio la sua lettura a tutti gli sportivi, allenatori, preparatori atletici, appassionati di sport praticanti e non…, uomini e donne.., in sintesi semplicemente a chiunque!

E’ un libro che merita “5 stelle”!!!

:-)

Per oggi è tutto, ciao a presto e buon allenamento!!

:-)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Rèsce

    Rèsce

    Ribloggato da germogliare: 5 marzo, non ricordo l’anno, si è ammassato nella mia memoria. I coriandoli, una reminiscenza, c’erano i coriandoli, quelli piccoli,... Leggere il seguito

    Da  Germogliare
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La stanzina

    stanzina

    C'era, in fondo al corridoio della casa dei nonni, la " Stanzina". Era piccola e aveva una finestra che si affacciava sulle verdi colline intorno, così che lo... Leggere il seguito

    Da  Lifarnur
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La Lavannara

    La classica lavandaia scendeva il lunedì dalle colline del Vomero, di Posillipo, di Antignano, dell’Arenella. Quella più povera munita di un’ampia sporta, quell... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • La paura.

    paura.

    Se esiste, la paura, è quasi sempre quella di non essere felici. Ammette di non essere stata fortunata. Bocciata dalla felicità cerca di mettersi al riparo da... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI
  • La terra.

    Sono le 13. Al castello, nel punto più alto della città. Sovrasta un paesaggio verde, a tratti marrone, striato. E' la terra che si vede da qui. Non si vede lo... Leggere il seguito

    Da  All_aria
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La lettura

    lettura

    E’ morto l’orso polare dello zoo di Singapore. Poveretto aveva 36 anni. Magari e’ tanto per un orso polare. Ma che ci faceva a Singapore? Chissa’ in 36 anni... Leggere il seguito

    Da  Marinachieri1
    ITALIANI NEL MONDO, TALENTI, VIAGGI
  • La serialitá

    serialitá

    Le ultime lezioni del primo modulo del master dell'Accademia Drosselmeier sono dedicate al tema della lettura seriale. All'Universitá Antonio Faeti teneva in... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI, OPINIONI, TALENTI