Magazine Cultura

La vocazione di un pornografo

Creato il 06 novembre 2012 da Lucas

Mi sembrava fosse tempo di anniversari ma, sbadato come sono, me ne sono dimenticato. Due giorni fa, il 4 novembre, il blog di quel tal Lucas ha compiuto cinque anni. Un lustro.Devo dire qualcosa? No, non ho niente da dire, se non dire che sono contento di me stesso per essere ancora qui, voglioso, desideroso, quasi eccitato, potrei dire in fregola, davanti a questo schermo pronto, in tiro come sempre a scrivere qualcosa e poi buttarlo là, nell'indeterminato.
Piccoli post che, come farfalle che nascono da me bruco, svolazzano in cerca di qualcuno nella rete che le catturi, non oso dire le infilzi e ne faccia collezione, no, le osservi, come io stamani ho osservato una falena marrone scuro rintontita svolazzare intorno alla lampada e alla cappa di cucina, per poi posarsi sul piano cottura e lasciarsi prendere da me con un piccolo fazzoletto di carta e farsi gettare fuori in cerca di una faticosa e fredda libertà.
Non mi piace essere troppo autoreferenziale e rimandare ad un altrove che mi sembra lontano anni luce, ma poi no, mi ci sento ancora dentro certe parole, certe coscienze.Una meditata finzione.
Cosa è cambiato in me? Non mi sento più solo pur essendolo forse anche di più. Mi sento gettato, pubblicato, apputtanato (ma non ho mai chiesto marchette, mi do via a gratis).
Quel che mi ha ricordato che c'era una specie di anniversario da ricordare è stato questo pensiero: non scriverò mai un romanzo, un libro come un tempo sognavo o m'illudevo che forse avrei potuto scrivere e veder pubblicato da qualche editore in una bella collana. E liberata la mente da questa fola, sono stato capace (ahi, presunzione) di buttare fuori tutti gli scarti del mio presunto essere, quasi tutti, ovvio, mentire è naturale, a volte è d'obbligo trattenere la vocazione allo sputtanamento.
Sono contento, insomma, di aver trovato un pertugio in cui mostrare la manina e dire: ehi, ehi ci sono anch'io qui in questo mondo, così tanto perché non mi camminiate sopra i piedi e io non possa neanche bestemmiare o fare sì tutto contento che in fondo il male è poco.Ma soprattutto, tramite questo ferrovivo del blog ho avuto modo di conoscere personeche sicuramente non avrei mai conosciuto – blogger e non. 
Qui parla una mente all'opera, un cervello in una vasca che mentre si lava si masturba, perché solo attraverso il godimento e il patimento si spreme l'essere. L'indifferenza conduce alla stasi e, quest'ultima, è il primo segno certo della morte. Io scrivo perché è il mio corpo che lo dice, ormoni ed elucubrazioni, tutto compreso.Sotto sotto questo è un blog da pornografi, lo sento, la mia è un'indubbia vocazione.

La vocazione di un pornografo

Witold Gombrowicz, Pornografia, Feltrinelli

Ecco svelato il mio altarino: arriva un tipo di mezz'età, magro, abbronzato col sole di ottobre che gli  si spegne addosso, il naso a piffo. Si presenta a tutti voi, uno per uno, rispettando a puntino le formalità del caso, dopodiché continua (e continuerà) a dire qualcosa, piuttosto che nulla.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La scossa

    scossa

    Non ne ho mai fatto mistero: a proposito dei colloqui ho sempre preferito essere diplomatica, d'altronde non riesco a dimenticare che parliamo di una fascia... Leggere il seguito

    Da  Maestrarosalba
    CULTURA, FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La libellula

    libellula

    Mia madre ha efelidi minuscole che cadono dagli occhi. Labbra piene e denti falsi. Ha un sorriso che non ho mai visto, una gioia che non credo possa... Leggere il seguito

    Da  Barbaragreggio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La fontanella

    fontanella

    Domenica 28 Aprile 2013 14:35 Scritto da Giuliana Pauri (nonna Giuly) La fontanella sobbalzò non tanto per la voce tonante dell'oratore e nemmeno per il... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La guerra

    guerra

    La guerra, considerata come una condizione naturale e oggettiva indipendente dalla volontà degli individui, è la forma estrema cui può arrivare uno Stato... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • La frode

    frode

    di Nicholas Jareki con Richard Gere, Susan Sarandon, Tim Roth Usa, 2013 durata, 107 Sociologia del basso impero. E’ questo il complimento più bello che si... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • la classe

    classe

    A quanto pare, devono essere decisamente sorpresi, capitalisti e banchieri, di tutta questa "tranquillità"! Devono essere sorpresi se George Magnus, della UBS... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • La mattanza

    Era la prima cosa che Francesca pensava quando si metteva con qualcuno E poi, come lo lascio? Per questo non s’era messa con Antonio, troppo possessivo e... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines