Magazine Ecologia e Ambiente

Lampadina fai da te: con acqua e candeggina!

Creato il 16 dicembre 2015 da Deboramorano @DeboraMorano

bottiglia-luce-candeggina

Amy Smith, ingegnere del Massachussets Institute of Technology, aveva messo a punto l’economico sistema di illuminazione per le abitazioni più povere di Haiti, al fine di consentire agli abitanti di poter cucinare e lavare anche nelle proprie case in assenza di finestre.

La tecnologia sostenibile della “Solar Bottle Bulb” è stata poi importata anche nelle baracche di Manila nelle Filippine, grazie a Illac Diaz, dell’organizzazione no-profit My Shelter Foundational, e al progetto denominato Liwanag Isang Litrong (Un litro di luce).

Il progetto ha installato oltre 1000 bulbi di bottiglie solari e ha realizzato il Green Pavillon, un padiglione fatto di cassette di plastica e illuminato con le bottiglie ad acqua e candeggina.

Chiunque può creare con le proprie mani la lampadina incandescente con solo acqua, candeggina ed una bottiglia di plastica. Ecco cosa serve:

  • una bottiglia di plastica PET
  • acqua purificata o distillata
  • 3 cucchiaini di candeggina
  • cesoie
  • colla o silicone.

Per prima cosa si deve riempire la bottiglia con acqua distillata sino all’orlo e aggiungere la candeggina.

A questo punto è necessario sigillare la chiusura della bottiglia e praticare un foro, di circonferenza pari alla bottiglia scelta, sulla copertura entro cui sarà inserita la lampadina di luce naturale. Infine, si devono sigillare tutte le fessure con la colla per evitare infiltrazioni.

La bottiglia è incandescente di luce visto che i raggi del sole vengono rifratti grazie all’acqua, dall’esterno all’interno della casa.

Da un litro di acqua è possibile ottenere l’equivalente di una lampadina da 55 watt d’elettricità e la limpidezza dell’acqua viene garantita dalla candeggina all’incirca per 5 anni.

Si propone si seguito il tutorial su come costruire una lampadina con l’utilizzo della candeggina.

(fonte:http://www.ambientequotidiano.it)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :