Magazine Cinema

Le Belve

Creato il 24 settembre 2012 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

 Le Belve

Anno : 2012

Distribuzione : Universal Pictures

Durata : 131’

Genere : Drammatico

Nazionalità : USA

Regia : Oliver Stone

“Il fatto che io ti stia raccontando questa storia non significa che alla fine ne esca viva. E’ una di quelle storie in cui le cose vanno molto fuori controllo”. A parlare è O (Lively) , voce narrante della storia che prende il via nella sfavillante Laguna Beach, mecca suburbana e dimora dei ricchi e potenti. O (diminutivo di Ophelia), è una ragazza particolare, come lo sono i suoi coinquilini, il pacifista Ben (Taylor-Johnson) e l’ex Navy seals Chon (Kitsch); insieme condividono non solo il lussuoso appartamento a picco sul mare, ma anche un rapporto di amore totalizzante e completo. Non c’è dubbio nel cuore di O , la ragazza ama egualmente entrambi gli amici. Dopo un inizio piccante viene svelato il motivo dell’evidente agiatezza dei due ragazzi : Ben e Chon producono la migliore marijuana mai coltivata prima d’ora; impresari indipendenti ed “onesti”, con un prodotto strabiliante, sono gli eroi locali che forniscono un prodotto molto richiesto. Questi ragazzi sono ricchi, liberi e disinteressati al semplice profitto, Ben viaggia per il mondo portando avanti progetti di sostenibilità ambientale e beneficenza, mentre Chon, il più cinico dei due, tiene le “redini” dell’azienda. Ma la loro prolifica attività attira l’attenzione dei pezzi grossi del business, e i due ricevono l’offerta del cartello di trafficanti messicani di Baja, con a capo la spietata Elena “La reina” (Hayek), che si impone come socio dei ragazzi. La sua è un’offerta che non si può rifiutare, e chi lo fa sa che deve essere pronto a sacrificare tutto, anche la vita. L’esito sembra scontato, ma Ben, Chon ed O scatenano una battaglia senza precedenti contro i narcos, aiutati dal viscido agente della DEA Dennis (Travolta) e dal furbo commercialista Spin (Hirsch). Ha così inizio una guerra cruenta e feroce, che condiziona gli eventi, fino ad un finale inaspettato.

Tratto dal best seller di Don Winslow, questo film segna il ritorno sulla scena del grande regista Oliver Stone, che dirige una storia convulsa e rapida, senza tempi morti, dove si ha le netta consapevolezza del tempo che scorre verso un destino ineluttabile. Il punto di forza è sicuramente l’efficacia nel mostrare il legame indissolubile che lega i tre giovani protagonisti, pronti a tutto, anche a mostrare una crudeltà sottile e meschina pur di aiutarsi. I tre attori principali sono convincenti, Kitsch riesce a dare al suo Ben un’aria malinconica, a far capire la furia e la rabbia repressa che si celano dentro il suo cuore, mentre Taylor-Johnson dipinge il ritratto del giovane sognatore costretto a fare i conti con gli abissi dell’animo umano. Nota di merito per Blake Lively che si smarca totalmente dal suo personaggio nella serie tv Gossip Girl. La grandezza di Stone sta poi nel saper tirare fuori il meglio dai suoi caratteristi, e bisogna ammettere che un Travolta così in forma non lo si vedeva da tempo, mentre il perfido e brutale Lado di Benicio del Toro ricorda alcuni cattivi di stampo “tarantiniano”. La mano esperta del regista tiene ferma la barra del timone di questa storia, adattando con il suo stile personale gli eventi che già erano stati ben raccontati dall’autore del romanzo. Una violenza estrema e mai nascosta fa da contraltare all’amore dei tre giovani, e alcune scene lasciano davvero il segno per il livello di violenza e di orrore.  Immagini fantastiche di luoghi paradisiaci, guerre tra narcotrafficanti, amori contro ogni logica e una bella dose di sangue, Le Belve è un film coinvolgente che non mancherà di appassionare gli spettatori più esigenti e tutti i fans di Oliver Stone.

Emiliano Longobardi

Le Belve
Scritto da il set 24 2012. Registrato sotto IN SALA. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :