Magazine Coppia

Le cose

Da Bibolotty
Le cose
Da oggi ho una vera scrivania su cui lavorare e ora sto seduta finalmente comoda su una poltrona ergonomica e stabile.
Anche il mio Buddha da oggi è stabile, all’altezza giusta, il tavolinetto di bambù e la campana grande, dal suono ampio, grave, come la mia voce, e fiori e rami di eucalipto ai lati.
Il letto è ora rivolto verso il punto cardinale giusto, così il sangue circola meglio, le idee fluiscono e i sogni, forse, si faranno vita vera, la mia. Profuma di paglia e di riso il mio tatami e il futon è quello giusto per la mia schiena, quello giusto per rotolarcisi sopra e farci tutte le cose che mi piacciono tanto. Il Feng Shui raccomanda che nessuno specchio rifletta mai il letto, si rischia il tradimento, che la coppia raddoppi. L’ho fatto per vent’anni, come una cretina e non è servito a niente, oggi ne ho appesi cinque alle pareti, così avrò più scelta.
Le campane tubolari suonano al primo accenno di vento che qui al mare non è raro.
Adesso, il mio studio è in ombra, alzando lo sguardo non vedo più i colori di prima ma sento il canto degli stessi uccelli notturni, e del mare e poi, qui c’è anche mio padre che mi guarda da una cornice da due lire, ma non importa, l’importante è che sorrida seduto in quello scompartimento assolato mentre viaggia verso Nizza in un mattino di una vita fa.
Sul terrazzino di questa stanza poi, non c’è abbastanza luce per le piante che amo, per i cactus dai fiori fucsia e l’aloe che mi rallegra con fiori arancioni. Cercherò felci interessanti, piante d’aria forse perché da questo lato c’è molto più vento.
Da oggi ho tutti i miei libri accanto, sulla sinistra, dalla parte del cuore, e ho sofferto oggi per averli riposti un po’ a casaccio, per non averli aperti, non aver scorso qua e là un paragrafo, tre righe appena.
Da qui vedo “L’educazione sentimentale“ e la Cerosa di Parma, “Il diario di Sally Mara“ e “Lo scherzo“, non sono in ordine, ma tra qualche giorno lo avranno, anche se sono troppi i volumi che vorrei accanto, davanti, quelli che voglio prendere allungando il braccio.
È troppo tempo che non tocco la mia vita, le cose importanti che mi porto dietro da sempre e sono emozionata, felice.
Nella scatola azzurra di latta che bambina usavo per i giochi e adolescente per i rossetti, ora è perfetta per il lucido da scarpa e per le spazzoline di varia misura, per le lettere d’amore è troppo piccola ormai e poi, si usa l’e mail, e di certe storie non resterà più traccia tangibile e nemmeno di chi le ha scritte, digitate; Fra duecento anni non si saprà nulla della personalità dei due o più amanti, e cultura, omologati anche nelle capacità espressive, nel tratto per tutti uguale: Times di solito, Helvetica per i più originali.
Nei cartoni che puzzavano di container e di carta di giornale e di polvere, ho ritrovato anche la statuetta di Shiva intagliata a mano, un regalo inaspettato da un uomo che credevo lontano, sta bene accanto al comodino ottocento di nonna, in contrasto, così come le campane intonate invece ai miei stati d’animo.
E anche gli incensi e i diffusori di terracotta hanno trovato il loro posto, così come la piuma di fagiano che mia sorella mi ha regalato nel Kent, assieme a uno sguardo aperto e all’augurio di una vita felice.
I giochi, i miei dadi magici e le carte francesi hanno raggiunto le sue fiches collezionate per mesi in vista di un poker che non abbiamo organizzato mai. La rosa di Gerico che non ho mai immerso nell’acqua mi guarda da un piccolo cassetto dello scrittoio, domani la lascerò rivivere per poche ore prima che si secchi di nuovo in attesa di un mio atto di benevolenza.
Gli specchi in cui mi guardo di tanto in tanto mentre scrivo, quello inglese, il piccolo portacipria che mi regalò Celeste. Dietro di me, in alto, il ritratto che mi fece Valeria a casa di nonna nei momenti in cui dormiva, in cui non rivolgeva gli occhi al cielo pregando il suo cuore forte di cedere una buona volta.
Le cartoline delle mostre, De Chirico finalmente a vista, Matisse. Le candele colorate, tante, che misurano da sempre il tempo del mio amore.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le Figurine

    Figurine

    Alzi la mano colui che da piccolo non ha collezionato album di figurine. Da noi, alle elementari, era una vera ossessione. C'era un mercato floridissimo. Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • Un museo per le relazioni che finiscono

    museo relazioni finiscono

    Le relazioni d'amore possono avere diversa durata, essere più o meno felici o infelici, superficiali o profonde - eppure raramente trovano spazio pubblico se no... Leggere il seguito

    Da  Minerva Jones
    COPPIA, CURIOSITÀ, MUSEI ED ESPOSIZIONI, PER LEI, PSICOLOGIA
  • Cosa sono le Emozioni?

    Cosa sono Emozioni?

    +++ Parlero’ in prima persona, certo, come sempre, perchè dovrei nascondermi… pero’ le vostre risposte, i vostri commenti, i vostri pensieri questa volta li... Leggere il seguito

    Da  Gianpaolotorres
    SOCIETÀ
  • Le Corbusier et Le Voyage en Orient

    Corbusier Voyage Orient

    A Istanbul è davvero impossibile star dietro a tutti gli eventi importanti. Il 7 e 8 ottobre, ad esempio, l’università Bilgi e la fondazione Le Corbusier... Leggere il seguito

    Da  Istanbulavrupa
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Le Stalkers!

    Stalkers!

    Ok, è ufficiale: il mondo è dannatamente pieno di pazze! Pazze squalandrate che null'hanno da fare se non rincorrere la sottoscritta con paranoie al limite... Leggere il seguito

    Da  Sorellajc
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Le deleghe degli assessori

    deleghe degli assessori

    Ecco la ridistribuzione delle deleghe degli assessori della Giunta del Comune di Menfi dopo la nomina dei nuovi assessori. Ing. Leggere il seguito

    Da  Informamenfis
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Le gelosie

    gelosie

    Come un olio nero la tua assenza invadendo i mobili, i vestiti , lo specchio gli occhi dei mie gatti, ogni lettera d’ogni riga d’ogni pagina d’ogni libro, e... Leggere il seguito

    Da  Linda
    POESIE, TALENTI