Magazine Cultura

Le cronache di Wormwood

Creato il 23 giugno 2010 da Mcnab75
Le cronache di Wormwood

Le cronache di Wormwood

Di Jacen Burrows e Garth Ennis

BD Edizioni

144 pagine (colori), 13 euro

 

Danny Wormwood è un uomo di successo, produttore dei programmi più cool e controversi della televisione americana. Ama la sua fidanzata, anche se ogni tanto la tradisce con... Giovanna D’arco. Già, perché Wormwood è l’anticristo, il figlio di Satana destinato a scatenare l’apocalisse. Danny ha comunque piani diversi dal suo illustre genitore, non è minimamente interessato alla fine del mondo e preferisce trascorrere il tempo libero in un pub in compagnia del suo coniglio parlante e della reincarnazione di Gesù Cristo, un attivista di colore reso demente da una manganellata della polizia. Tutto normale, fino a quando un accordo tra il papa e il diavolo mette in moto un inesorabile ingranaggio, che costringerà Wormwood a lottare per sfuggire al proprio destino.

 

Commento

 

Un Anticristo che non ha voglia di fare il suo dovere e lavora come produttore televisivo.

Gesù reincarnato in un hippie rasta di colore.

Il Padre Eterno trasformato in un vecchio pazzo ammalato di autoerotismo compulsivo.

Un Papa depravato, alcolizzato e pornodipendente.

Un coniglio parlante che si diverte a insultare i fans di Star Wars sui forum dedicati alla nota saga.

Un barista col pene al posto del naso.

 

Questi sono alcuni degli elementi de Le cronache di Wormwood, ennesima genialata di Garth Ennis, pubblicata in Italia dai tizi della BD.

Incominciamo a dire che non è un fumetto adatto a tutti. Chi ha una sensibilità delicata su argomenti quali la religione, il sesso e la morale dovrebbe evitarlo come la peste. C'è di che rimanere offesi.

Per tutti gli altri, Wormwood sarà una bella cavalcata nel fantastico più irriverente ed esplicito, ma non privo di spunti filosofici e anche toccanti.

Come riportato nella sinossi, l'Anticristo vive tra noi, ma non ha alcuna intenzione di svolgere il compito per cui suo padre – Satana – l'ha messo al mondo. Anzi, a dirla tutta il nostro Danny Wormwood ha stretto amicizia con quello che in teoria dovrebbe essere il suo più acerrimo nemico, Gesù. I due si trovano abitualmente in un bar di New York per bere insieme e per parlare di quanto sia difficile sfuggire ai ruoli imposti a entrambi dai rispettivi padri.

Ma Satana non ha intenzione di lasciare che questa amicizia contro natura rovini i suoi piani per l'Apocalisse. Per assurdo, il diavolo troverà il suo migliore alleato nelle stanze vaticane, dove si è da poco insediato un Papa australiano che non si fa mancare nessun vizio: sesso con le suore, alcolismo, droga, torpiloquio, profanazione delle reliquie, corruzione.

 

Il cocktail è esplosivo ed Ennis lo miscela alla grande. Se si superano le prime pagine, un po' ostiche a livello di dialoghi, c'è di tutto per lasciarsi andare a un bel trip di cui rimarrà molto, una volta arrivati alla fine. Sia a livello di divertimento che, perché no, di riflessioni. Si parla del caro, vecchio libero arbitrio, e del concetto di bene e male, con tutte le sfumature che stanno nel mezzo. Ma Ennis lo fa senza predicozzi indigesti e banalità assortite.

 

Contribuisce alla buon riuscita dell'insieme anche la bravura di Jacen Burrows, autore di disegni validissimi. Il meglio di sé lo dà raffigurando le immagini infernali, roba che perfino Dante non avrebbe avuto l'ardire di immaginare. Memorabile la comparsa di Satana su un'enorme trono mobile caricato sulle spalle dei “defunti Re della terra”: Bush, Pinochet, Saddam, Gorbaciov, Khomeini, la Thatcher e via dicendo. Questa singola tavola da sola varrebbe l'acquisto del volume. Ma per fortuna c'è ben altro.

Non fatevelo mancare.
 

Le cronache di Wormwood

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • § Le bucoliche §

    Come detto, sto dedicando le mie ore di insonnia notturna alla lettura di Tre uomini in barca. Forse non tutti sapranno, che in origine Jerome K. Jerome, detto... Leggere il seguito

    Da  Faith
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Le "Onde"...

    "Onde"...

    Una mattina, mi svegliai e entrai in cucina per far colazione, accesi la radio: un giornalista stava intervistando di buon'ora un compositore, un musicista,... Leggere il seguito

    Da  Giovannipaoloferrari
    CULTURA, MUSICA
  • Le scarpe

    scarpe

    Forse una delle invenzioni più importanti della storia del costume, le scarpe tra Sette e Ottocento saranno al centro dell'approfondimento di questo post... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, MODA E TREND, STORIA E FILOSOFIA
  • “Le acrobate”

    acrobate”

    1997: Le acrobate di Silvio Soldini Uno dei più bei film italiani (e non solo) degli ultimi tempi. Accostato più volte ad Antonioni per lo stile asciutto, Silvi... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Le cinefile - ottobre 2010

    cinefile ottobre 2010

    Jon Hamm in The TownIn THE TOWN ci stanno Don Draper, L'uomo in nero e Serena van der Woodsen tutti insieme!!!LA PRIMA COSA BELLA: La prima cosa moscia.L'UOMO... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • Lucas, le sue inquietudini

    La speranza di pure rivedertim'abbandonava;e mi chiesi se questo che mi chiudeogni senso di te, schermo d'immagini,ha i segni della morte o dal passatoè in esso... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Neil Young, Le Noise

    Neil Young, Noise

    di Loris Pattuelli Neil Young ha colpito di nuovo il bersaglio, ed anche questa volta, statene pur certi, sarà un bel dividersi tra scettici ed entusiasti. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA, MUSICA