Magazine Cultura

Le donne, una delle tante fantastiche perversioni di Edgar Allan Poe

Creato il 04 marzo 2014 da Stupefatti
Le donne, una delle tante fantastiche perversioni di Edgar Allan Poe
Fragili, scricchiolanti, pronte a spezzarsi. Malate, rosicchiate dal morbo, sempre a cavallo tra esistenza e non-esistenza. Sono le donne di Edgar Allan Poe. Elizabeth Arnold Hopkins Poe, sua madre, che morì quando lui aveva due anni. La madre adottiva Maria Allan, che morì quando lui ne aveva venti. Virginia Clemm, la sua cugina tredicenne, che Poe sposò quand’era già un uomo maturo. Virginia Clemm che proprio davanti a lui ebbe il suo primo attacco di tubercolosi, il morbo che se la porterà via lentamente, ferocemente. Un fiotto di sangue nero dalla bocca, su quella faccia bianca, candida, pura. Il caldo schifo della realtà sulla fredda superfice dell’illusione. Benerice, Morella, Eleonora, Ligeia. Tutte le donne dei suoi racconti. Donne che immancabilmente si ammalano e muoiono, disperdono i loro ultimi soffi di vita nel gelo più assoluto di un raziocinio ossessivo che nonriesceaspiegarenonriesceaspiegare, vengono inesorabilmente rosicchiate dal morbo, scricchiolano sotto il peso dell’esistenza, crollano disfacendosi in una morte prematura. E l’Amore di Poe, che più trova malattia e morte e più si ingigantisce, prolifera e si alimenta, assume le tinte nere e vermiglie dell’ossessione, assume i contorni dell’impresa epica – Amore senza se e senza ma – proprio a contatto con la malattia e la morte. Tanto che a volte sembra che ami più la caducità della vita che la vita stessa. In Poe troviamo una rappresentazione estrema/distorta/allucinata di un qualcosa che è presente in tutte le dinamiche umane. La predilezione ad amare ciò che è svanito, o sta per svanire. E ciò significa: amare ciò che non esiste e non esisterà. E spesso – la mente umana è l’anticamera dell’inferno – ciò che non è mai esistito. Al di là di ogni apparenza, i vantaggi sono molteplici. In questo modo non si prova quasi un senso di potenza? Uno struggimento puro, estremo, che fa sentire inattaccabili su tutti i fronti? Un dolore che fa stare perfino bene? Un sentimento che – cosa più interessante - lava la coscienza e – una volta ogni tanto – è immune da sensi di colpa?Illustrazione di Marina De Santis
Note

1) In “Morella” la cosa è esplicita, buttata lì senza vergogna. Morella ha un’erudizione spaventosa ed è ossessionata dai “temi proibiti” e dal mistero dell’Identità. Il marito, all’inizio adorante, comincia presto a provare per lei un fastidio che assomiglia all’odio.

Ma era ormai venuto il tempo in cui il mistero dell’atteggiamento di mia moglie mi opprimeva come un sortilegio: non riuscivo piu’ a sopportare il tocco delle sue esili dita ne’ il tono sommesso della sua musicale favella ne’ lo sfavillio dei suoi occhi malinconici.
Quando Morella si ammala, il marito comincia ad attendere ardentemente la sua morte.
Dovro’ dunque dire che attendevo con un desiderio ansioso, divorante, il momento del trapasso di Morella? Eppure e’ vero, ma il fragile spirito si avviticchiò al suo abitacolo di creta per molti giorni, per molte settimane e tediosi mesi sino a che i miei nervi tormentati ottennero il dominio della mia mente e il ritardo mi infuriò e con cuore demoniaco maledissi i giorni, le ore, gli amari momenti che sembravano allungarsi senza fine mentre la sua dolce vita declinava cosi’ come si allungano le ombre nello smorire del giorno.
Sul punto di morte, Morella pronuncia le parole fatidiche.
- Questo è il giorno dei giorni- mi disse [..] – Sto per moriree tuttavia vivro’.- Morella!- Non sono mai venuti i giorni in cui tu mi avresti potuto amare, ma colei che in vita hai aborrito in morte adorerai.
E partorisce una bambina che presto diventerà la sua copia perfetta, vera e propria incarnazione metaforica dell’Amore Possibile diventato Amore Impossibile.
La sua creatura alla quale nel morire aveva dato luce e che non respirò se non quando la madre ebbe cessato di respirare, la sua creatura, una bambina, visse. E questa crebbe stranamente di statura e d’intelletto ed era l’immagine perfetta di colei che era scomparsa, e io l’amai di un amore tanto fervido quale non credo possa essere sentito da un altro abitante di questo pianeta.
2) Un'altra citazione, questa volta da Berenice.
I ricordi dei miei primissimi anni sono legati a quella stanza e ai suoi libri, di cui non dirò nient’altro…In tale stanza sono nato. Ridestandomi così dalla lunga notte di ciò che sembrava, ma non era, il non essere, per giungere, d’un ratto, nella terra stessa della fiaba, in un palazzo della fantasia, negli strani domini del pensiero e dell’erudizione monastica, non è affatto singolare che mi guardassi intorno con occhi ardenti e stupiti, che seppellissi la mia fanciullezza nei libri, edissipassi la mia gioventù nella fantasticheria; singolare davvero è, invece, mentre gli anni fuggivano e il meriggio della virilità mi trovava ancora nel maniero dei miei avi, sorprendente è davvero l’arresto che colpì le sorgenti della mia vità, stupefacente la completa inversione che si operò nel corso dei miei più semplici pensieri.Le realtà del mondo mi giungevano come visioni, e soltanto come visioni, mentre le folli idee della terra dei sogni divenivano, in cambio, non solo l’elemento della mia vita quotidiana, ma, realmente, la mia sola e intera esistenza.
3) Tutta sta roba dell'Amare Quello Che Non C'è è molto leopardiana, lo so. Ecco a proposito un brano molto significativo del Dialogo di Cristoforo Colombo e Pietro Gutierrez, dalle Operette Morali di Giacomino Leopardi (leggi tutto su www.leopardi.it). 
Credesi comunemente che gli uomini di mare e di guerra, essendo a ogni poco in pericolo di morire, facciano meno stima della vita propria, che non fanno gli altri della loro.Io per lo stesso rispetto giudico che la vita si abbia da molto poche persone in tanto amore e pregio come da’ navigatori e soldati.Quanti beni che, avendoli, non si curano, anzi quante cose che non hanno pur nome di beni, paiono carissime e preziosissime ai naviganti, solo per esserne privi!Chi pose mai nel numero dei beni umani l’avere un poco di terra che ti sostenga? Niuno, eccetto i navigatori, e massimamente noi, che per la molta incertezza del successo di questo viaggio, non abbiamo maggior desiderio che della vista di un cantuccio di terra; questo è il primo pensiero che ci si fa innanzi allo svegliarci, con questo ci addormentiamo; e se pure una volta ci verrà scoperta da lontano la cima di un monte o di una foresta, o cosa tale, non capiremo in noi stessi dalla contentezza; e presa terra, solamente a pensare di ritrovarci in sullo stabile, e di potere andare qua e là camminando a nostro talento, ci parrà per più giorni essere beati.
4) Due ritratti di Virginia Clemm, la sposa bambina di Poe.


Le donne, una delle tante fantastiche perversioni di Edgar Allan Poe
Le donne, una delle tante fantastiche perversioni di Edgar Allan Poe

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Hot Fuzz (Edgar Wright, 2007)

    Fuzz (Edgar Wright, 2007)

    Terminiamo le recensioni dei film della così detta "Trilogia del Cornetto" con il secondo film uscito in ordine cronologico: Hot Fuzz. Leggere il seguito

    Da  Frank_romantico
    CINEMA, CULTURA, MUSICA
  • Le carriole

    carriole

    Quando apparve sullo schermo Jack Nicholson in una serata primaverile di un’infanzia complicata, eppure arditamente aspirante a una necessaria e fisiologica... Leggere il seguito

    Da  Lundici
    CINEMA, CULTURA, OPINIONI
  • Edgar Lee Masters (1868-1950), Spoon River 5

    Edgar Masters (1868-1950), Spoon River

    The Hill Where are Elmer, Herman, Bert, Tom and Charley, The weak of will, the strong of arm, the clown, the boozer, the fighter? All, all are sleeping on the... Leggere il seguito

    Da  Marvigar4
    CULTURA
  • Le Fantozziadi

    Fantozziadi

    Lisandro Rota, La rivolta degli origami 1. Metti gli stivaletti alti, tanto che ci fa? Li porto poche ore.....che poi si tramutano nell'intera giornata!2.... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • Le fate

    fate

    Pubblicità Questo spazio permette al sito di continuare ad offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti! La fiaba Giovedì 07 Novembre 2013 14:50... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • “L’arte non è quello che vedi ma quello che fai vedere agli altri” (Edgar Degas)

    “L’arte quello vedi vedere agli altri” (Edgar Degas)

    Dal 23 ottobre il Museo dell’Ara Pacis a Roma ospita la mostra “Gemme dell’Impressionismo. Dipinti della National Gallery of Art di Washington”, che per la prim... Leggere il seguito

    Da  Skip
    CULTURA
  • le démantèlement

    démantèlement

    (Canada 2013) è stato presentato al XXXI Torino Film Festival, nella sezione Torino 31. Malinconico, elegante, sotto le righe: tipico prodotto da festival... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA

Magazines