Magazine Attualità

Le due Italie e i cattivi amministratori

Creato il 08 aprile 2010 da Funicelli

L'articolo di Sergio Romano, sulla protesta dei sindaci lombardi:

Il secondo fenomeno riguarda l’unità del Paese. La democrazia dal basso, di cui il movimento lombardo è una battagliera espressione, non ha avuto ovunque gli stessi effetti. Al Nord ha creato servizi migliori e una classe dirigente più capace e responsabile. Al Sud, con qualche lodevole eccezione, ha creato clientele, voto di scambio, affarismo e una burocrazia ridondante se non addirittura parassitaria. La combinazione di questi due fenomeni — elezione diretta del sindaco e risultati diversi a seconda della latitudine — ha reso ancora più evidente l’esistenza di due Italie dove una stessa norma può produrre effetti opposti. Sarebbe interessante sapere se nella classe dirigente più responsabile (secondo l'ex ambasciatore) compare anche la classe politica finita negli scandali di Tangentopoli (a Milano come in altre città del nord). E in merito al fatto di saper amministrare meglio, andate a Como a sentire i cittadini cosa ne pensano del proprio sindaco Bruni (quello del muro sul Lago, per intenderci). Forse al sud, la cattiva amministrazione si percepisce di più solo perchè il livello dell'asticella (ovvero i diritti costituzionali sanciti dalla Costituzione, che non sono invece garantiti dallo stato) è più basso. Ma, come diceva Sciascia, basta aspettare che la linea della palma salga la penisola...... Il rischio, a continuare a parlare delle due Italie, è che si crei l'alibi per la "secessione leggera" in arrivo col federalismo fiscale voluto dalla Lega. Di questo se ne parla stasera ad Annozero, "Il profeta": Quali i costi e l’impatto di questo progetto sullo stato sociale? C’è il rischio di una “secessione leggera”, come i dati sul costo della vita, sui redditi, sull’occupazione sembrano ormai indicare? Tremonti e’ il ministro che ha previsto profeticamente i risultati elettorali e la vittoria della Lega. Ma e’ anche l'esponente politico che ha in mano le chiavi per aprire il nuovo corso dell’azione di governo. Assieme al Ministro dell'Economia intervengono in studio Gad Lerner, il sociologo Luca Ricolfi, il professore di Storia delle dottrine politiche all’Università di Milano ed editorialista de La Padania Stefano Bruno Galli, l’imprenditore Diego Della Valle

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le nuove relazioni sindacali

    nuove relazioni sindacali

    Quello descritto da Staino e proposto dalla Fiat non è esattamente un modello da seguire. Di strada le aziende ed i sindacati in Italia ne hanno da fare. Leggere il seguito

    Da  31canzoni
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Dove sono le immunità?

    L'inchiesta sui presunti fondi illeciti presi da Sarkozy va avanti. Sarkozy, c'è l'inchiesta su fondi illeciti ricevuti "Tracce della tangente"(Il... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Incrociamo le dita

    Ho un debole per le decisioni irrevocabili, soprattutto quando lo rimangono. Le dimissioni irrevocabili, poi, mi fanno impazzire: ci vedo dentro un “andate a... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Le urla nel buio

    urla buio

    Stop Violence against women - Amnesty International Chi fa male ad una donna è una persona abietta, meschina, “piccola”, sadica, una pallida immagine di sè... Leggere il seguito

    Da  Cobain86
    MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Le pagelle elettroniche

    La pagella di Maurizio Crozza a ScreensaverDal 2012 le pagelle scolastiche saranno disponibili on line. Ancora due anni, quindi, e i genitori potranno consultar... Leggere il seguito

    Da  Simone D'Angelo
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • § Le bucoliche §

    Come detto, sto dedicando le mie ore di insonnia notturna alla lettura di Tre uomini in barca. Forse non tutti sapranno, che in origine Jerome K. Jerome, detto... Leggere il seguito

    Da  Faith
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Oltre le regole

    | Pagina 1:La crisi in cui l’economia mondiale è ancora impantanata porta con sé un grande insegnamento: la ripresa non potrà avvenire senza il libero contribut... Leggere il seguito

    Da  Artigianauta
    SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ

Magazines